Roma, famiglia nomade rinuncia alla casa popolare e sporge denuncia: «Noi minacciati»

Famiglia nomade rinuncia alla casa popolare e sporge denuncia: «Noi minacciati»
Quando li hanno visti arrivare si sono riuniti davanti al palazzo, poi qualcuno è salito e ha suonato alla loro porta dicendo a gran voce di andar via. Nuove proteste a Roma contro l'assegnazione di una casa popolare ai nomadi. Questa volta è accaduto a Tor Bella Monaca, periferia difficile della Capitale. Quando intorno alle 9.30 la famiglia assegnataria è arrivata, accompagnata dal funzionario dell'Ater, nell'edificio di viale Santa Rita da Cascia non ha avuto una bella accoglienza. Tanto che poco dopo ha deciso di rinunciare a quell'alloggio popolare. 

LEGGI ANCHE Roma, i furbetti delle case Ater: alloggio a chi già ce l'ha. Stretta sui controlli



La famiglia ha presentato poco fa denuncia ai carabinieri che ora indagano sulla vicenda. La famiglia ha riferito di Alcuni abitanti si sono radunati davanti al palazzo e in 5 o 6, tra cui anche donne, sono arrivate fino al pianerottolo per 'convincerlì ad andar via. La famiglia sarebbe stata anche minacciata. «Se ritornate non campate più» ha urlato qualcuno quando ormai il nucleo familiare aveva deciso di andarsene. All'arrivo dei carabinieri gli autori delle proteste erano andati via. Qualche ora più tardi la famiglia nomade ha presentato denuncia ai carabinieri della stazione Tor Bella Monaca che ora indagano per risalire ai responsabili. 

 

Probabilmente si tratta di residenti del quartiere. E quella di oggi è solo l'ultima di una serie di proteste anti-nomadi che si sono verificate negli ultimi mesi nella periferia della capitale sempre in occasione del'assegnazione i alloggi popolari. Tra le più violente quella di maggio scorso a Casal Bruciato contro l'assegnazione di una casa popolare a una famiglia di nomadi. Per più giorni abitanti del quartiere, sostenuti da militanti di Casapound, manifestarono davanti all'ingresso del palazzo: anzi iimprovvisarono anche una sorta di presidio nel cortile dello stabile con tanto di gazebo.

Non mancarono momenti di tensione e disordini con le forze dell'ordine che presidiarono costantemente l'area. Per quell'episodio la Procura di Roma ha poi iscritto nel registro degli indagati 24 persone, appartenenti a Casapound e Forza Nuova. Mentre ad aprile Torre Maura, altra periferia romana, fu teatro di un'altra 'rivoltà anti nomadi. In quell'occasione furono anche incendiati cassonetti e fu calpestato il pane destinato ai nomadi che erano stati trasferiti in una struttura di via dei Codirossoni, una ex casa di riabilitazione che prima era adibita all'accoglienza dei richiedenti asilo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 19 Settembre 2019, 14:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Roma, famiglia nomade rinuncia alla casa popolare e sporge denuncia: «Noi minacciati»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2019-09-20 15:15:33
come in latinorom "inferior stabat agnus superior lupus" [Si riferisce alla celebre favola di Fedro del lupo e dell'agnello che si abbeverano allo stesso torrente]
2019-09-20 06:13:36
Ma perche' la Raggi e i suoi compagni non danno a questi rom un appartamento ai Parioli ? Ah si e' perche' si svalutano gli immobili....
2019-09-19 17:50:30
Essendo nomade forse non si trovavano ha loro agio tra 4 mura, avessero offerto una Roulotte o un Camper con tutti i confort forse non avrebbero sporto denuncia,da notare che loro possono insultare chiunque se non fai elemosina e possono rapinare e entrare in appartamenti nessuno fiata tutto regolare
2019-09-19 17:19:55
Solo in un paese come l Italia i carnefici si definiscono vittime!!
2019-09-19 16:21:28
5, 6 italiani da applausi.