Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Doppio femminicidio a Vicenza, Lidia aveva ricevuto una lettera anonima: «Stai attenta»

Il testo, scritto in una calligrafia quasi incomprensibile, avvertiva Lidia a «non andare in giro», ed era firmato «una tua amica»

Venerdì 10 Giugno 2022
Doppio femminicidio a Vicenza, Lidia aveva ricevuto una lettera anonima: «Stai attenta»

Una lettera anonima di «un'amica», un avvertimento a Lidia Miljkovic: «Non andare in giro, sei in pericolo». Era stata trovata nella cassetta postale della nuova abitazione della donna tre giorni prima del duplice femminicidio di Vicenza, il teatro di sangue allestito da Zlatan Vasiljevic che dopo aver ucciso l'ex moglie e la compagna, con la quale era in crisi, si è ammazzato. Il particolare inquietante è stato rivelato oggi da Daniele Mondello, che assieme a Lidia stava cominciando una nuova vita, lontana dalle violenze e dai soprusi. Qualcuno sapeva, e voleva metterla in guardia. Assieme a parenti delle due donne e a dei testimoni, Mondello è stato ascoltato in Questura, dove si sta cercando di ricostruire la dinamica del duplice delitto, e poi del suicidio di Vasiljevic, e delle giornate e ore precedenti. ​

Autopsie in corso, lunedì i funerali

Fra le persone sentite dalla Polizia c'è stato anche l'ex marito di Gabriela Serrano, l'altra vittima, che è rientrato dalla Spagna dove si era trasferito assieme alla figlia. Oggi si sono svolte le autopsie sui tre corpi, e a breve dovrebbe giungere dalla magistratura il nulla osta ai funerali, che potrebbero così venire celebrati all'inizio della prossima settimana. Al vaglio degli investigatori infine anche le immagini delle telecamere di sorveglianza nella zona del quartiere Gogna, dove Lidia è stata trovata morta in strada e da cui Vasiljevic è fuggito nell'auto, dove c'era il corpo senza vita di Gabriela uccisa per prima. Qualcuno dunque aveva capito che Zlatan Vasiljevic poteva colpire, non essendo tra l'altro più soggetto alle misure restrittive disposte dalla magistratura, dopo l'arresto nel 2019 e dopo aver scontato la pena di un anno e mezzo per maltrattamenti e lesioni. Dalla sentenza del processo d'appello, celebrato nel 2020 a Venezia, era addirittura stata sottolineata la «prognosi favorevole circa la futura astensione dalla commissione di altri reati» del killer, che così aveva goduto di uno sconto di pena rispetto all'anno e 10 mesi ricevuti in primo grado, e la sospensione condizionale.

 

Il Gup: «Concezione uomo-donna padronale»

La decisione si era basata su una relazione del Servizio dipendenze dell'Ulss 8 di Vicenza, al termine di un periodo di trattamento terapeutico e rieducativo di Vasiljevic presso l'associazione 'Ares', tra il 2019 e il 2020. «La valutazione finale è positiva - attestavano i giudici d'appello -evidenziandosi una condizione di astinenza iniziata almeno un anno prima, senza ausilio di terapia farmacologica». Una conclusione che stride con quanto soltanto un anno prima aveva scritto il Gup di Vicenza, secondo cui Vasiljevic rimaneva pericoloso perché aveva «un sostrato culturale arretrato, basato su una concezione del rapporto uomo-donna di tipo padronale e dominante, che nemmeno l'avvio del procedimento penale aveva in alcun modo scardinato e ridimensionato». 

Zlatan, il piano del killer di Vicenza prima del suicidio: ha ucciso la nuova compagna Gabriela, poi l'ex moglie Lidia

Da qui la decisione del giudice di primo grado di non concedere il beneficio della sospensione. Una volta rimesso in libertà, invece, l'uomo in poco tempo è tornato a perseguitare la sua ex, stringendo un nuovo legame tossico con Gabriela, anch'esso finito e poi portato al tragico epilogo di mercoledì scorso. Per approfondire le circostanze che hanno condotto a decisioni così diverse tra loro, e poi al duplice femminicidio, la ministra della Giustizia Marta Cartabia ha chiesto ai suoi ispettori di avviare approfondimenti. Il primo passo dell'ispettorato - una volta aperto un fascicolo - sarà chiedere una relazione ai vertici degli uffici giudiziari.

Ultimo aggiornamento: 18:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA