Il ministro Minniti: «In Italia ottimo sistema di sicurezza. Paese grato ai due poliziotti»

PER APPROFONDIRE: berlino, marco minniti, milano
Minniti: «Ottimo sistema di sicurezza  L'Italia è grata ai nostri due agenti»
«Se c'è un controllo elevato del territorio che consente, nell'imminenza dell'ingresso nel nostro paese di una persona che è stata in fuga, di identificarlo e neutralizzarlo, vuol dire che c'è un sistema capace di funzionare». Lo ha detto il ministro Marco Minniti in conferenza stampa al Viminale, commentando l'uccisione delò killer della strage di Berlino. Minniti ha spiegato che sono state «tempestivamente informate le autorità tedesche». E poi ha espresso la sua più totale soddisfazione per l'operazione: «L'equipaggio della "volante" ha reso un servizio straordinario al Paese».

«Ringrazio coloro che sono sulla strada in queste ore, le forze di polizia, le forze armate, perche non è semplice, di fronte alla minaccia del terrorismo che abbiamo, garantire un livello adeguato di sicurezza. Ma noi, posso garantire, ce la mettiamo tutta» ha aggiunto il ministro. 


«Senza ombra di dubbio l'uomo ucciso nella notte a Sesto è Amis Anri, presunto sospettato dell'attentato a Berlino - ha confermato - L'uomo fermato per un controllo ha estratto senza esitazione una pistola e ha sparato agli agenti, ferendone uno, mentre il collega ha risposto al fuoco uccidendolo».

«Ho fatto all'agente Cristian Morio, ferito nella sparatoria di Sesto San Giovanni, durante il controllo con il collega Luca Scatà, ma per fortuna non in pericolo di vita. Gli auguri di pronta guarigione, e gli auguri di buon Natale, dicendogli che grazie a lui gli italiani passeranno un Natale più felice». «Noi guardiano a questi due ragazzi come persone straordinarie, di giovanissima età, che facendo semplicemente il loro dovere hanno reso un servizio straordinario alla comunità. Penso sinceramente di poter interpretare il sentimento del nostro Paese nel dire loro che l'Italia è a loro grata».

L'operazione di Sesto San Giovanni  è un'operazione «che si è svolta alle tre di notte in un centro importante del nostro paese», è stata «fatta in totale sicurezza, nel senso che l'unico problema è stato per gli operatori di polizia. Non è un caso che accanto a me oltre al capo del Polizia, prefetto Gabrielli, ci siano il comandante generale dell'Arma dei carabinieri Tullio Del Sette, il comandante generale della guardia di finanza Toschi. Li ringrazio di vero cuore per il lavoro straordinario che si fa, per il fatto che venga fatto in un clima di assoluta collaborazione. Se è possibile garantire un livello così elevato di controllo del territorio che consente, nella imminenza di un ingresso nel nostro paese di una persona che è stata in fuga per gran parte dell'Europa, identificarla e neutralizzarla vuol dire che c'è un sistema che è capace di funzionare. Io ringrazio di vero cuore coloro sono sulla strada in queste ore - ha aggiunto il ministro - forze di polizia e forze armate, perché non è semplice di fronte alla minaccia del terrorismo che abbiamo garantire un livello adeguato di sicurezza. Ma noi ce la mettiamo tutta».

Il questore di Milano. «Nel controllo del territorio i nostri uomini espletano una funzione delicatissima, perché quando fermano un'auto per un controllo non sanno mai a cosa vanno incontro»: lo ha detto il questore di Milano Antonio de Iesu nel corso di una conferenza stampa. «Questa operazione ha un effetto positivo e molto importante in termini di deterrenza»«Era una scheggia impazzita, un latitante pericolosissimo che, da libero avrebbe potuto compiere altri attentati». «La pistola trovata in suo possesso gli si è materializzata in mano. Era carica e pronta all'uso». Non risulta che Anis Amri abbia urlato Allah Akbar, ma 'poliziotti bastardi' all'indirizzo delle forze dell'ordine dopo aver sparato contro gli agenti che lo stavano controllando.  Il Questore di Milano, Antonio de Iesu, non ha voluto entrare nel dettaglio circa la presenza di Anis Amri a Sesto San Giovanni. Alla domanda su cosa l'uomo facesse a Sesto ha risposto: «Data la delicatezza dell'operazione, ci sono aspetti investigativi che non possiamo condividere. A Sesto era da solo. Non ci sono altre persone sfuggite ai controlli la notte scorsa».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 23 Dicembre 2016, 11:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il ministro Minniti: «In Italia ottimo sistema di sicurezza. Paese grato ai due poliziotti»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2016-12-24 03:49:45
Beh,bravi gli agenti,ma come sempre chi ci comanda dimostra la sua totali incompetenza nel ricoprire quel ruolo.se ne doveva stare zitto sul npme degl agenti,zitto e basta, per loro e le loro famiglie.Li ha dati in pasto ai media,loro e le loro famiglie,ministro poco,ma molto poco furbo e molto,ma molto incauto e inadeguato al ruolo.
2016-12-23 14:12:07
Attenti a non cantare troppo in fretta.Non per caso l'attentatore si è messo al riparo in Italia.Sapeva di trovare nel bel paese aiuti e tranquillità.
2016-12-23 12:31:57
Come e' possibile che questo terrorista e' stato trovato "per caso" dalle autorita' italiane (infatti il carabiniere colpito sembra non avesse neppure un giubbetto anti-proiettile o elmetto)e sembra avesse gia' viaggiato SU TRENI in Francia e in Italia (Torino) DOPO l'attentato di Berlino? CHI doveva incontrare a Sesto San Giovanni? (aveva gia' cambiato TRE treni)? Che altri attentati contro coloro che festeggiano il Natale e altre feste stanno preparando queste "risorse" in italia (ricordo che il terrorista era TUNISINO non Siriano)? COSA stanno facendo le autorita' PAGATE da NOI per proteggerci TUTTI?
2016-12-23 12:21:04
E dove altro poteva andare se non in italia, il Refugium Peccatorum di tutta la feccia del mondo.
2016-12-23 12:14:28
Il "Paese" è grato ai due agenti; purtroppo il "paese" non assicura la protezione agli indigeni!!!