Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Quarta dose, chi deve farla e quando: dopo 120 giorni anche per i guariti. Domande e risposte

Studi israeliani: l’inoculazione aumenta del 74% la protezione dai rischi di morte

Lunedì 11 Luglio 2022 di Graziella Melina
Quarta dose, chi deve farla e quando: dopo 120 giorni anche per i negativizzati

Gli over 60 e le persone vulnerabili potranno ricevere la quarta dose di vaccino per proteggersi dal rischio di ammalarsi di covid in maniera grave. Dopo l’autorizzazione al secondo booster da parte del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e dall’Agenzia europea dei medicinali (Ema), il ministero della Salute sta adeguando le linee guida e le indicazioni per la quarta inoculazione. Il secondo booster – va fatto 120 giorni dopo la terza dose o dopo aver avuto il Covid – è destinato, oltre a chi ha dagli 80 anni in su, anche ai soggetti tra i 60 e i 79, e poi a tutte per le persone con malattie pregresse, dai 12 anni in su.

Quarta dose per tutti gli over 60 a 120 giorni da booster o da infezione: la circolare del ministero 

LA PROFILASSI

«L’obiettivo di questa profilassi - spiega Francesco Menichetti, ordinario di malattie infettive dell’università di Pisa - è di proteggere le persone nei confronti della malattia grave. In ogni caso, consigliamo di continuare a seguire la regole di precauzione, che restano comunque valide. Vista l’alta circolazione virale di omicron, nonostante il periodo estivo, le possibilità di reinfettarsi sono alte». Secondo uno studio condotto in Israele, l’efficacia del vaccino, dai 7 ai 30 giorni dopo la quarta dose, è stimata del 45 per cento contro l’infezione e del 55 contro l’infezione sintomatica. 

Omicron 5, vaccini aggiornati da settembre e richiamo insieme ad antinfluenzale. Ema: proteggeranno da forme gravi

Il 68 per cento contro l’ospedalizzazione, il 62 per cento contro la malattia grave; contro la morte da covid la protezione è del 74 per cento. «I dati dimostrano che in una popolazione vasta di ultra sessantenni - spiega Massimo Galli, professore di malattie infettive fuori ruolo dell’Università di Milano - fare la quarta dose serve a ridurre i rischi nei confronti di una variante che all’epoca era prevalentemente omicron 1, con ampi spazi già di omicron 2, e che oggi è prevalentemente omicron 5. Questo vaccino - esemplifica Galli - ha un po’ la dimensione dell’eroe di guerra che ha fatto grandi cose, e in questo momento mostra i suoi limiti e i suoi acciacchi come resistenza di prima linea. Ma ci dà in ogni caso una grande capacità di difesa nei confronti della malattia grave. E questo è fondamentale».

Omicron 5, incubazione e tamponi fai fa te: “Il 50% non dichiara la positività”

 

I VACCINI AGGIORNATI

La quarta dose non sostituisce però l’inoculazione che poi verrà estesa a tutta la popolazione intorno a ottobre-novembre. Nella campagna vaccinale autunnale, infatti, verranno utilizzati nuovi vaccini aggiornati che proteggono da omicron 5. A breve potranno essere disponibili due farmaci anticovid bivalenti, sviluppati da Moderna e Pfizer Biontech su due ceppi del sars-cov2, sia il prototipo di Wuhan che quello di Omicron 1. 
Un altro vaccino, il Novavax, che si basa sulla proteina S ricombinante, è invece tarato sulla variante sudafricana (beta) e sul virus di Wuhan. «Il nostro auspicio - sottolinea Massimo Andreoni, direttore di Malattie infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma - è che il vaccino di combinazione sarà somministrato con una sola dose, che dovremo fare tutti, nel periodo autunno inverno, e ci potrà proteggere in maniera migliore dalle nuove varianti».

Ultimo aggiornamento: 13 Luglio, 08:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci