Green pass, i viaggi a settembre: più corse e più posti ma col certificato verde. Il documento esclusivo

Lunedì 30 Agosto 2021 di Rosario Dimito
Green pass, i viaggi a settembre: più corse e più posti ma col certificato verde

Dall’1 settembre al 31 dicembre 2021 l’accesso ai treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo Intercity, Intercity Notte, Alta Velocità, bus, traghetti (tranne quelli sullo Stretto di Messina e isole minori) è consentito solo a chi presenta il Green pass e la capienza massima viene alzata dal 50 all’80%. Solo gli aerei restano al 100% insieme a Italo, quest’ultimo perché ha dotato i suoi treni dei filtri Hepa che purificano l’aria ogni tre minuti. 

 

Green pass: su treni, bus e navi il riempimento sale all'80%. Ecco l'ordinanza del ministro Speranza

 

 

Green pass e viaggi, le regole: mascherine e distanze

Sono le disposizioni contenute nell’ordinanza del ministero della Salute diffusa ieri che impone il certificato verde da mercoledì prossimo anche agli altri mezzi di trasporto che possono imbarcare più passeggeri. Il provvedimento sottolinea la necessità di aumentare le corse per il trasporto di persone, e anche di allungare le fasce orarie di lavoro. Inoltre definisce le nuove linee guida valide per aerei, bus, metro, navi da crociera che sostanzialmente confermano le misure restrittive valide finora. Infatti è stabilito l’obbligo di indossare una mascherina chirurgica o un dispositivo di protezione individuale di livello superiore, anche inserita in strumenti (come fascia scalda collo in inverno) che ne facilitano l’uso, e la disinfezione sistematica dei mezzi.
L’accesso ai mezzi deve avvenire in modo ordinato, al fine di evitare code e assembramenti assicurando il mantenimento di almeno un metro di distanza interpersonale. I veicoli chiusi (cabinovie e ovovie), durante la fase di trasporto dei passeggeri devono essere aereati, mantenendo i finestrini aperti. Per quanto concerne le stazioni si raccomanda il tracciamento dei percorsi, nonché delle file d’attesa in modo tale da consentire il distanziamento di 1 metro tra le persone, escluse quelle che vivono nella stessa unità abitativa nonché tra i congiunti e le persone che intrattengono rapporti stabili (come nel caso di coniuge, parenti e affini in linea retta e collaterale, non conviventi ma con stabile frequentazione, persone non legate da vincolo di parentela, affinità o di coniugio che però condividono abitualmente gli stessi luoghi). La sussistenza di tali qualità può essere autocertificata dall’interessato. Obbligo anche di disinfezione sistematica con installazione di dispenser di facile accessibilità per consentire l’igienizzazione delle mani degli utenti e del personale. L’ordinanza riserva alle Regioni la facoltà di emanare prescrizioni più restrittive nei trasporti. Infine ci sono misure di sistema che attengono l’orario di inizio e fine delle attività. Per aumentare l’indice di riempimento dei mezzi, potranno essere installati separatori removibili in materiale idoneo tra i sedili.

 

Scuola, quattro diverse quarantene se c'è un positivo in classe

 

Video

 

Tpl - Orari di punta, il servizio va potenziato

L’aumento delle corse dei mezzi di trasporto pubblico locale, soprattutto durante le ore di punta, è fortemente auspicabile anche mediante l’utilizzo degli strumenti previsti dalle norme vigenti. In particolare facendo riferimento alla legge del 7 luglio 202 1, ove si prevede che in deroga all’articolo 87, comma 2, del Codice della strada possono essere destinate ai servizi di linea per trasporto di persone anche le autovetture a uso di terzi. Questi servizi aggiuntivi, nell’eventualità siano dichiarati indispensabili dagli enti di governo del trasporto pubblico locale in ciascuna Regione e Provincia autonoma, diventano essenziali per fronteggiare le esigenze di trasporto conseguenti alle misure di contenimento della diffusione del Covid e a tal fine si è provveduto con la legge di Bilancio 2021 al finanziamento straordinario di 840 milioni di euro per le Regioni e per di 150 milioni di euro per le Province e i Comuni. Tali servizi aggiuntivi possono essere previsti anche per il trasporto pubblico locale ferroviario. A questo proposito nell’ordinanza del ministero sono evidenziate le necessità di sanificazione e igienizzazione dei mezzi.

 

Scuola, dal Green pass a orari e ingressi scaglionati: tutte le regole per il ritorno in aula

 

Treni e bus - Mascherina e se si è fermi porte aperte

La gestione dell’accesso alle stazioni ferroviarie dovrà prevedere, nei limiti del possibile, una netta separazione delle porte di entrata e di uscita. Uso di mascherina chirurgica o di un dispositivo di protezione individuale di livello superiore per chiunque si trovi all’interno della stazione ferroviaria per qualsiasi motivo. Limitazione dell’utilizzo delle sale di attesa e rispetto al loro interno delle regole di distanziamento. Sui treni vanno posizionati dispenser di gel igienizzanti su ogni carrozza. Va inoltre eliminata la temporizzazione di chiusura delle porte esterne alle fermate, al fine di facilitare il ricambio dell’aria all’interno delle carrozze ferroviarie. È necessario dichiarare, sotto la personale responsabilità, di essere in possesso, all’inizio del viaggio, della certificazione verde Covid. Il limite dell’80% vale anche per gli autobus adibiti a servizi di trasporto persone ad offerta indifferenziata, effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti. Ciò vale anche per servizi di noleggio con conducente.

 

Sicilia zona gialla, l'affondo del Prefetto: «Molti non vogliono indossare la mascherina»

 

 

 

Taxi e Ncc - Passeggeri ridotti e divisori

Per i taxi e gli Ncc fino a cinque posti è raccomandato dotare le vetture di paratie divisorie tra le file di sedili. Il passeggero non può occupare il posto vicino al conducente. Nelle vetture omologate per il trasporto fino a cinque persone non potranno essere trasportati sul sedile posteriore più di due passeggeri. Per gli Ncc con 20 posti, tre persone nella panca di poppa all’aperto. Il 50% dei posti disponibili nella cabina centrale (disposti in modo sfalsato. Infine, due persone a prua (di cui uno sarà il conducente). 
Le limitazioni di cui alla presenza delle tre persone sulla panca anteriore e di due passeggeri in quella posteriore non si applicano nel caso di persone che vivono nella stessa unità abitativa, nonché tra i congiunti e le persone che intrattengono rapporti interpersonali stabili (si riportano alcuni esempi: coniuge, parenti e affini in linea retta e collaterale non conviventi, ma con stabile frequentazione; persone, non legate da vincolo di parentela, di affinità o di coniugio, che condividono abitualmente gli stessi luoghi). La sussistenza delle predette qualità può essere sempre autocertificata dall’interessato.

 

Green pass solo ai vaccinati? Ricciardi, consulente del ministro Speranza: «Un tampone non può bastare»

 

Voli - Affollamenti vietati anche sulle navette

Nel trasporto aeroportuale, prima di accedere all’area sensibile delle aeroporti, tutti i passeggeri saranno sottoposti a misurazione della temperatura attraverso l’utilizzo di termocamere o di termometri a infrarossi senza contatto. È raccomandato di osservare il distanziamento interpersonale di un metro all’interno dei terminal e in tutte le altre facility aeroportuali (es. bus per trasporto passeggeri). In caso di trasporto tramite navetta bus va comunque evitato l’affollamento, prevedendo l’80% della capienza massima. Devono essere disciplinate le salite e le discese dall’aeromobile e la collocazione al posto assegnato al fine di evitare contatti stretti tra i viaggiatori nella fase di movimentazione. Prima dell’imbarco deve essere acquisita l’autocertificazione di non aver avuto contatti stretti con soggetti positivi al Covid negli ultimi due giorni prima dell’insorgenza dei sintomi e fino a 14 giorni dopo, ridotti a 7 per i vaccinati. Impegno di comunicare eventuali sintomi fino a 8 giorni dallo sbarco. Gli indumenti personali normalmente sistemati nelle cappelliere vanno sistemati in custodie monouso. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 15:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA