Neonato perde peso e vomita, medici scoprono che stava morendo di fame per una dieta al latte di mandorle

La madre gli stava dando da mangiare una dieta a base di latte di mandorle, presumibilmente basata su consigli medici non validi che aveva trovato online

Domenica 22 Gennaio 2023
Neonato perde peso e vomita, medici scoprono che stava morendo di fame per una dieta al latte di mandorle

Cinque anni, poi la verità. La nutrizionista pediatrica Marina Chaparro ha raccontato di aver curato un neonato che stava morendo di fame, per poi scoprire che la mamma aveva deciso di fargli seguire una dieta a base di latte di mandorle. La diagnosi dell'ospedale? Chetoacidosi diabetica, una complicanza potenzialmente mortale, riscontrata dall'unità di endocrinologia pediatrica di Miami. Quando si verifica? Nel momento in cui il corpo inizia a scomporre gli acidi grassi per produrre energia, rilasciando chetoni e rendendo il sangue pericolosamente acido. I sintomi? Il piccolo perdeva peso e vomitava.

Farmaci introvabili, il piano del ministero per evitare ricette che prescrivono terapie non disponibili

Neonato muore di fame per dieta a base di latte di mandorle, il ricovero

Quando il neonato è arrivato all'ospedale, la dottoressa Chaparro e i suoi colleghi pensavano che avesse il diabete di tipo 1. Ma dopo una serie di test hanno appreso che non era quella la causa: bensì la fame. Perché? La madre gli stava dando da mangiare principalmente latte di mandorle, presumibilmente seguendo una dieta basata, non su consigli medici, ma trovata online. La mamma del bambino "stava facendo del suo meglio", ha aggiunto Chaparro, e probabilmente pensava che, poiché il latte di mandorle funzionava per lei, faceva bene al suo bambino.

Come sta il neonato?

Chaparro ha spiegato che il neonato si è ripreso presto ed è stato dimesso dopo alcuni giorni di alimentazione appropriata. Ma l'esperienza ha fatto capire a Chaparro "quanto a volte arrivano in profondità nella nostra cultura questi messaggi dietetici, e li ascoltiamo e talvolta li traduciamo ai nostri figli e alle nostre famiglie".

Perché la nutrizionista ha raccontato solo ora la storia?

La nutrizionista ha detto a Insider che la storia le è rimasta impressa nel corso degli anni perché illustra i pericoli della disinformazione medica, qualcosa che è diventata più diffusa solo negli ultimi anni. 

Perché il latte materno è insostituibile

Il latte materno, secondo l' American Academy of Pediatrics, è insostituibile. Nemmeno il latte di mucca o altri sostituti del latte non caseari possono dare le stesse sostanze. La formula per bambini è "davvero difficile da rifare, è davvero difficile avere quell'equilibrio che gli scienziati del cibo stanno studiando da anni", ha detto Chaparro in un webinar ospitato dalla California Strawberry Commission . "Per non parlare del rischio di contaminazione incrociata e infezione" quando si crea la propria formula.

Il pericolo delle ricette online

Quello del neonato che seguiva la dieta di latte di mandorle non è il primo caso. Altri genitori si sono rivolti a ricette su Internet per formule fatte in casa. Il dottor Owais Durrani, un medico del pronto soccorso del Texas orientale, parlando con Insider ha messo in guardia dalle conseguenze, come letargia e convulsioni, a cui ha assistito in prima persona. "Una formula è essenzialmente regolata strettamente come qualsiasi farmaco prescritto quando si tratta degli ingredienti in essa contenuti per assicurarsi che i reni di un bambino si stiano sviluppando, il loro fegato, i loro elettroliti - tutto il resto è in un ottimo equilibrio", ha detto. "Non sono resistenti come un adulto che potrebbe stare al sole per 12 ore e disidratarsi: per la maggior parte staremo ancora bene, ma per un bambino non è così", ha aggiunto Durrani. "Ogni elettrolita, ogni componente, ogni minerale in quella formula è molto importante." Di fronte alla carenza, Durrani ha raccomandato ai genitori di passare ad altri marchi disponibili, se possibile, o di chiedere campioni di formula al pediatra o all'ospedale locale.

Ultimo aggiornamento: 25 Gennaio, 07:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci