Torino, sesso in cambio di voti, professore condannato a 11 mesi, non potrà più insegnare

PER APPROFONDIRE: professore, università, violenza
Sesso e foto hard in cambio del 110 e lode, professore condannato a 11 mesi, non potrà più insegnare
È stato condannato a 11 mesi di reclusione per tentata concussione e detenzione di materiale pedopornografico Luca Sgarbi, il professore associato di Diritto del Lavoro all'Università di Torino. L'uomo, difeso dagli avvocati Simona Grabbi e Mauro Ronco, era stato denunciato da una studentessa a cui aveva promesso una laurea a piena di voti in cambio di favori sessuali e foto hard. Il pm è Gianfranco Colace.

Inoltre per il professore è scattata l'interdizione perpetua da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado e da qualsiasi ufficio o servizio in istituzioni o strutture frequentate abitualmente da minori. Lo ha stabilito questa mattina il giudice Stefano Vitelli.  Il magistrato ha anche deciso l'interdizione di un anno dai pubblici uffici.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 14 Novembre 2017, 14:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Torino, sesso in cambio di voti, professore condannato a 11 mesi, non potrà più insegnare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-11-15 15:30:37
ma se"promuoveva" ragazze di oltre venti anni (prof. universitario) quindi sui 23-24 come ha "materiale pedopornografico"? credevo fossero due tipi di reati e soggetti ben "distinti".
2017-11-15 10:34:38
premesso che; ci sono tantissime donne piu' che dignitose che non scenderebbero mai a patti del genere MA! ce ne sono molte di piu' che per un lavoretto o vantaggi di ogni genere anche per un paio di stivali nuovi, sono disposte a tutto e subito salvo poi, fare le VITTIME pentite quando hanno raggiunto TUTTI i propri obbiettivi. spiave dirlo, ma e' la sacrosanta e incontrovertibile verita'.
2017-11-15 10:07:26
praticamente con cio'ha messo il dubbio sui "meriti" delle "laureate a 110 e lode" almeno di certe forme altro che WeinStein .... queste laureate in bocconi
2017-11-15 08:59:07
Non e' il primo. E la ragazza non e' una "Santa", sapeva quello che faceva. Io gli avrei fatto pagare una multa a lui e l'avrei fatto lavorare ugualmente. Ma perche' ve lo volete mantenere in prigione. Non ha tutte le colpe, ve lo garantisco e lei visto che di studiare non aveva voglia ma giocava...buttatela fuori di scuola. Cosa state a fare? Le date un'altra possibilita'?
2017-11-14 22:43:32
non è mica l'unico! nel sud italia hanno tutti 110 e lode, e talvolta non sanno ne parlare e ne scrivere in italiano, mi sa che in cambio di voti hanno dato qualche cosa al maestro o al politico del paese. non per niente hanno il 110 e lode.