Napoli, inseguita e speronata dal fratello perché ha una relazione lgbt cade dallo scooter e muore a 22 anni

Sabato 12 Settembre 2020 di Marco Di Caterino
Napoli, inseguita e speronata dal fratello perché gay cade dallo scooter e muore

Ha ucciso la sorella ventenne speronando il suo scooter e ha pestato a sangue la compagna della ragazza ferita dopo essere caduta dalla moto. Il motivo? Non sopportava più quella che per lui era una «vergogna», ovvero la loro relazione sentimentale tra la ragazza e la compagna trans, nata donna che però stava diventando uomo. Insomma, una relazione lgbt. E poi c’erano da sopportare tutti quei commenti sotto voce, quelle mezze frasi sulla sorella che giravano nel parco Verde di Caivano (Napoli), fortino della camorra, dove le relazioni sentimentali vengono passate al setaccio, figurarsi quella omosessuale nemmeno nascosta da Maria Paola Gaglione, 22 anni, e dalla sua compagna, trans di Acerra. 

LEGGI ANCHE Bacio gay in spiaggia, coppia aggredita dai bagnanti al Poetto di Cagliari

I due avevano una relazione stabile, cementata da qualche anno di convivenza. Ed erano felici. Una unione duratura che è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso pieno di fiele e rancore represso per anni dal fratello, Antonio Gaglione, 25 anni. Per il giovane quella storia d’amore, mai nascosta ma nemmeno sbandierata a tutti i costi, vissuta come normale quotidianità di affetti e passione, era peggio di una coltellata alla schiena. E cosi l’altra notte Antonio ha deciso che servisse una lezione, ha inforcato il suo scooter e ha seguito Maria Paola e il compagno, la prima alla guida, che a bordo della loro moto erano in viaggio da Caivano ad Acerra.
 

 

LO SPERONAMENTO
Questa assurda tragedia ha avuto il suo epilogo in via Etruschi ad Acerra. Antonio Gaglione, con una improvvisa accelerata, ha raggiunto lo scooter tamponandolo con violenza. L’improvviso urto ha fatto sbandare il mezzo dei due ragazzi, che è uscito di strada per poi impattare contro la recinzione di un campo. Le due sono state sbalzate dal sellino. Maria Paola Gaglione ha sbattuto con il collo contro un tubo di metallo dell’impianto di irrigazione, mentre il suo compagno è finito in una sorta di cunetta tra i rovi selvatici. Sopito il rumore dello scontro, via Etruschi è ritornata nel silenzio della notte piena, rotto solo dalle laceranti grida di aiuto della compagna di Maria Paola, che sotto choc e nella nebbia di lancinanti dolori, ha appena notato la sagoma di Antonio Gaglione. 


Il giovane senza nemmeno dare un’occhiata alla sorella, immobile per la morte immediata, si è scagliato contro il compagno, costretto a subire un violento pestaggio, accompagnato da accuse e offese infamanti perché, secondo questo scellerato 25enne, Ciro aveva la colpa di aver plagiato la sorella. Come se l’amore fosse una malattia. E che amore vero fosse tra Maria Paola e il compagno, è il fatto che quest’ultima nonostante le ferite e il dolore per i pugni, calci e schiaffi subiti, ha cercato in tutti i modi di attirare l’attenzione dell’uomo gridandogli più volte: «Maria Paola non si muove... aiutiamola». Solo allora, sbollita quella furia cieca, Antonio Gaglione si è avvicinato alla sorella, si è accorto che non respirava più, è crollato a terra come un sacco vuoto. 
 

Ragazza morta a Caivano (Napoli), il fratello: volevo darle lezione, era infettata

"Volevo darle una lezione, era stata infettata". Queste le parole del fratello di Maria Paola Gaglione, 22 anni, morta dopo essere caduta dallo scooter a Caivano (Napoli). L'uomo, Michele Antonio Gaglione, è stato fermato dai carabinieri ai quali ha dato la folle spiegazione, giurando che non era sua intenzione uccidere la sorella.


I SOCCORSI
Sul posto dell’incidente sono giunti i carabinieri della caserma di Acerra, diretta dal maresciallo Giovanni Caccavale, che hanno fermato Antonio Gaglione e chiamato l’ambulanza del 118. Ma per Maria Paola non c’era più nulla da fare. La compagna è stata invece portata alla clinica Villa dei Fiori di Acerra. Le sue condizioni fisiche non sono gravi, ma resta il devastante stato di choc nervoso ed emotivo. Davanti ai militari Antonio Gaglione, ora in carcere per omicidio e violenza privata aggravata da omofobia, ha confessato ma usando toni e parole choccanti: «Ho fatto una stronzata. Non volevo uccidere nessuno, ma dare una lezione a mia sorella e soprattutto a quella là (la compagna ndr) che ha “infettato” mia sorella che è stata sempre “normale”».
Semplicemente agghiacciante. 

Ultimo aggiornamento: 14 Settembre, 07:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA