Pesaro, cena in 90 al ristorante per protesta contro il Dpcm. Il gestore alla polizia: «Non chiuderò mai»

Lunedì 26 Ottobre 2020
Pesaro, cena in 90 al ristorante per protesta contro il Dpcm. Il gestore alla polizia: «Non chiuderò mai»
1

A Pesaro è stata organizzata una cena per 90 persone al ristorante e la cena è stata ripresa in diretta social per protesta contro il Dpcm entrato in vigore alla mezzanotte di oggi, provvedimento che stabilisce la chiusura alle 18 di bar e ristoranti. La polizia ha fatto irruzione intorno alle 20:30 nel ristorante: all'arrivo degli agenti nel locale, il ristoratore ha cercato di impedire l'accesso ai poliziotti, che sono poi entrati da una porta laterale, mentre la gente ha continuato a mangiare pizza, urlando e brindando: «unitevi a noi».

 

Pub resta aperto contro il Dpcm a Lignano Sabbiadoro: «La polizia? Non mi ha multato»

Dpcm, scontri e tensioni. Saccheggi a Torino, 10 fermi e un ferito. Proteste anche a Napoli, Milano e Roma. Allerta Viminale

 

 

La rabbia del gestore

 

Il gestore ha di fatto garantito ai clienti la cena fino al dolce. «Potete arrestarmi - ha urlato - ma io non chiuderò mai». L'irruzione è stata seguita in diretta social su un'emittente locale e su profili privati. Poco prima centinaia di persone, lavoratori e titolari di bar, ristoranti e palestre, erano scesi in piazza del Popolo, per una manifestazione autorizzata dal prefetto, che ha accolto una delegazione dei manifestanti.

Successivamente il ristorante, La Macelleria, è stato chiuso d'autorità. Erano una novantina le persone radunate a cena per protestare contro il Dpcm.

 

Il sindaco Ricci: «Pagliacciata pericolosa»

 

Così il sindaco Matteo Ricci su Facebook: «Ciò che sta accadendo al La Macelleria è gravissimo. Un conto è manifestare legittimamente e pacificamente e un’altra è fare queste pagliacciate pericolose contro la legge. Polizia Locale, Polizia di Stato e Carabinieri sono già sul posto e ho chiesto al Prefetto massima durezza contro un atteggiamento inaudito. A Pesaro la legge si rispetta sempre, a maggior ragione durante una pandemia. Tra altro con questa iniziativa infelice si rischia di rovinare la manifestazione di tante persone che hanno espresso in piazza il proprio disagio e la propria paura per il futuro.

 

 

Ciò che sta accadendo al La Macelleria è gravissimo. Un conto è manifestare legittimamente e pacificamente e un’altra...

Pubblicato da Matteo Ricci su Lunedì 26 ottobre 2020

 

 

 

 

 

 

Covid Italia, bollettino di oggi 26 ottobre: 141 morti e 17.012 nuovi casi, ma meno tamponi

Covid Italia, il bollettino di oggi 26 ottobre 2020. Sono 17.012 i nuovi casi di coronavirus in Italia. I decessi sono 141. I tamponi fatti nelle ultime 24 ore sono 124.686, in calo rispetto a ieri quando ne sono stati effettuati 161.880 (-37mila circa). La percentuale dei positivi sui tamponi effettuati si aggira intorno al 13,6%.


 

 

 

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre, 14:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA