Terremoto, il sindaco in felpa e megafono: «Se mi indagano me ne frego»

PER APPROFONDIRE: amatrice, sergio pirozzi, terremoto
Il sindaco
di Amatrice in felpa e megafono:
«Se mi indagano me ne frego»

di Mario Ajello


dal nostro inviato
AMATRICE Uomo tosto e sanguigno. «Sono di destra, embé?!». Soprattutto è super pop Pirozzi Sergio, il sindaco di Amatrice il quale ha preso il megafono, ha idealmente indossato la bandana da Masaniello, si è fatto portare in trionfo dai suoi compaesani che lo adorano e si gode tutta la celebrità di cui non da ieri è assai ghiotto: «Ecco come si vincono le battaglie, con il cuore e con la ragione». «Sergio sei tutti noi», gli gridano i suoi che come lui i funerali li hanno voluti quassù e non a Rieti perché i sepolcri devono stare dove un tempo ci stava la vita di chi non c'è più. Anche se arrivare quassù è quasi impossibile (c'è solo una stradina a tratti sterrata e a tratti con un solo senso di marcia), quel che è rimasto può crollare da un momento all'altro e i funerali in pianura sarebbero stati più agevoli. «Li avremmo disertati in massa!», è il nuovo grido di battaglia di Sergio il Sanguigno. Che vanta un passato in An, amicizia con Alemanno che l'altro giorno è venuto a trovarlo nella tendopoli («Ma vado d'accordo pure con Zingaretti e con Renzi s'è stabilito un bel feeling, mi abbraccia sempre...») e simpatica spavalderia: «Se mi arriva oppure no l'avviso di garanzia per il sisma? Sarebbe un atto dovuto. Ma me ne frego. Ho fatto tutto in regola per la scuola, e infatti ci vanno i miei figli, e sul resto».
 
 


ARCIMATRICIANO
Arcitaliano? Arcimatriciano. «Amatrice non esiste più», è stato il suo primo grido di dolore, la prima richiesta d'aiuto sui media e non c'è telecamera che Pirozzi non provi a intercettare. Se non va lei da lui, va lui da lei: «Sono un comunicatore». Senza peli sulla lingua: «Voglio dire a tutti quelli che ci aiutano: più che latte e panini, ci servono soldi». L'altra sera Claudio Lotito gli ha donato una maglietta della Lazio, regalo azzeccato per il sindaco-allenatore (guida il Trastevere, la squadra in cui esordì Totti, oggi in serie D) che Renzi chiama «Mister» e che prima del sisma aveva portato alla ribalta il nome del suo paese con iniziative ad effetto. Prima la minaccia di fare una secessione dal Lazio se avessero chiuso l'ospedale (ora crollato in buona parte). Poi la polemica sulla pasta alla amatriciana con lo chef Carlo Cracco (che nel sugo ci voleva mettere l'aglio). Infine qualche frecciata a Matteo Renzi (prima del feeling e delle telefonata di ieri grazie alla quale: «Matteo ha detto di pensarla come me sui funerali») e se l'è presa ultimamente anche con Virginia Raggi, che aveva usato il termine «all'amatriciana» in senso dispregiativo: «Tutelerò il nome della mia città!», ha rombato Pirozzi che è molto affezionato alla sua felpa salviniana su cui naturalmente c'è scritto Amatrice. «La felpa - così racconta - è stata la prima cosa che ho tirato fuori da casa, quando ho abbandonato la mia abitazione».

 

L'ISPEZIONE DI SERA
Ieri sera, fino a tardi, lo si è visto mentre ispezionava il campo a ridosso della tendopoli della Croce Rossa, in cui oggi si svolgeranno le esequie, per vedere se il lavoro di livellamento del terreno procedeva bene: «Con tutto il casino che abbiamo scatenato per avere i funerali qui, non possiamo fare brutta figura davanti al mondo». «Ho perso tutto e non scappo», è uno dei suoi mantra. Un altro lo ha detto a Renzi e lo ripete a tutti: «Io barcollo ma non mollo». Oppure: «Vi sembro uno che pettina le bambole?». «Noooooo», è la risposta che vuole sentire dai suoi compaesani e loro sinceramente gliela rivolgono.

RIELETTO PRIMO CITTADINO
Eletto sindaco per la seconda volta nel 2014, ha un passato da consigliere provinciale di An e da un anno e mezzo è anche presidente dell'Associazione dei comuni dimenticati. Una battaglia portata avanti anche dopo le scosse di questi giorni e le parole che ripete a tutti i concittadini suonano cosi: «Mandate un messaggio di positività: se non c'è positività i piccoli centri si spopolano e le città non ce la fanno più». Sente un'unione viscerale con i matriciani ed è uno che non la beve: «Se i tecnici della ricostruzione sbagliano, glielo diciamo senza paura. E se sbagliano, pagheranno».
Pirozzi è considerato un buon allenatore di calcio: un passato con il Rieti in serie C2, poi come vice allenatore dell'Ascoli in serie B. Nelle ultime settimane prima del sisma il suo Trastevere aveva incontrato in una amichevole, tenutasi proprio ad Amatrice, la squadra dell'Ascoli che milita in serie B: risultato clamoroso, 3-2 per il Trastevere. Ma ora, a poche settimane dall'avvio del campionato, Pirozzi ha promesso che lascerà la guida della squadra per seguire il suo paese.

UN SIMBOLO
Sergio il Sanguigno si considera il simbolo dell'Italia che resiste a tutte le avversità. Ma il rischio è che esageri. E che il suo piglio da capopopolo gli prenda la mano e possa scalfire quell'equilibrio tra popolazione locale e istituzioni nazionali che in questi giorni ha funzionato bene e che oggi pomeriggio verrà di nuovo messa alla prova durante le esequie. Per le quali ha consigliato a Renzi: «Perché non indossi, per l'occasione, una grande felpa con su scritto Italia?».

Martedì 30 Agosto 2016, 08:19




Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Terremoto, il sindaco in felpa e megafono: «Se mi indagano me ne frego»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER