Covid, ecco il farmaco anti-tumorale che attenua i danni: il Selinexor blocca la proteina virale più tossica

Lunedì 5 Aprile 2021
Il farmaco anti-tumorale che attenua i danni del Covid: il selinexor blocca la proteina virale più tossica

Il Selinexor può attenuare gli effetti dannosi del Covid-19. Il farmaco anti-tumorale (usato per il trattamento di alcuni tumori del sangue) pare riesca a bloccare l'azione della proteina virale più tossica, la Orf6, migliorando la sopravvivenza delle cellule umane di circa il 12%. Ad affermarlo sono due studi dell'Università del Maryland condotti su moscerini della frutta e su cellule umane. Questi lavori, pubblicati sulla rivista scientifica Cell&Bioscience, potrebbero aprire la strada a nuovi potenziali farmaci che potrebbero essere testati per il trattamento di pazienti affetti da Covid-19 grave.

 

 

 

 

Lo studio

«Il nostro lavoro suggerisce che esiste un modo per impedire a Sars-CoV-2 di ferire i tessuti del corpo e causare danni estesi», spiega un autore dello studio Zhe Han. La ricerca afferma che il farmaco «più efficace» contro il Covid-19, il remdesivir, impedisce solo al virus di fare più copie di se stesso, ma non protegge le cellule già infette dai danni causati dalle proteine virali. Il team di ricerca ha scoperto che una proteina virale, la Orf6, era quella più tossica che uccideva circa la metà delle cellule umane. Anche altre due proteine (Nsp6 e Orf7a) si sono dimostrate sì tossiche, ma sono arrivate a uccidere circa il 30-40% delle cellule umane. Lo studio si è poi concentrato sulla proteina virale più tossica ed è stata notata l'azione del farmaco antitumorale Selinexor (usato per il trattamento di alcuni tumori del sangue) che l'ha bloccata, ristabilendo la sopravvivenza delle cellule umane circa del 12%.

Ultimo aggiornamento: 6 Aprile, 09:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA