Strage di Capaci, pentito rivela: «Ex poliziotto mise l'esplosivo sotto l'autostrada»

Strage di Capaci, pentito rivela: «Ex poliziotto mise l'esplosivo sotto l'autostrada»
Un nuovo tassello si aggiunge ai tanti misteri sulla strage di Capaci. A rivelarlo è un ex agente della polizia penitenziaria e mafioso del clan di Caltanissetta, dal 2009 collaboratore di giustizia, che ha parlato di un ex poliziotto che avrebbe messo dell'esplosivo sotto l'autostrada di Capaci che il 23 maggio 1992 uccise il giudice Giovanni Falcone, la moglie e tre agenti della sua scorta. Come riporta oggi Repubblica, il pentito ha chiesto di tornare nuovamente davanti ai magistrati che indagano sulle stragi Falcone e Borsellino. Il suo nome è Pietro Riggio, 54 anni, uno dei pentiti che hanno parlato anche del leader di Confindustria Antonello Montante.

LEGGI ANCHE Borsellino, sul depistaggio indagati alcuni magistrati: spuntano 19 microcassette



Adesso parla di un ex poliziotto che chiamavano il «turco»: «Mi ha confidato di aver partecipato alla fase esecutiva delle strage Falcone», ha messo a verbale Riggio davanti ai pm di Caltanissetta, «si sarebbe occupato del riempimento del canale di scolo dell'autostrada con l'esplosivo, operazione eseguita tramite l'utilizzo di skate-bord».

LEGGI ANCHE Sbarca la Nave della Legalità, gli studenti invadono le strade di Palermo

«Ma perché non ha mai parlato prima di questo ex poliziotto?», gli hanno chiesto il procuratore aggiunto di Caltanissetta Gabriele Paci e il procuratore aggiunto di Firenze Luca Turco, il 7 giugno dell'anno scorso. Riggio ha risposto così: «Fino ad oggi ho avuto paura di mettere a verbale certi argomenti, temevo ritorsioni per me e per la mia famiglia. Ma, adesso, i tempi sono maturi perché si possano trattare certi argomenti». Anche la Procura nazionale antimafia ha parlato, nel corso di una riunione top secret, del collaboratore. I verbali sono stati depostati alcuni mesi fa al processo bis per la strage di Capaci.

LEGGI ANCHE Catania, Scarface fa video con rito mafioso: il cantante neomelodico è indagato
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 23 Ottobre 2019, 08:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Strage di Capaci, pentito rivela: «Ex poliziotto mise l'esplosivo sotto l'autostrada»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2019-10-24 10:11:57
se si USAsse il "poligrafo" detto la "macchina della verita'" con certi "pentiti" si scasserebbero per superamento della soglia limite..
2019-10-23 22:09:30
ma se lo sanno tutti chi è stato lì a capaci. quando hanno messo la bomba a borsellino la carica era talmente potente che è morto il giudice e tutti i componenti della sua scorta. stranamente nessun civile è stato nemmeno ferito quando si è visto che ha quasi demolito le facciate dei palazzi circostanti. tutti sapevano che c'era la bomba e sapevano che appena arrivava il giudice faceva il botto.
2019-10-23 14:50:22
ho sempre avuto il dubbio dai tempi di "Tortora" che i cd"pentiti"(pur di trarne vantaggio per se stessi) trasformano perfino un galantuomo in un "mafioso" in un "assassino" un "narcotrafficante" e addirittura in un Radicale
2019-10-23 13:52:53
Credici agli ufo......
2019-10-23 13:25:23
in Italia è bellissimo vedere che quando un testimone accusa dei mafiosi pubblicano nome e cognome , la protezione dei testimoni è ai massimi livelli; c'è proprio da fidarsi della giustizia italiana.