Morto il soldato eroe di Nassiriya "stroncato dal cancro per l'uranio impoverito"

Morto il soldato eroe di Nassiriya stroncato da un cancro
Aveva ricomposto i corpi dilaniati dei colleghi vittime dell'attentato di Nassiriya del 12 novembre 2003, lavorando a 40 gradi all'ombra per restituire i resti alle famiglie. È morto ieri sera a 43 anni in un ospedale a Verona, il primo maresciallo incursore dell'Aeronautica Militare, Gianluca Danise, veterano di tante missioni all'estero.

A portarlo via un cancro, accusa Domenico Leggiero, dell'Osservatorio Militare, causato dall'esposizione all'uranio impoverito. Originario di Napoli, lascia la moglie e la figlia di un anno. Nelle sue ultime volontà ha chiesto di essere posto nel feretro in divisa, avvolto nella bandiera italiana.

«Gianluca - racconta Leggiero - ha ricevuto una telefonata personale dal ministro della Difesa, Roberto Pinotti. Non ha mai smesso di credere nei valori di un soldato pur capendo che non sono gli stessi dei generali che avrebbero dovuto tutelarlo».

Secondo le stime dell'Osservatorio, Danise è la vittima numero 321 dell'uranio impoverito. L'altro ieri era morto in provincia di Avellino un altro militare, L.A.: secondo la moglie aveva contratto la malattia per l'esposizione all'uranio durante le numerose missioni all'estero cui aveva partecipato.

Mercoledì 23 Dicembre 2015, 14:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Morto il soldato eroe di Nassiriya "stroncato dal cancro per l'uranio impoverito"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2015-12-24 18:11:01
sono militari, sanno a cosa vanno incontro, altrimenti vanno a fare l'impiegato in comune.
2015-12-24 18:08:05
erano altri tempi.
2015-12-24 18:06:53
perchè eroe?
2015-12-23 19:23:39
Adesso dovrebbe partire, finalmente, un processo contro la NATO per crimini di guerra per aver consapevolmente usato uranio impoverito su vasta scala e armi di distruzione di massa nei Balcani in Irak e Afganistan Abbiamo condannato milioni di persone alla morte x leucemie e linfomi rovinando il DNA x generazioni, terroristi internazionali.
2015-12-23 18:55:05
condoglianze alla famiglia di questo nostro compatriota che ha affrontato la guerra per permetterci di continuare a fare una vita normale. Non c'è paga che compensi i rischi che i nostri soldati si assumono. E sull'Uranio impoverito sarebbe ora di fare chiarezza, ma chissà se avverrà mai