Coronavirus, bollettino Italia: 101739 casi, 1628 nuovi positivi, 11591 morti (+812), 14620 guariti (+1590)

Lunedì 30 Marzo 2020
Coronavirus, bollettino Italia: 101.739 casi totali, 11.591 morti (+812), 14.620 guariti (+1.590)

Il bollettino sulla situazione Coronavirus in Italia del 30 marzo 2020 conta un totale di 101.739 contagiati dall'inizio dell'epidemia, con un incremento rispetto a ieri di 4.050 unità. A 40 giorni dalla scoperta del paziente uno - il 38enne di Codogno - i morti arrivano a quota 11.591, 812 più di ieri. I guariti sono ora 14.620, con una crescita nelle ultime 24 ore di ben 1.590 persone che hanno sconfitto il Covid-19. Gli attualmente positivi sono 75.528, con un incremento nelle ultime ore di 1.628 unità. Il numero di tamponi effettuati da inizio epidemia è 477.359.

LEGGI ANCHE Coronavirus, a Roma trend in frenata: 121 contagi e 4 decessi in tutta la provincia. Lazio, 208 nuovi casi e 14 morti

Record di guariti. «Oggi si registra il numero più alto di guarigioni in 24 ore mai registrato finora in Italia», ha sottolineato il capo della protezione civile Angelo Borrelli nella consueta conferenza stampa. «La percentuale di incremento del numero di pazienti positivi è scesa dal +11% del 20 marzo al +2% di oggi rispetto al giorno precedente. Dati statistici che ci confortano nel dire che le misure adottate funzionano e che vanno rinnovate», ha detto Borrelli. «La percentuale di incremento dei ricoverati negli ultimi quattro giorni è passata dal 5% al 2%, 3%, 1% oggi», ha aggiunto Locatelli. 

LEGGI ANCHE Coronavirus, gli esperti: «Si consolida il rallentamento, nei prossimi giorni fase di discesa»
 


Meno terapie intensive. «Il numero di chi deve essere ricoverato in terapia intensiva non è più marcatamente alto come nelle scorse settimane. Idem per «il numero di eventi respitaroti infettivi per cui sono stati chiamati i soccorsi in Lombardia», ha sottolineato Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di Sanità.

LEGGI ANCHE Coronavirus Italia, Locatelli (Css): indice contagiosità ancora superiore a 1
 


Calo in Lombardia, Friuli e Umbria. Per la prima volta dall'inizio dell'emergenza, calano i malati in tre Regioni italiane. In Lombardia il numero complessivo dei pazienti ricoverati in ospedale, di quelli in terapia intensiva e di quelli in isolamento domiciliare è di 25.006. Ieri erano 25.392, dunque 386 malati in meno. Anche le terapie intensive fanno segnare un dato positivo: sono solo 2 i due nuovi ingressi. Ci sono poi 32 malati in meno in Friuli Venezia Giulia (1.109 contro i 1.141 di ieri) e 63 in Umbria (834 contro gli 897 di ieri).

LEGGI ANCHE Coronavirus, lo studio: in Lombardia contagi azzerati entro il 22 aprile, Toscana ultima a guarire

Il caso Lombardia. Continua a diminuire la crescita dei contagi: i positivi sono 42.161, con un aumento di 1154 rispetto a ieri, quando erano stati registrati 1592 casi in più. Rimane alto il numero dei decessi, con 458 vittime in più che porta il totale a 6.818. I ricoveri non in terapia intensiva sono 11815, con una crescita di 202, mentre sono solo due i nuovi ricoveri in terapia intensiva. Calano anche i nuovi contagiati a Milano: ieri erano 247, oggi sono 154, per un totale di 8676 positivi in tutta la provincia.
 

Ultimo aggiornamento: 31 Marzo, 17:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA