Coronavirus, trasporti Fase 2: dai treni ai bus agli aerei, come viaggeremo. Ipotesi stop controllo biglietti

Giovedì 23 Aprile 2020
Coronavirus, trasporti Fase 2: dai treni ai bus agli aerei, ecco come viaggeremo. Ipotesi stop controllo biglietti

Dai treni ai bus, fino agli aerei: come viaggeremo nella Fase 2 della lotta al Coronavirus? Per tutti i passeggeri ci sarà l'obbligo di tenere guanti e mascherina per tutta la durata del volo aereo; nel caso dei treni e bus, invece, la possibilità di eliminare il controllo dei biglietti e la vendita a bordo. Sono queste alcune delle misure, previste in una bozza di lavoro del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a quanto apprende l'Ansa. 

CLICCA QUI per scaricare la bozza integrale in Pdf

LEGGI ANCHE Viaggiare in aereo dopo il coronavirus: poltrone invertite e divisori tra passeggeri

Tariffe diverse contro assembramenti. Nella bozza di lavoro c'è anche la possibilità di utilizzare la 'leva tariffaria' ovvero il diverso prezzo dei biglietti per evitare ogni tipo di assembramento. Con una «eventuale applicazione di leve tariffarie per distribuire la domanda», ovvero con tariffe diverse a seconda dell'orario, si punta a diluire il flusso passeggeri.

LEGGI ANCHE Coronavirus, Roma, Fase 2: in metro torna l’orario normale, bus a due piani sulle linee Atac Le tratte potenziate

Sensi unici nelle stazioni. La bozza ipotizza inoltre distanziamento, percorsi separati per ingresso e uscita dai mezzi pubblici e anche dalle stazioni, con la creazione di percorsi 'a senso unico', dispenser con igienizzanti, ma anche l'eliminazione il più possibile dei biglietti cartacei sostituiti da quelli elettronici. 

Nelle grandi stazioni è raccomandato ai gate misurare la temperatura ai viaggiatori. Sui treni si prevede il potenziamento del personale di pulizia, ingressi e discese separati e sui convogli a lunga percorrenza la sospensione di tutti i servizi di ristorazione a bordo, dal welcome drink, a bar a servizi al posto.

Monitoraggio video. Ci saranno dei marker, cioè dei segni, sui mezzi pubblici per indicare i posti dove non ci si potrà più sedere in modo da garantire il distanziamento. Nel caso delle metropolitane, la bozza prevede flussi di entrata ed uscita separati e il mantenimento delle giuste distanze sia in banchina che sulle scale mobili. Anche per questo chiede di «predisporre idonei sistemi» per segnalare «il livello di saturazione stabiliti» e sistemi di telecamere intelligenti per monitorare i flussi.

Termoscanner. Misurazione della temperatura con il termoscanner sia per i passeggeri in partenza sia in arrivo - con l'ipotesi di farlo al terminal partenze e alla discesa del velivolo-, obbligo del rispetto del distanziamento anche sull'aereo, dove i viaggiatori dovranno tenere mascherina e guanti), sanificazione (in base al traffico) di tutti gli spazi negli aeroporti cercando di separare nettamente arrivi e partenze.

I taxi. Massimo due passeggeri, o uno solo se non ha la mascherina: è quanto prevede la bozza nel caso dei servizi di trasporto non in linea, come taxi e noleggio con conducente. È previsto infatti il divieto di sedersi accanto al conducente - che dovrà utilizzare i dispositivi di protezione - con la possibilità di trasportare nei sedili posteriori massimo due persone con i «dispositivi di sicurezza idonei», solo uno in mancanza.

 

Ultimo aggiornamento: 24 Aprile, 00:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA