Putin, lo yacht Scheherazade sta per lasciare Marina di Carrara. Pronto a tornare in mare (così può eludere le sanzioni)

Dopo aver trascorso mesi nel porto toscano, il super yacht di 140 metri è stato rimesso in acqua martedì

Venerdì 6 Maggio 2022
Putin, lo yacht Scheherazade sta per lasciare Marina di Carrara. Pronto a tornare in mare (così può eludere le sanzioni)

Dopo aver trascorso mesi nel porto toscano di Marina di Carrara, il super yacht di 140 metri Scheherazade è stato rimesso in acqua martedì. Ma prima che la nave venga messa in mare e sfugga così a possibili sanzioni, la polizia italiana sta concludendo le indagini per capire chi sia effettivamente il proprietario:  secondo funzionari statunitensi infatti la nave da 700 milioni è collegata al presidente russo Vladimir V. Putin.

Putin, il giallo del mega yacht Scheherazade. Il sindaco di Carrara: «Non è suo». Ma l'equipaggio russo è stato sostituito

Il giallo del proprietario

Un ex membro dell'equipaggio ha affermato che la nave potrebbe essere pronta a salpare immediatamente, ma che prima sarebbe stata sottoposta a prove in mare per verificarne l'equipaggiamento, cosa comune per una nave in riparazione e, in questo caso, in porto da settembre. La Scheherazade ha finora evitato il destino di alcuni yacht di lusso legati a potenti russi, che sono stati sequestrati nello sforzo di Unione Europea, Gran Bretagna e Stati Uniti di inseguire la ricchezza di oligarchi e funzionari della cerchia ristretta di Putin in risposta all'invasione dell'Ucraina. A marzo, il capitano della Scheherazade, Guy Bennett-Pearce, ha affermato che l'armatore della nave, che non ha identificato, non era nell'elenco delle sanzioni. Si tratterebbe di Eduard Khudainatov, un magnate del petrolio attualmente non soggetto a sanzioni. È un collaboratore di lunga data di Igor Sechin, uno stretto alleato di Putin e presidente della compagnia petrolifera statale russa Rosneft, che si ritiene sia il proprietario di un superyacht sequestrato a marzo.

 

La proprietà del signor Khudainatov della Scheherazade non può essere verificata in modo indipendente. Se davvero è il proprietario, potrebbe essere solo sulla carta. Il suo nome è emerso anche nel caso di un altro superyacht, riportato in precedenza dall'Associated Press: l'Amadea, che condivide con lo Scheherazade un designer di esterni, un designer di interni e un costruttore. Martedì, la più alta corte delle Fiji ha concesso agli Stati Uniti il ​​permesso di sequestrare l'Amadea da 325 milioni di dollari, che è stata trattenuta nella nazione del Pacifico meridionale dal mese scorso. Secondo un funzionario americano, il proprietario della nave è Suleiman A. Kerimov, un magnate dell'oro miliardario russo che è stato sanzionato dagli Stati Uniti dal 2018; gli avvocati difensori affermano che il vero proprietario è il signor Khudainatov, ha riferito l'Associated Press.

L'ex membro dell'equipaggio di Scheherazade, che ha parlato in anonimato a causa di un accordo di riservatezza firmato dai lavoratori della nave, non aveva mai sentito parlare del signor Khudainatov e ha detto che si è apertamente discusso a bordo che il vero proprietario della Scheherazade fosse il signor Putin. Subito dopo che il Times ha scritto per la prima volta della Scheherazade all'inizio di marzo, i funzionari statunitensi hanno affermato che lo yacht aveva legami con Putin, senza offrire dettagli. Una squadra di giornalisti che lavorava per il leader dell'opposizione russa incarcerato Alexei Navalny ha ottenuto un elenco dei membri dell'equipaggio e ha scoperto che molti di loro erano dipendenti dell'agenzia russa che protegge il signor Putin.


 

Ultimo aggiornamento: 21:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA