Focolai, a Bologna nuovo caso: dopo la Bartolini, 29 positivi anche alla Tnt

Venerdì 10 Luglio 2020
Focolai, a Bologna nuovo caso: dopo la Bartolini, 18 positivi anche alla Tnt

Dopo la Bartolini, la Tnt. Ancora un focolaio di coronavirus nella logistica, sempre a Bologna, ed è per questo che la Regione Emilia-Romagna sta pensando di rendere obbligatori i test sierologici per i lavoratori di un settore considerato più a rischio di altri. Nello stabilimento bolognese dell'azienda sono per ora 29, spiega l'Ausl, i positivi, di cui tre sintomatici. Tutti sono in isolamento ed è in corso un ampio screening, anche tra i familiari. 

LEGGI ANCHE Bartolini, altri 12 positivi: salgono a 107 i casi nel focolaio del deposito di Bologna
LEGGI ANCHE Bartolini, 27 nuovi casi: si sommano ai 64 già tracciati nel focolaio del magazzino di Bologna
LEGGI ANCHE Virus, 10 focolai in Italia da Mondragone a Como. Crisanti: «Rischi nuovi lockdown locali»
 


Per ora l'attività di contact tracing, fatta tra l'8 e il 9 luglio nell'azienda, ha prodotto complessivamente 214 tamponi e di alcuni di questi si attende l'esito. Il luogo di lavoro dello spedizioniere è attualmente aperto, dopo essere stato sanificato nella notte, dice l'azienda, che assicura di aver sempre operato «sin dall'insorgenza dell'emergenza sanitaria», per «tutelare la sicurezza e la salute di tutti i lavoratori adibiti presso i propri siti italiani, e continuerà a farlo nel pieno rispetto delle vigenti disposizioni, anche di carattere emergenziale». E mentre la Cgil chiede più controlli e attenzione, segnalando le criticità di un settore «ad alta intensità con uno spezzettamento di società diverse che operano nello stesso luogo (appalti e subappalti), l'assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, annuncia un provvedimento specifico: «Sia chiaro: non vogliamo bloccare una filiera così nevralgica come quella della logistica, ma non possiamo tollerare alcun rischio per la salute e la sicurezza di tutti gli emiliano-romagnoli. Per questo, in pochi giorni definiremo un'ordinanza regionale che renderà i test sierologici obbligatori per tutti i lavoratori del settore». Anche quest'ultimo focolaio, sottolinea, è stato rapidamente circoscritto: «Tutti i casi vengono trattati con la massima attenzione».
 
 

Ultimo aggiornamento: 19:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA