Clima, per Fridays for Future un milione di studenti in piazza in tutta Italia: «Ci avete rotto i polmoni»

Venerdì 27 Settembre 2019
Clima, diretta: per Fridays for Future un milione di studenti in piazza in tutta Italia. «200 mila solo a Roma»
16

Al grido di «Non esiste un pianeta B» e «Ci avete rotto i polmoni» oltre un milione di ragazzi italiani ha invaso le piazze di 160 città per spingere la politica 'degli adulti' ad attivarsi contro i cambiamenti climatici. E la politica, almeno sulla carta, non è rimasta sorda agli appelli: non solo con la mega-giustificazione collettiva suggerita alle scuole dal ministro Lorenzo Fioramonti, ma anche con l'impegno assicurato da tante istituzioni a trovare «soluzioni concrete», come lo scomputo dal deficit della spesa per l'ambiente, proposto dal sottosegretario Riccardo Fraccaro.

Clima, Fridays for Future: giovani in piazza in 160 città italiane

Fridays for future, davanti agli studenti al corteo spuntano i leader dei Cobas e i partigiani di Mario Ajello

Fridays for Future, Greta Thunberg: «Immagini incredibili da tutta Italia»
 

 


Da Roma a Milano, da Torino a Palermo, fino a centri più piccoli e anche altamente simbolici su questo fronte, come Taranto e Potenza, i vari cortei hanno messo insieme un fiume colorato e pacifico (tranne un blitz di giovani vestiti di nero nel capoluogo siciliano) di studenti di tutte le età richiamati alla partecipazione politica attiva dalla battaglia per l'ambiente. Proprio questo «risveglio», in vite che sembravano unicamente assorbite dall'uso spasmodico degli smartphone al riparo delle mura casalinghe, ha convinto Fioramonti a spingere le scuole ad accettare le giustificazioni con l'orgogliosa dicitura «partecipazione alla manifestazione per il clima» e non con la formula passpartout dei tradizionali «motivi familiari».
 

Un lasciapassare che, malgrado la resistenza di qualche istituto, potrebbe aver convinto tanti ragazzi a scendere in strada senza paura di conseguenze. E così il numero di partecipanti è rapidamente cresciuto fino a superare, stando ai calcoli degli organizzatori del Fridays For Future, la soglia di un milione.
 
 

Roma e Milano, dove è sceso in piazza anche il sindaco Giuseppe Sala («Cosa ci importa? Piuttosto faccia qualcosa», ha reagito però con veemenza l'attivista di appena 16 anni Miriam Martinelli), sono state ovviamente le città in cui la manifestazione è stata più imponente, con almeno 200mila adesioni per ciascuna e slogan spesso ispirati dalla 'madrina' Greta Thunberg, che in un tweet ha dato la sua benedizione parlando di «immagini bellissime da tutta Italia».

Ma se nei grandi centri le scritte erano per lo più generiche, da Taranto sono arrivate le urla anti-Ilva: «Sto all'inferno anche da vivo» e «Taranto senza Ilva». Mentre da Potenza, una delle poche zone di estrazione petrolifera d'Italia, c'è stata la mobilitazione anti-greggio: «Non possiamo bere petrolio».

Clima, Fridays for future: bambino manifesta da solo in piazza. Il sindaco: «È il mio eroe»

Carote, da X Factor ai Fridays for Future: gli studenti dei licei romani cantano la hit di Nuela
 

 

La protesta, almeno in questa giornata, ha colpito nel segno e spinto governo e opposizione a occuparsi di temi spesso assenti dall'agenda politica. Se il premier Giuseppe Conte ha promesso generiche «soluzioni concrete» e il ministro dell'Ambiente Sergio Costa, che sta preparando uno specifico decreto, ha invitato ad «agire subito», più in là è andato Fraccaro: «Proporremo all'Ue - ha annunciato - di scomputare dal calcolo del deficit la spesa per investimenti a favore dell'ambiente: è necessario introdurre una Green rule ragionando su una soglia di scomputo pari al 2,5% del Pil per ogni Stato membro».

Una 'Regola verde', insomma, per evitare di cadere nel «baratro» scavato dalle «politiche che gli Stati hanno imposto negli ultimi anni». La strada appare ampiamente condivisa dagli altri alleati di governo: «La legge di bilancio - ha detto il capo delegazione del Pd nell'esecutivo Dario Franceschini - deve avere al centro di ogni scelta grande e piccola l'ambiente e la sostenibilità. Saremo intransigenti su questo». Sullo stesso binario Rossella Muroni di LeU, che propone di inserire nella manovra il concetto del «chi inquina paga».

Dall'opposizione il leader della Lega Matteo Salvini, che alla vigilia aveva «minacciato» il figlio di ritorsioni in caso di partecipazione al corteo, è apparso più morbido: «Viva i ragazzi che scendono in piazza, la Lega vorrebbe dargli anche il diritto di voto a 16 anni. Speriamo che qualche ministro non li prenda in giro», ha dichiarato.

 

Ultimo aggiornamento: 28 Settembre, 00:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci