Caso Ruby, Emilio Fede vuole chiedere la grazia al Capo dello Stato

PER APPROFONDIRE: caso ruby, condanna, emilio fede, grazia
Emilio Fede
Emilio Fede vuole chiedere la grazia al Capo dello Stato Sergio Mattarella dopo la condanna per il caso Ruby bis. Fede è stato Condannato in via definitiva a 4 anni e 7 mesi. «La grazia è un'idea che ha un senso e ci stiamo riflettendo» ha spiegato il suo legale, l'avvocato salvatore Pino, dopo averlo incontrato oggi. Per l'ex direttore del Tg1 e del Tg4 nei prossimi giorni inizierà la detenzione domiciliare per scontare la prima parte della pena. 

Ruby, Emilio Fede non va in carcere: accolta l'istanza della difesa
​Ruby, Cassazione conferma condanne per Fede e Minetti: il giornalista verso i domiciliari


Fede, che si è sempre proclamato innocente rispetto al reato di favoreggiamento della prostituzione per le serate a luci rosse nella villa San Martino di Silvio Berlusconi ad Arcore, vuole presentare la domanda di grazia al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Per il suo difensore, che ha incontrato oggi il giornalista, il reato per cui è stato condannato, la vicenda più in generale e le condizioni dell'ex direttore, che ha quasi 88 anni, sono tutti elementi per i quali «ha un senso» la richiesta di grazia che se accolta estingue la pena. «Stiamo riflettendo e vedremo come procedere», ha aggiunto il legale. Venerdì scorso, Fede ha ottenuto dalla Procura generale milanese la sospensione dell'ordine di carcerazione con differimento della pena in attesa che la Sorveglianza col giudice Gaetano La Rocca dia di fatto il via libera alla detenzione domiciliare, misura alternativa che a Fede può essere concessa perché ha più di 70 anni e il reato per cui è stato condannato non è ostativo. Nell'istanza la difesa ha evidenziato anche motivi di salute e Fede ha chiesto al giudice di poter stare nella casa della moglie a Napoli. Per lui, dunque, si aprirà nei prossimi giorni la strada dei domiciliari, regime detentivo con cui dovrà scontare almeno alcuni mesi, prima che la parte rimanente della pena arrivi a 4 anni, quando poi potrà chiedere l'affidamento in prova.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 15 Aprile 2019, 12:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Caso Ruby, Emilio Fede vuole chiedere la grazia al Capo dello Stato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-04-15 18:57:16
La mentalità italo-cattolica: con tre Pater Ave Gloria ti viene perdonato tutto, anche le peggiori nefandezze. Purtroppo in Italia non abbiamo avuto un Lutero a cambiare le cose per diventare un popolo normale.
2019-04-15 15:23:40
Fede nella sua vita ha sempre svolto funzioni da servitu'. Nonostante sonori schiaffi come licenziamento,colpe degli altri attribuite a lui,avute dal suo amato ex presidente del consiglio,continua ad assumere atteggiamenti di fedelta'verso il suo ex padrone.Ora propone di ricorrere al capo dello Stato,ma dove trova la dignita' di dire questo
2019-04-15 14:42:05
Un impresentabile chiede la grazia?
2019-04-15 13:51:12
Grazia perché, in galera tutti, anche il loro capo. In America si farebbero il carcere anche da vecchi altro che domiciliari.