Green pass obbligatorio da estetista e parrucchiere da domani. Dall'1 febbraio richiesto anche in negozi, banche e uffici postali

Sarà richiesta la versione "base" del lasciapassare, ovvero quella ottenibile anche con un tampone negativo

Mercoledì 19 Gennaio 2022
Green pass per estetista e parrucchiere
1

Obbligo di Green pass anche per andare dal parrucchiere, barbiere o dall'estista. È questa la grande novità che riguarderà il settore dei servizi alla persona definiti "non essenziali" a partire da domani 20 gennaio. Il lasciapassare richiesto sarà quello base, ovvero ottenibile anche con un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti. La prossima data da segnare sul calendario sarà poi quella dell'1 febbraio quando l'obbligo di certificazione verde verrà esteso anche a negozi e uffici.

Green pass obbligatorio dal parrucchiere e dall'estetista da domani 

Da domani il Green pass sarà richiesto anche dal parrucchiere e dall'estetista. Per fare una piega o accedere ai servizi di un centro estetico sarà necessario, in caso di mancata vaccinazione o guarigione dal virus, un tampone negativo. 

 

Dall'1 febbraio Green pass base per poste, banche e negozi

Per accedere ad un qualunque ufficio pubblico o a servizi postali, bancari e finanziari, e alle attività commerciali, dall'1 febbraio bisognerà avere il pass base. Si potrà accedere senza (secondo quanto indicato dalla bozza del decreto) solo ai servizi per il soddisfacimento «di esigenze essenziali e primai della persona».

John Malkovich senza Green pass: l'hotel Danieli di Venezia non lo fa entrare

L'obbligo di Green pass base infatti non dovrebbe scattare per alcuni servizi essenziali che saranno comunicati nelle prossime ore tramite un Dpcm che individuerà quelle attività «necessarie al soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona»: tra queste i negozi di generi alimentari, mercati, farmacie, parafarmacie, studi medici e veterinari, laboratori di analisi, negozi di ottica e per acquistare pellet o legna per il riscaldamento. Esclusi dal pass sarà anche tutto il settore dei carburanti, le edicole. Resta invece l'obbligo del pass per le librerie e per i tabaccai. 

Dal 15 febbraio over 50 al lavoro con il Super Green pass

Tra le prossime date, quella del 15 febbraio: i lavoratori pubblici e privati - compresi quelli in ambito giudiziario e i magistrati - che hanno compiuto i 50 anni, dovranno esibire al lavoro il Super Green pass, che si ottiene con il vaccino o con la guarigione dal Covid. Chi non lo farà non riceverà lo stipendio ma conserverà il posto di lavoro. L'accesso ai luoghi di lavoro senza certificato che attesti vaccino o guarigione è vietato e chi non rispetta il divieto subirà una sanzione amministrativa tra 600 e 1500 euro.

 

 

Ultimo aggiornamento: 20 Gennaio, 07:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci