Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, presunto killer latitante percepiva reddito di cittadinanza: arrestato

I carabinieri lo scovano a Casavatore, dov'è nato 67 anni fa

Venerdì 16 Settembre 2022
Napoli, presunto killer era latitante ma percepiva reddito di cittadinanza: arrestato

Era latitante da 9 mesi, gravemente indiziato per omicidio ma percepiva il reddito di cittadinanza. Antonio Pezzella, 67 anni, ritenuto affiliato al clan Amato-Pagano è stato arrestato oggi a Casavatore (Napoli) dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Napoli. 

Stazione Termini, palpeggia due ragazze mentre fanno il biglietto: condannato a un anno

Latitante da gennaio 

Pezzella era latitante da gennaio quando aveva fatto perdere le sue tracce sottraendosi a un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dalla Corte di Assise d'Appello di Napoli. È ritenuto gravemente indiziato dell'omicidio e dell'occultamento del cadavere di Gaetano De Pascale, cugino del boss Paolo di Lauro, ucciso nel novembre del 2004 durante la cosiddetta «prima faida di Scampia». Il 67enne è stato individuato in un'abitazione di Casavatore, comune dell'hinterland dove è nato il 14 ottobre del 1954, al termine di una complessa indagine che ha tenuto sotto un costante monitoraggio il web e i flussi bancari.  

Auto lanciata sulla folla, Emanuele Travaglini: «Sto male, chiedo perdono»

 

Ultimo aggiornamento: 18:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA