Stop al reddito di cittadinanza se si vincono 6.000 euro al gioco: la soglia sale con i figli

Reddito di cittadinanza addio se si vincono al gioco oltre seimila euro
Reddito di cittadinanza, una importante novità è stata introdotta durante l'esame alla Camera. In sostanza vincere una somma al gioco potrebbe non essere una buona notizia per chi ha ottenuto reddito o pensione di cittadinanza. È ora previsto, infatti, che «la perdita dei requisiti si verifica anche nel caso di acquisizioni di somme» sopra gli importi previsti «a seguito di donazione successione o vincite». L'importo è di 6.000 euro e sale di 2.000 euro per ogni componente della famiglia, fino ad un massimo di 10.000 euro. Il superamento della soglia deve essere comunicato entro 15 giorni.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 22 Marzo 2019, 12:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Stop al reddito di cittadinanza se si vincono 6.000 euro al gioco: la soglia sale con i figli
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2019-03-22 20:30:24
Si perché giustamente il reddito serve per giocarlo
2019-03-22 17:18:51
Ma robe da bambini dell'asilo.
2019-03-22 18:22:31
rispetto !!! Di Maio ci ha pensato per settimane !!
2019-03-22 16:13:58
ma le vincite al gioco specie quelle milionarie non sono ANONIME? (che non si sa mai chi è il fortunello) [PEPITO SBAZZEGUTI anagramma di GIUSEPPE BOTTAZZI]
2019-03-22 15:58:56
La "prova del tracollo". A Piazzapulita il dramma di Luigi Di Maio e del M5s. Il sondaggio di Index Research mandato in onda da Corrado Formigli giovedì sera nel talk politico di La7, infatti, fotografa la settimana disastrosa dei 5 Stelle, passati dal 21,3% del 14 marzo al 20,4% attuale. Di contro, oltre alla Lega ormai stabile come primo partito d'Italia con ampio margine (34,8%, +0,2) c'è l'avanzata del nuovo Pd di Nicola Zingaretti, che continua a cavalcare l'onda delle primarie. I dem sono oggi al 21,2%, dopo aver guadagnato in una sola settimana 1,1 punti. Impressionante il divario rispetto alle politiche del marzo 2018, quando i 5 Stelle erano il primo partito con il 32,7%, il Pd seguiva a 18,7% e la Lega terza con il 17,4% delle preferenze.