Roma, è allarme rosso: «Può fallire in tre anni se non cambia il decreto»

PER APPROFONDIRE: fallimento, lemmetti, roma
Roma, è allarme rosso: «Può fallire in tre anni se non cambia il decreto»

di Simone Canettieri

ROMA «Dal 2021 il bilancio di Roma inizierà a scricchiolare, poi ci sarà il crollo», dice a Il Messaggero Gianni Lemmetti, braccio destro della sindaca Virginia Raggi, nonché assessore al Bilancio del Campidoglio. «Se non ci sarà un intervento in parlamento al decreto Crescita e in particolare alla norma Salva Roma, lo Stato fra tre anni - continua ancora Lemmetti - dovrà sopportare il buco della gestione commissariale». Perché, è il sottinteso, il Campidoglio da solo non ce la farà più. «Questa è la riprova - conclude l'assessore al Bilancio della Capitale - di quanto l'iniziale norma proposta fosse sana».

Nicola Zingaretti: «Il governo sta calpestando la Capitale, Pd pronto a intervenire in Parlamento»
 


Lemmetti si augura che in sede di conversione del decreto, il Parlamento possa intervenire per sanare quanto accaduto due notti fa a Palazzo Chigi per via dell'imposizione della Lega. Il M5S è convinto di portare a casa il risultato, a costo di trovare maggioranze alternative. Ed è proprio il presidente della Camera Roberto Fico a spiegare: «Una manovra sul debito è auspicabile. Poi, se alcune questioni possono essere estese ad altri Comuni - dice il presidente della Camera - bene ma non mi sembra ci sia niente di strano ed atipico nell'aiutare Roma in modo corposo anche perché tanti Comuni hanno già avuto comunque degli aiuti». Fico apre così uno spazio di manovra sul provvedimento: «Il Parlamento chiaramente dibatterà di questi temi - conclude - è sovrano e deciderà che tipo di modifiche fare alle leggi che arrivano dal Governo».

Ma perché in queste ore c'è così tanta preoccupazione in Campidoglio, come traspare dalle parole dell'assessore Lemmetti? Come ha ricostruito Andrea Bassi su Il Messaggero il Tesoro non si accollerà più, come previsto dalla prima versione del decreto crescita un pezzo dei vecchi debiti di Roma, i 12 miliardi spostati nel 2008 dal governo Berlusconi dal bilancio del Campidoglio ad un commissario straordinario. Premessa: i vecchi debiti della Capitale sono composti in buona parte da mutui della Cassa Depositi e Prestiti, da alcuni mutui con le banche e, infine, da un Boc, un Buono ordinario del Comune, una obbligazione da 1,4 miliardi di euro emessa dal Campidoglio nel 2003 e che scadrà nel 2048. Proprio questo Boc - «Colosseum bond», rischia di affossare il bilancio della Capitale se dovesse tornare ad essere conteggiato nei conti del Comune.

LE MOSSE
L'intenzione del Tesoro era quella di accollarsi il Boc e restituire a Roma solo la parte più facilmente gestibile del vecchio debito. Ma non è stato possibile almeno fino ad ora. I soldi incassati con l'Irpef dei romani, con il contributo dello Stato e con le tasse aeroportuali, dal 2022 non basteranno più a saldare le rate dei mutui in scadenza. Se il Colosseum bond torna al Campidoglio, il Comune di Roma potrebbe trovarsi obbligato ad accantonare ogni anno una cinquantina di milioni di euro per far fronte al Boc. Arrivando nel giro di tre anni al massimo a uno squilibrio nei conti. Ecco spiegata il motivo di tanta preoccupazione in queste ore. C'è infine un altro particolare: il possibile default cadrebbe proprio a cavallo tra la scadenza del mandato di Virginia Raggi e l'insediamento del vincitore delle nuove elezioni. Una spada di Damocle per chi se ne andrà e per chi tenterà invece la scalata al colle capitolino. Ma l'attenzione in queste ore è tutta rivolta sull'iter che avrà la norma alle Camere. Il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri attacca: «Salva Roma? Caccia Raggi. Questa la formula vincente. Subito le dimissioni della sindaca e poi un commissario», dice l'esponente di Forza Italia. Lunedì il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani lancerà una serie di proposte proprio sul caso Capitale. Da sinistra Carlo Calenda, candidato alle Europee nel Nord Est con la lista Pd-Siamo Europei, la mette giù così: «Il decreto Salva Roma si può votare a una sola condizione: le dimissioni della Raggi. La città è ostaggio dell'incapacità della sindaca molto più che della situazione finanziaria. Dunque si faccia da parte subito e poi si voti il salva Roma tutti insieme». Ma la grillina va dritta e torna a ribadire: «Il Parlamento metterà a posto le cose, c'è un retrogusto amaro perché semmai era un salva-Italia». La battaglia deve ancora iniziare.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 26 Aprile 2019, 07:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Roma, è allarme rosso: «Può fallire in tre anni se non cambia il decreto»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 39 commenti presenti
2019-04-27 11:41:28
e dobbiamo pagare noi le scelte di incompetenti? (per la verità volevo usare un altro termine ma la redazione me lo avrebbe oscurato)
2019-04-27 02:34:14
E sempre sia lodato chi ha pagato,paga e paghera' ...e sta anche zitto.
2019-04-26 18:50:17
E pensare che il decreto Salva Roma era solo una doverosa rinegoziazione dei tassi di interesse che non costava un centesimo allo Stato e anzi faceva risparmiare tutti i contribuenti italiani dato che ad oggi lo Stato si fa carico di 300 milioni l'anno degli interessi sul debito che il comune di Roma deve pagare alle Banche...Salvini ha qualche amico tra i banchieri forse? Oppure la cara e vecchia Lega NORD (si chiama ancora cosi') perde il pelo ma non il vizio e con la scusa che Roma sarebbe un comune come gli altri (idea ridicola) fa un semplice dispetto alla città che odia, in quanto simbolo del paese che si propone di distruggere (come da statuto ufiiciale). I cittadini di Roma, del Lazio e di tutta l'Italia centrale (che sono spesso utenti del Comune di Roma) ci pensino bene prima di dare il voto a una forza politica che mira strategicamente alla distruzione del paese. Quanto al Salva Roma ci penserà il parlamento a rimettere le cose a posto. Se poi per puro caso dal parlamento dovesse uscire l'idea che Roma (la Capitale d'Italia) è una città come le altre, allora sarebbe inevitabile la logica conclusione che anche la Lombardia e il Veneto sono regioni come le altre...e nessuno è più uguale degli altri dunque. A buon intenditor poche parole.
2019-04-26 18:25:34
Non credo proprio che la sindaca Raggi abbia delle responsabilità per ciò che concerne le passate gestioni finanziarie. Certo che è palese agli occhi del mondo intero ciò che Roma produce e ciò che roma mangia. Il disavanzo è tempo di finirla che ricada sempre sulle tasche dei cittadini. Ehm, scusate, come si fa ad emettere un boc e poi spalmarlo sui cittadini ?
2019-04-26 17:25:27
Strano avevano detto cinquestelle e Raggi che con loro cambiava tutto. In peggio pero'!