Aquarius si ferma, Salvini esulta su Facebook: «Meno sbarchi, meno morti»

Aquarius si ferma, Salvini esulta su Facebook: «Meno sbarchi, meno morti»
Le ong parlano di «criminalizzazione». Salvini taglia corto e sentenzia: «Meno sbarchi, meno morti». Si chiude la parabola dell'Aquarius, la nave impegnata nel salvataggio di migranti che a metà giugno, dopo un braccio di ferro con l'Italia, sbarcò a Valencia, in Spagna; e a settembre fu prima al centro di un'altra odissea, con un rimpallo tra Malta e Marsiglia, e poi di una querelle sfociata con la revoca della bandiera panamense. 
 




Un crescendo culminato tre settimane fa con la richiesta di sequestro della procura di Catania per smaltimento illecito dei rifiuti, dai vestiti dismessi ai materiali utilizzati a bordo per il primo soccorso. «Dopo due mesi in porto a Marsiglia senza riuscire a ottenere una bandiera, e mentre uomini, donne e bambini continuano a morire in mare, Msf e Sos Méditerranée sono costrette a chiudere le attività della nave Aquarius», hanno annunciato l'altra sera le due ong che gestiscono l'imbarcazione. 
 


«È una scelta dolorosa ma purtroppo obbligata, che lascerà nel Mediterraneo più morti evitabili, senza alcun testimone. In un crescente clima di criminalizzazione dei migranti e di chi li aiuta, si perde di vista il principio stesso di umanità». Da febbraio 2016 la nave ha dato soccorso a circa 30mila persone nelle acque internazionali tra Libia, Malta e Italia, rivendicano le due organizzazioni, che stimano siano stati 2.133 morti nel Mediterraneo nel corso del 2018. La visione del ministro dell'Interno è un'altra. L'ha ribadita tante volte e oggi l'ha affidata a un tweet: «Meno partenze, meno sbarchi, meno morti. Bene così». La convinzione è che l'attività delle ong finisca per aiutare i trafficanti di uomini. Ma le associazioni umanitarie replicano che i dati dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni dicono il contrario, ossia che il mese con più morti del 2018 «è stato quello in cui nessuna nave delle ong era in mare».

E promettono che cercheranno «nuovi modi per fornire assistenza umanitaria». «Stanno criminalizzando la solidarietà», afferma Giuditta Pini del Pd, sottolineando che senza ong i morti in mare sono aumentati. «Il mare diventa ancora più pericoloso - aggiunge Giuseppe Civati, fondatore di Possibile - e Salvini gongola sulle pelle dei disperati». Solidale Amnesty International che punta il dito contro i governi europei che «non solo non hanno contribuito alla ricerca e al soccorso in mare ma hanno persino aiutato la Guardia costiera libica a riportare persone in Libia e ostacolato le operazioni di salvataggio di vite umane».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 7 Dicembre 2018, 01:24






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Aquarius si ferma, Salvini esulta su Facebook: «Meno sbarchi, meno morti»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 37 commenti presenti
2018-12-08 11:59:05
a prescindere dal merito, indubbiamente controverso, trovo quanto mai inappropriate e stucchevoli queste esultanze per fatti che hanno a che fare con immani tragedie umane. 'Exsultatio abundat in ore stultorum'?
2018-12-09 11:13:19
Non potendo prescindere dal merito, può risultare appropriato esultare per il fatto che un sistema creato da nazioni/governi/mafie/schiavisti e marciume vario, dovrebbe cessare e impedire ulteriori disgrazie. Della serie il dito e la luna, dove il dito sta per gli annegati e la luna per chi ha programmato tutta la faccenda.
2018-12-08 11:48:19
speriamo che sia la volta buona in cui l'europa prenderà veramente sul serio la questione migranti e non l'emergenza come la raccontano ogni giorno. Purtroppo è diventata ormai la normalità, ripristiniamo il reato di immigrazione clandestina
2018-12-07 19:32:45
I pippi sono finiti...e ora spero che quei 4 ipocriti vadano a lavorare....ma un lavoro vero!!!
2018-12-07 19:32:25
ma guarda,dopo che Salvini ha chiuso i porti e si è profilato lo spettro che i paesi titolari di bandiera dei natanti avrebbero dovuto farsi carico dei migranti raccolti,anzi trasbordati,è saltato fuori improvvisamente da parte del suo armatore(Gibilterra) che l'Aquarius era una nave pirata in quanto registrata per attività di ricerca(survey) e non di soccorso(rescue).Si scopre poi che per non farsi intercettare chiudeva i trasponder e così uno ad uno tutti i paesi predicatori del buonismo hanno preso le distanze,in primis i paesi di battesimo di Sos mediterranèè e MSF.Dite quello che volete ma Salvini ha avuto il merito di far emergere l'ipocrisia dei paesi dell'EU.