Coronavirus, sito Inps in tilt: prima irraggiungibile, poi in chiaro i dati sensibili di altri utenti. Conte: «Attacchi hacker»

Mercoledì 1 Aprile 2020 di Simone Canettieri
2

Un vero e proprio assalto, partito nel pieno della notte. Gli intestatari di partita Iva, che possono usufruire di un sostegno pari a 600 euro, hanno iniziato poco dopo la mezzanotte a seguire la procedura online, sul portale web dell’Inps, per attivare il finanziamento. Con l’effetto di produrre un vero e proprio ingolfamento dei sistemi informatici. Ore di attesa, soltanto per ottenere il caricamento di una singola pagina. Ma non è tutto.

LEGGI ANCHE Coronavirus, Inps in down: 300mila domande in bilico, potrebbe essere necessario ripetere procedura

Nelle prime ore di questa mattina si è arrivati persino allo scambio di identità. Un paradosso pirandelliano, in cui una donna di 29 anni, G.L., si è trovata all’interno del portale con  il profilo di M.S., uomo di 58 anni. In pratica, a causa dell’intasamento, un cittadino si sta trovando in questi minuti a visualizzare le informazioni privatissime di un’altra persona.

LEGGI ANCHE Coronavirus, agitatori sociali sul web: «Vogliono creare disordini». Ecco tutte le fake news

In barba alle più elementari norme a tutela della privacy. Purtroppo non si tratta di casi isolati che stanno rientrando col tempo, la situazione non sembra assolutamente in via di aggiustamento. Anzi. Più passano i minuti, più fioccano i trasferimenti di identità. Maschere virtuali che però sortiscono un effetto drammatico sulla carne viva delle persone, costrette a ritardare l’accesso ai 600 euro, che in questi giorni così complicati rappresentano una cifra di vita o di morte. Uno, nessuno, centomila: Pirandello sembra prendere il sopravvento sulle più avanzate infrastrutture tecnologiche. Nel frattempo, però, per molti i 600 euro restano una chimera imprigionata tra le pieghe della burocrazia.

Coronavirus, positivo da un mese accoltella a Milano la moglie davanti ai figli

Inps: disguido atto grave. Il disguido sul sito dell'Inps con lo scambio di identità tra gli utenti «è una cosa gravissima che non deve succedere» e «sarà oggetto di verifica». Lo ha detto la vicepresidente dell'Inps Maria Luisa Gnecchi sottolineando che il disguido è durato cinque minuti. Gnecchi ha detto comunque che nessuno perderà il sussidio e che se le risorse dovessero esaurirsi saranno rifinanziate. Nessuno, ha detto, «resterà senza bonus. Cerchiamo di collaborare».
 


Il caso a Palazzo Chigi. Scintille tra Giuseppe Conte e Matteo Salvini al vertice a palazzo Chigi sull'emergenza Covid-19. Oggetto del contendere, riferiscono fonti del centrodestra, un post 'in tempo realè del leader della Lega sul sito Inps in tilt. Questo è soffiare sul malcontento, una cosa diversa dal confronto che stiamo facendo qui, sarebbe sbottato il capo del governo. Pronta la replica di Salvini: se il sito è in tilt, è in tilt... Anche Giorgia Meloni e Antonio Tajani avrebbero sollevato il problema, sottolineando che si tratta di un problema grave. Critiche anche dalla maggioranza: «Meno annunci da parte dell'Inps e più fatti, soprattutto per risolvere i problemi di queste ore. Trovo inutile l'esposizione dei vertici dell'istituto se poi l'accesso più elementare non funziona».
Il premier Conte ha risposto alle segnalazioni polemiche delle opposizioni dicendo che il sito Inps in titl sarebbe colpa «dell'attacco degli hacker».

L'affondo. Debora Serracchiani, vicepresidente del Pd attacca: «Quanto sta accadendo al sito dell'Inps in queste ore è intollerabile e ci chiediamo se non era da aspettarselo dopo aver comunicato nei giorni scorsi che questo tipo di accesso sarebbe stata l'unica opzione disponibile per richiedere le indennità per professionisti e autonomi.  Il Pd aveva chiesto di consentire che i commercialisti e gli intermediari, in quanto  iscritti all’ordine, potessero spedire una Pec all’Inps certificando le ore di lavoro perse e la richiesta di cassa integrazione, aggiungendo l’iban del dipendente. In questo modo, entro il 10 aprile l’Inps sarà in grado di procedere con un bonifico». 

I vertici Inps. «Abbiamo ricevuto nei giorni scorsi, e anche stamattina, violenti attacchi hacker». È quanto afferma il presidente dell' Inps Pasquale Tridico spiegando le difficoltà incontrate oggi dal sito Inps. «Questa mattina si sono sommati ai molti accessi, che hanno raggiunto le 300 domande al secondo, e il sito non ha retto. Per questo abbiamo ora sospeso il sito». Tridico spiega all'Ansa che dopo gli attentati degli hacker «ovviamente nei giorni scorsi abbiamo informato le autorità di sicurezza nazionale, polizia e ministri vigilanti». 

lntanto il direttore regionale Inps per la Calabria Giuseppe Greco chiarisce le dinamiche che portano a registrare in queste ore disagi da parte degli utenti che accedono alla piattaforma on line. «Si tratta di un malfunzionamento che non riguarda solo la Calabria - spiega il direttore Inps Calabria all'Adnkronos - ma l'intero Paese. In pochissime ore abbiamo dovuto adattare le nostre strutture informatiche e telematiche in maniera tale da reggere a quest'onda d'urto inevitabile, con milioni di cittadini che si collegano al sito
per avere i servizi prodotti dal decreto Cura Italia. Ciò determina qualche disservizio in fase di start up».

Il sito dell' Inps è stato chiuso a seguito degli attacchi hacker ricevuti che hanno provocato «disfunzioni» e sarà riaperto con orari diversi per chiedere le prestazioni per patronati e consulenti e per i cittadini. Lo ha detto il presidente dell' Inps, Pasquale Tridico intervistato dal Tg1. «Lo riapriremo - ha detto - dalle 8.00 alle 16.000 per
patronati e consulenti e dalle 16.00 per i cittadini».

E il garante della privacy Antonello Soro attacca: «Questo data breach è un fatto gravissimo, siamo molto preoccupati. Abbiamo immediatamente preso contatto con l' Inps - aggiunge Soro - e avvieremo i primi accertamenti per verificare se possa essersi trattato di un problema legato alla progettazione del sistema o se si tratti invece di una problematica di portata più ampia. Intanto è assolutamente urgente che l' Inps chiuda la falla e metta in sicurezza i dati».

 

Ultimo aggiornamento: 18:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci