La Corte Ue all'Italia: «La Chiesa paghi l'Ici che non ha versato»

PER APPROFONDIRE: chiesa, ici, ue
La Corte di giustizia Ue: l’Italia recuperi l’Ici non versata dalla Chiesa
Lo Stato italiano deve recuperare l'Ici non pagata dalla Chiesa: è quanto hanno stabilito i giudici della Corte di giustizia dell'Unione europea, annullando la decisione della Commissione del 2012 e la sentenza del Tribunale Ue del 2016 che avevano sancito «l'impossibilità di recupero dell'aiuto a causa di difficoltà organizzative» nei confronti degli enti non commerciali, come scuole, cliniche e alberghi. I giudici hanno ritenuto che tali circostanze costituiscano mere «difficoltà interne» all'Italia«. Respinto invece il ricorso sull'Imu.

Il ricorso accolto dalla Corte di giustizia è stato promosso dalla scuola elementare Montessori di Roma contro la sentenza del Tribunale Ue del 15 settembre 2016 che in primo grado aveva ritenuto legittima la decisione di non recupero della Commissione europea nei confronti di tutti gli enti non commerciali, sia religiosi sia no profit, di una cifra che, secondo stime dell'Anci, si aggira intorno ai 4-5 miliardi.


 


La Commissione aveva infatti riconosciuto all'Italia l'«assoluta impossibilità» di recuperare le tasse non versate nel periodo 2006-2011 dato che sarebbe stato «oggettivamente» impossibile sulla base dei dati catastali e delle banche fiscali, calcolare retroattivamente il tipo d'attività (economica o non economica) svolta negli immobili di proprietà degli enti non commerciali, e calcolare l'importo da recuperare. La Montessori, sostenuta dai Radicali, nell'aprile 2013 fece ricorso contro la Commissione, ma nel 2016 il Tribunale Ue confermò appunto l'impossibilità di recuperare quanto dovuto. La Corte di giustizia, pronunciatasi in Grande Chambre, ha invece annullato sia la decisione della Commissione europea che la sentenza del Tribunale Ue, spiegando che tali circostanze costituiscono mere «difficoltà interne» all'Italia, «esclusivamente ad essa imputabili», non idonee a giustificare l'emanazione di una decisione di non recupero.

La Commissione europea, si legge nella sentenza, «avrebbe dovuto esaminare nel dettaglio l'esistenza di modalità alternative volte a consentire il recupero, anche soltanto parziale, delle somme». Inoltre, ha ricordato che i ricorrenti erano situati «in prossimità immediata di enti ecclesiastici o religiosi che esercitavano attività analoghe» e dunque l'esenzione Ici li poneva «in una situazione concorrenziale sfavorevole (..) e falsata». La Corte di giustizia ha ritenuto invece legittime le esenzioni dall'Imu, l'imposta succeduta all'Ici, introdotte dal governo Monti, anch'esse oggetto di contestazione da parte dei ricorrenti.

«La sentenza della Corte di Giustizia dell'Ue non consente direttamente ai comuni di recuperare gettito e soldi per l'Ici non versata, piuttosto sanziona l'Italia per una norma del 2012 per aiuti di Stato». Lo precisa all'agenzia Ansa Guido Castelli, delegato Anci per il Fisco locale, per il quale «questa sentenza riguarda esenzioni che hanno operato tra il 2007 e il 2011 e non interferisce su ciò che è accaduto dopo il 2012».


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 6 Novembre 2018, 10:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La Corte Ue all'Italia: «La Chiesa paghi l'Ici che non ha versato»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2018-11-07 15:55:44
Io alle imposte patrimoniali sono allergico per natura, figuriamoci poi quando vanno a tartassare chi fa impresa (e questo vale per tutti gli stati)
2018-11-06 21:31:25
«l'impossibilità di recupero a causa di difficoltà organizzative» nei confronti degli enti non commerciali, come scuole, cliniche e alberghi. I giudici hanno ritenuto che tali circostanze costituiscano mere «difficoltà interne» all'Italia«. Credo sarebbe ora di cominciare a capire la differenza fra Vaticano (Stato estero), il (generico) Chiesa ed "enti non commerciali" esenti ...
2018-11-06 20:54:27
Ora, al di là del contenuto, da quando in qua la Corte europea decide chi deve pagare le tasse in uno stato membro? In Lussemburgo come in Irlanda ci sono grandi differenze di tassazione rispetto alle altre nazioni. Nel caso specifico si era arrivati ad un accordo sul tema con il governo Monti. La Corte europea inoltre dovrebbe sapere che l'Italia, solo con le scuole paritarie cattoliche, perlopiù gli asili parrocchiali, risparmia oltre 6 miliardi all'anno. Ci sono anche scuole d'elite ed è giusto che paghino, ma quelle popolari sono un servizio estremamente utile e conveniente per lo stato. Poi sappiamo che molti ce l'hanno con la chiesa a prescindere...è una nemica e qualsiasi cosa la penalizza certa gente gode.... Un po' come quel tizio che si tagliava i geniali per far dispetto alla moglie. Devo poi dire che grazie alla Chiesa cattolica, con tutti i suoi problemi, limiti, difetti, alcuni molto gravi, è un gran sostegno per la nostra nazione. Si calcola che il solo giro d'affari legato al turismo religioso, gli esempi non si contano (Venezia, San Marco, Padova con Sant'Antonio, Roma, San Giovanni Rotondo ecc..) vale oltre 12 miliardi di euro annui... Se poi contiamo anche l'arte siamo a due finanziarie.... Ma che ne sa l'Europa ideologica filo Mitterand illuminista dal pensiero unico...che rinnega le vere radici che ci hanno dato questa libertà... Gnoranti
2018-11-06 19:48:57
Figurati se riescono ad ottenere un solo euro, dalla banca piu grande al mondo, quella con inquilini da 300 MILA EURO ad appartamento.
2018-11-06 19:43:31
mi raccomando gli interessi...perche' la chiesa i soldi ce li ha...