Riaperture, l'appello dei ristoratori: «Luce verde anche con i locali al chiuso dal 15 maggio oppure imprese destinate al fallimento»

Mercoledì 21 Aprile 2021
Riaperture, l'appello dei ristoratori: «Al chiuso dal 15 maggio oppure imprese destinate al fallimento»

Le riaperture, così come da bozza del prossimo decreto legge, non convincono tutti. Sul chi va là i gestori dei ristoranti che dal 26 aprile al 31 luglio potranno riaprire anche a cena dal 26 aprile ma solo se con spazio all'aperto. Sul coprifuoco alle 22 le Regioni invocano un ripensamento. «Chiediamo di riaprire anche all'interno dei locali dal 15 maggio e non da giugno, altrimenti le imprese sono destinate al fallimento - ha detto il vice presidente Fipe-Confcommercio Aldo Cursano -. L'impressione è che in qualche modo si voglia continuare a penalizzare chi chiede solo di poter ritornare a vivere con dignità del proprio lavoro. E anche questo segnale di ripartenza ragionata, di fatto, è una ripartenza non solo a metà, perché esclude più della metà delle attività, ma non dà un segnale di prospettiva: infatti chi ha grandi spazi e ha investito nell'areazione, in sistemi di sanificazione e nei distanziamenti, alla fine viene messo fuori legge».

Nuovo decreto, scontro tra regioni e governo sul coprifuoco. Patuanelli: «Resta alle 22». Bonetti: «Alle 23 sarebbe più funzionale»

Anche perché anche chi ha uno spazio esterno, non dispone di tavoli a sufficienza per sostenere l'attività: «Il 50% dei ristoranti e bar che hanno un dehors, la stragrande maggioranza ha due o tre tavolini davanti al proprio locale. Noi stiamo insistendo e proponiamo il 15 maggio - sottolinea - per ripartire anche all'interno dei locali perché il governo, il commissario Figliuolo e il Cts ci dicono che per quella data saranno vaccinati tutti gli ottantenni e i settantenni».

Sul coprifuoco: «Ma che cambia con le 23 o le 24?»

Resta la polemica per il coprifuoco ancora alle 22: «È un'altra coltellata perché vuol dire non consentirmi di far cenare i clienti. Ma che differenza fa tra le 22 e le 23 o le 24? - chiede Cursano -. Dopo 14 mesi buttare situazioni lì e non parametrarle alla messa in sicurezza delle persone, continuare a generalizzare il mondo del pubblico esercizio confondendo il ristorante che ha 200, 300 mq per posti in assoluta sicurezza, con i luoghi di ritrovo, dove si va per un aperitivo, con la movida, fa male».

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA