Tumori, allarme oncologi: «Possibile pandemia di contagi, screening in ritardo per il Covid»

Sabato 30 Maggio 2020
Tumori, allarme oncologi: «Possibile pandemia di contagi, screening in ritardo per il Covid»
1

Coronavirus, l'oncologo Giuseppe Curigliano teme una piccola pandemia di tumori a causa del Covid19. L'emergenza coronavirus, dunque, avrà ripercussioni anche sui rischi di tumore: «Ha ritardato tutti i programmi di screening. Quelle attività che hanno come obiettivo di intercettare i tumori al loro inizio. Probabilmente, nei prossimi mesi, quando riprenderanno, ci troveremo di fronte a un numero più grande di casi avanzati, meno curabili e meno guaribili», dice Giuseppe Curigliano, direttore della Divisione nuovi farmaci allo Ieo, l'Istituto europeo di Oncologia a Milano e professore di Oncologia medica all'Università, intervistato dal Corriere della Sera.

Coronavirus: potrebbe favorire la comparsa del diabete giovanile

Brusaferro (Iss): «Dai dati si prevede una seconda ondata del virus». Oms: «Prepararsi»

Curigliano sarà l'unico italiano a parlare all'Asco - il congresso annuale dell'American Association of Clinical Oncology di Chicago, il più importante in materia di oncologia - di cancro e coronavirus. «Il fatto di avere un tumore rappresenta un fattore di rischio che rende più grave l'infezione da coronavirus», spiega Curigliano citando gli studi realizzati sul tema e sottolineando la necessità, per il futuro, di «un potenziamento della medicina territoriale, i family doctors, come li chiamano gli anglosassoni. I nostri medici di medicina generale. Quelli che dovrebbero intercettare i segnali di malattia, inviare i pazienti allo specialista, ma poi riprenderseli in carico quando devono seguire le terapie».

 
 

 
 
 

Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 23:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA