Taranto, Federico Musciacchio è morto: al bimbo affetto da atrofia muscolare non basta farmaco da 2 milioni di euro

Aveva ricevuto le cure grazie a una straordinaria gara di solidarietà per l'acquisto dello Zolgensma

Domenica 21 Agosto 2022
Taranto, Federico Musciacchio è morto: al bimbo affetto da atrofia muscolare non basta farmaco da 2 milioni di euro

Federico Musciacchio, il bimbo tarantino di circa 3 anni affetto da SMA (atrofia muscolare spinale) di tipo 1, la più grave, è morto. Aveva ricevuto le cure grazie a una straordinaria gara di solidarietà per l'acquisto dello Zolgensma, uno dei farmaci salva-vita più costosi al mondo, da oltre 2 milioni di euro. Con la piattaforma gofundme il padre aveva lanciato, con successo, una raccolta fondi per ottenere il medicinale.

Bimbo di 2 anni investito a Lignano Sabbiadoro, dove era in vacanza con la famiglia: è grave

Federico Musciacchio, "il piccolo guerriero"

Il piccolo guerriero, come lo chiamava la mamma Rossella, non ce l'ha fatta. Federico Musciacchio, un bimbo tarantino di nemmeno 3 anni affetto da Sma (atrofia muscolare spinale) di tipo 1, ha perso la battaglia contro la malattia che gli era stata diagnosticata a pochi mesi dalla nascita. Ma nelle ultime settimane a complicare un quadro clinico già gravissimo era subentrata anche una infiammazione al cervello. Federico aveva ricevuto le cure grazie a una straordinaria gara di solidarietà con la piattaforma gofundme per l'acquisto dello Zolgensma, uno dei farmaci salva-vita più costosi al mondo, da oltre 2 milioni di euro.

Lapide di un bimbo spunta tra i rifiuti, ritrovamento choc a Genzano

Solo nel marzo dello scorso anno l'Agenzia italiana del farmaco aveva consentito l'uso della terapia genica Zolgensma con il Sistema sanitario nazionale per tutti i bambini affetti da Sma1 che rientrano per peso entro i 21 chili. Su una vicenda analoga, che riguardava la possibilità di somministrare il farmaco a Paolo, un bimbo di poco più di due anni della provincia di Bari affetto da Sma1, si consumò lo strappo tra il governatore Michele Emiliano e l'epidemiologo Pierluigi Lopalco, tanto che quest'ultimo decise di dimettersi da assessore pugliese alla Sanità perché riteneva che, in base ai paletti fissati da Aifa in Italia, il piccolo non potesse essere sottoposto alla terapia genica dalla quale non avrebbe tratto vantaggi.

Il farmaco autorizzato l'anno scorso

Saverio, il papà di Federico Musciacchio, lo scorso aprile nella processione del Giovedì Santo era stato tra i portatori delle sdanghe (travi in legno) della statua dell'Addolorata in segno di devozione e di ringraziamento per il sostegno ricevuto per le cure al figlio. «Purtroppo il piccolo Federico Musciacchio - hanno sottolineato il padre spirituale della Congrega dell'Addolorata e di San Domenico, don Emanuele Ferro, e il commissario arcivescovile Giancarlo Roberti - ha concluso la sua breve esistenza terrena. L'intera confraternita si stringe intorno ai suoi genitori Saverio e Rossella e a tutta la sua famiglia».

L'immagine di Federico «affidato alla Vergine Addolorata all'uscita in piazza Immacolata - hanno aggiunto - ci ritornano alla mente con vigore mentre impetriamo dalla nostra Madre celeste il dono della consolazione e della speranza. Voglia il buon Dio essere vicino alla mamma e al papà di Federico difensori della vita e della salute senza risparmiarsi e con eroico coraggio». Anche il priore Antonello Papalia e don Marco Gerardo, padre spirituale della Confraternita del Carmine, che ha sede nell'omonima chiesa, dove domani si svolgeranno i funerali, hanno espresso il proprio cordoglio e la vicinanza alla famiglia del piccolo Federico. «La Mamma Nostra del Carmine - hanno scritto sulla pagina Facebook - lo accolga tra i Santi e gli Angeli e lo custodisca tra le Sue Braccia amorevoli».

Ultimo aggiornamento: 19:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci