Accoltella a caso due passanti in stazione a Milano, libico arrestato. «Non è terrorismo»

PER APPROFONDIRE: aggressione, libico, marzo, milano
Accoltella a caso due passanti in stazione a Milano, libico arrestato. «Non è terrorismo»
«Qualcuno mi ha picchiato e mi hanno rubato delle cose». Così ha spiegato la sua folle aggressione Ahmed Mohamed Alì Ben Salem, il libico di 23 anni (tra due giorni ne compirà 24) che questa mattina ha accoltellato due passanti all'interno della stazione Centrale di Milano. Un raptus durato pochi minuti e che poteva costare la vita ai due sconosciuti, un ivoriano di 31 anni e un gambiano di 20, feriti rispettivamente alla spalla e alle mani. Ben Salem è irregolare, risulta abbia un alias e precedenti risalenti agli ultimi giorni: il 6 marzo è stato fermato per tentato furto, ieri per furto aggravato in concorso. Non parla né capisce l'italiano, in arabo ha spiegato di essere partito dalla Libia «perché lì mi vogliono fare del male» e ha detto di essere stato ricoverato in psichiatria nel proprio Paese ma precisando: «Io non sono pazzo, ho solo problemi di stress».

Corteo antirazzista a Milano: «Siamo 200mila»

Dagli accertamenti medici è risultato positivo al Thc (tetraidrocannabinolo, uno dei principi attivi della cannabis) e consumatore di Rivotril, una benzodiazepina somministrata come antidepressivo che spesso i tossicodipendenti utilizzando quando sono in astinenza. Semplicemente mischiandolo all'alcol funziona da surrogato dell'eroina. Nel piazzale della stazione Centrale milanese è venduto dai pusher africani per uno, al massimo 5 euro a pasticca. La violenza del libico inizia attorno alle 6.40. Entra in un ristorante della stazione che stava per aprire, ruba un coltello con la lama lunga 40 centimetri e la nasconde dietro la vetrina, poi rientra per prendere altro, ma è allontanato dall'addetto alla sicurezza che non ha notato l'arma. Sembra sia tornato tutto tranquillo ma pochi minuti dopo Ben Salem aggredisce l'ivoriano che sta prelevando soldi da un bancomat e gli sferra un fendente «tra la spalla e il bicipite», provocandogli ferite giudicate guaribili in 10 giorni. Il 31enne è sotto choc, riesce solo a chiedergli di allontanarsi ma non occorre insistere, il libico è già in direzione dell'altro passante.

Col gambiano punta al ventre ma il 20enne ha buoni riflessi e riesce a deviare il colpo con le mani. La lama raggiunge i tendini, finisce alla clinica Città Studi con una prognosi di 50 giorni. I medici dicono che dovrà essere operato. In questa fase l'aggressore perde la presa del coltello, finisce a terra nella colluttazione e subito dopo viene bloccato dai carabinieri avvertiti dai militari in presidio all'esterno della stazione. Ben Salem riporta 15 giorni di prognosi per la lussazione di una spalla che già in passato gli ha dato problemi. È esclusa subito l'ipotesi terrorismo, il 23enne non spiega di preciso il motivo dell'aggressione, riferisce genericamente di essere stato picchiato e derubato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 8 Marzo 2019, 14:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Accoltella a caso due passanti in stazione a Milano, libico arrestato. «Non è terrorismo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2019-03-09 09:32:24
Non è terrorismo. Ovvio, è stata una "tempesta emotiva" !
2019-03-09 08:19:52
Il sindaco di Milano va orgoglioso di queste risorse. Mi stupisco che lo siano anche i Milanesi.
2019-03-09 08:04:56
Risorse????!!!!!!
2019-03-09 05:15:51
Fuuuuu per fortuna non é terrorismo! Ahahahahahah
2019-03-08 21:45:07
Niente di grave, fin che non si tratta di terrorismo si può accoltellare tutto e di tutti....