Negazionisti, l'olocausto è innegabile

Mercoledì 10 Aprile 2019
3
Ma come si spiega a negare l'Olocausto? Prove concrete di fatti e avvenimenti criminosi contro il genere umano alla luce di tutti con strutture, filmati, fotogrammi, video, comprovanti la furia genocida disumana. I negazionisti, peraltro un reato di pensiero in alcuni stati del mondo, si prodigano come revisionisti storiografici in virtù di filosofie da saccenti intellettuali che non hanno provato sulla loro pelle gli effetti indescrivibili di violenze mostruose da esseri non degni di questo mondo. Questi negazionisti o pseudorevisionisti si crogiolano a pensare o filosofare su fatti storici palesemente avvenuti in tempo di pace, ingrati alla vittoria dei Russi e degli Angloamericani con forze coattive alleate, magari seduti su una poltrona comoda senza avere sperimentato le nefandezze delle atrocità naziste. Tant'è vero che durante il processo di Norimberga, tremila tonnellate di materiale ed un totale di 92 volumi resi pubblici negli anni postbellico, costituiscono prove sconcertanti d'accusa dimostranti che l'Olocausto fu ed e' innegabile.
Giancarlo Lorenzon
Spresiano (Tv)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci