Nessun altro Paese ha distrutto mercato del lavoro e produzione come noi

PER APPROFONDIRE: lavoro, manovra, pensioni
Riduciamo il “cuneo” sulle buste paga (cuneo?), perché solo per queste poi resta un mistero, tuona Conte. Via Quota 100 dice Renzi. Non serve spiegare cos’è questo cuneo, si può solo dire che è maggiore nel lavoro autonomo che in quello dipendente. Non è vero? Breve verifica di due prestatori di manodopera.

Se Tizio, lavoratore dipendente, costa al suo datore di lavoro 25.000 euro all’anno, dopo il salasso fiscal/contributivo si ritrova in tasca, netti da spendere (per subire poi ulteriori tassazioni), 14.310 euro con una “perdita” del 43%. Se invece è Caio, lavoratore autonomo, a costare al suo datore di lavoro, perché questo è un committente, gli stessi 25.000 euro, in tasca gli restano 11.360 euro e la sua perdita è stata del 55%. 12 punti di differenza non sono pochi per un eterno precario, per giunta senza alcuna tutela. È chiaro che elettoralmente conviene favorire i primi, circa 25 mln di persone, 40 mln con i parenti, che non una minoranza assoluta, da sempre marchiata con il timbro “evasore”.

Passo ora a Renzi. Vuole abolire Quota 100? Va bene la tolga, ma sostituisca il sistema previdenziale con qualsiasi altro già funzionante in Europa, scelga il migliore. Nessuno costa quanto quello italiano. Nessuno ha distrutto il mercato del lavoro e la produzione come quello di casa nostra. In sintesi non si può parlare separatamente di paghe e previdenza. I due temi sono inseparabili fratelli siamesi. Prima capiscano questo, poi lancino le loro idee. Idee? Che roba è?


Arch. Claudio Gera

Lido di Venezia
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 19 Ottobre 2019, 09:39






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nessun altro Paese ha distrutto mercato del lavoro e produzione come noi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-10-22 18:29:45
Le cause sono sotto gli occhi di tutti: tassazione opprimente, burocrazia borbonica, infrastrutture da terzo mondo che si sommano all'adozione dell'Euro, all'Austerity impostaci dall'Europa, alla folle Globalizzazione e all'incontrollata Immigrazione. Abbiamo voluto distruggere un Paese che nel 1991 era la quarta potenza economica al mondo. Grazie a Tutti !