Migranti, Rackete a Bruxelles: «Dov'era l'Ue quando ho chiesto aiuto?». Ira Salvini e Fdi

Migranti, Rackete a Bruxelles: «Dov'era l'Ue quando ho chiesto aiuto?». Salvini: «In un Paese civile sarebbe in galera»
«La mia decisione di entrare in porto con la Seawatch3 dopo 17 giorni in mare senza ricevere risposta non fu una provocazione come molti hanno detto. Ma un'esigenza». Così la comandante della Sea Watch Carola Rackete nell'audizione all'Eurocamera. «Ritenevo che non fosse più sicuro restare in mare e temevo per quanto poteva accadere», aggiunge. Dopo l'episodio della Seawatch3 «ho ottenuto attenzione dalle istituzioni, ma dove eravate quando abbiamo chiesto aiuto?»  «L'unica risposta che ho avuto allora», ha incalzato rievocando la vicenda di giugno, quando forzò il blocco della Guardia di Finanza per attraccare a Lampedusa, «è stata da Tripoli, dove non potevo andare. In Europa, la culla dei diritti, nessun governo voleva 53 migranti. È stata una vergogna. Le istituzioni mi hanno attaccata», dice, «Sono stata lasciata sola. I governi hanno eretto muri, come se sulla nave ci fosse la peste»

LEGGI ANCHE Migranti, Dimitris Avramopoulos: «A Malta solo un documento, un accordo per ora non c'è»



LEGGI ANCHE...Salvini, dalla Sea Watch alla Diciotti: le grane giudiziarie dell'ex ministro dell'Interno


«​La ricerca ed il salvataggio in mare sono operazioni che rientrano nel diritto internazionale, non so come abbia fatto l'Italia ad approvare una legge che non rispetta il diritto internazionale», ha detto in un altro passaggio del suo discorso la comandante, «Basta con i discorsi d'odio perché hanno un impatto diretto sui cittadini». Per le inchieste penali che la vedono coinvolta in Italia «sono tranquilla», ha fatto però sapere Rackete, perché «sono giustificata dalla legge e dalla morale»

LEGGI ANCHE Mercantile dirottato a Malta, sbarcati i 108 migranti
LEGGI ANCHE Sea Watch, Carola Rackete: «Felice di aver chiarito in procura, l'Ue agisca»

E ancora: «Provo tristezza in questo anniversario in cui si ricorda la perdita di oltre 300 vite umane nel Mediterraneo centrale, perché l'Unione europea ricorre sempre più all'esternalizzazione dei salvataggi con deleghe a Paesi in guerra come la Libia, violando le leggi internazionali». «Il nostro caso come quello di altre ong sottolinea la necessità di affrontare la situazione dei salvataggi in mare a livello europeo, che non può essere lasciata a negoziati ad hoc». E anche «un meccanismo di ricollocamenti temporaneo, focalizzato sui rimpatri piuttosto che sull'accoglienza non è una soluzione realistica». La risposta, per Rackete, è una sola: «La riforma del regolamento di Dublino è attesa da tempo, ma la soluzione è la creazione di canali legali verso l'Europa
».

LEGGI ANCHE Salvini: «Querelato da Carola Rackete? Non vedo l'ora di guardarla in tribunale»

Il discorso della "capitana" ha ricevuto l'avvallo del Parlamento Europeo, che lo ha abbracciato con una standing ovation lunga dieci minuti. Dure le parole di Matteo Salvini che, a margine di una visita in un'azienda di Bastia Umbra, è tornato all'attacco della Rackete: «In un Paese civile una che ha rischiato di uccidere cinque militari italiani in servizio sarebbe in galera e non in Parlamento europeo a dare o fare lezioni. Si occupasse della sua Germania che all'Italia e agli italiani ci pensiamo noi». E dalle fila degli europarlamentari di Carroccio e FdI sono piovuti commenti che bollavano l'incontro come «inaccettabile» e «indegna sceneggiata», con accuse di parzialità al Parlamento europeo, che ha «imbavagliato» partiti che rappresentano milioni di italiani.

LEGGI ANCHE Migranti, il piano per i rimpatri: estendere alla Tunisia lo status di porto sicuro

Intanto dall'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa è arrivato l'appello per una nuova missione navale dell'Ue per i salvataggi nel Mediterraneo, ma con gli italiani spaccati sul voto finale: Pd a favore, M5S astenuto, Lega e Fi contrari. E mentre il commissario Ue uscente per le Migrazioni, Dimitris Avramopoulos, è andato ad Ankara con i ministri dell'Interno di Francia e Germania, Christophe Castaner e Horst Seehofer, per correre ai ripari dopo i nuovi picchi di arrivi in Grecia, dalle statistiche di Eurostat è emerso che l'Italia, nel 2018, è stato il primo Paese nell'Ue, con 41.900 domande, per le richieste ricevute dagli Stati partner di trattare le procedure di asilo,
in base al regolamento di Dublino, secondo il quale è il Paese di primo ingresso dei migranti a doversi far carico dell'iter.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 3 Ottobre 2019, 11:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Migranti, Rackete a Bruxelles: «Dov'era l'Ue quando ho chiesto aiuto?». Ira Salvini e Fdi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 39 commenti presenti
2019-10-05 11:29:29
Nessun governo voleva 53 migranti! Potevi portarteli nella tua cara Germania. Hai volutamente colliso con l'imbarcazione della Guardia di Finanza, mettendo a rischio la loro vita, per "salvare" quelli che tu definisci profughi. Magari ti credi un'eroina!
2019-10-03 21:42:20
... eroinomane .. nel gergo europeo non significa altro che inchinarsi all'eroina.. che sia un caso ?
2019-10-03 21:23:26
... europa.. uno zombie che neppure la morte vuole. sta già tirando l'ultimo rantolo poi sarà demolita dalla sua stessa ignavia.. distruttrice di popoli, culture e identità, la sua situazione è pari a quella di roma verso il 476 d.c.. solo che quell'impero era campato più di mille anni.. il solo pensiero di questo suicidio suddito di ideologie e infarcito di decadenza fa inorridire..
2019-10-03 20:40:48
L 'applauso all europarlamento è quanto di più meschino e ipocrita potesse venir fuori da questa unione europea in stile sovietico. Tutti ad applaudire ma tutti responsabili di inettitudine nell affrontare l' immigrazione clandestina. . Gli unici che godono del miserabile teatrino messo in scena da questi piccoli politicanti sono i trafficanti di uomini che si stanno già fregando le mani consapevoli dei ponti d'oro delle ong.
2019-10-03 20:01:22
Winston...Ike...dove siete?