Porta il ventilatore in ufficio: licenziato, ma il giudice lo fa reintegrare

Porta il ventilatore in ufficio: licenziato, ma il giudice lo fa reintegrare

di Gianluca Amadori

Licenziato per colpa di un ventilatore che, secondo l'azienda, il dipendente non sarebbe stato autorizzato a portare con sé al lavoro, e per il quale la vicenda finì con una denuncia in Procura. Il Tribunale di Venezia ha però annullato quel provvedimento, emesso due anni fa, in quanto ritenuto illegittimo, e ha condannato la Triveneta sicurezza srl, la società che si occupa della security all'interno dell'aeroporto Marco Polo di Venezia, a reintegrare il lavoratore al suo posto e a risarcirlo con 12 mensilità.

Toninelli licenzia con una mail Coppola, il prof che aveva dato l'ok alla Tav

Viene licenziato e la moglie lo lascia
 




La sentenza, emessa dal giudice Chiara Coppetta Calzavara, pone fine in primo grado ad una vicenda piuttosto singolare, ma il contenzioso in sede giudiziaria proseguirà in quanto la società, assistita dagli avvocati Andrea Bortoluzzi e Marta Molesini, ha già presentato appello.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 9 Agosto 2019, 19:06






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Porta il ventilatore in ufficio: licenziato, ma il giudice lo fa reintegrare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti