Alessandra Vella, chi è la giudice che ha scarcerato Carola Rackete. Insultata sui social, si cancella da facebook

La giudice che ha scarcerato Carola si cancella da Fb
Si chiama Alessandra Vella il gip di 43 anni che ieri sera ha deciso la scarcerazione di Carola Rackete, finita per questo nel mirino del ministro dell'Interno Matteo Salvini che la accusa di aver emesso una sentenza politica e arriva a chiederle di toglòiere la toga. Divenuta bersaglio sui social, Vella ha cancellato il suo profilo Facebook, intorno alle 8.30 del mattino.

​Sea Watch, adesso anche J-Ax tifa per Carola Rackete

Come ogni mattino. Alle 9, la gip si è seduta nell'aula 9 al secondo piano del Palazzo di giustizia di Agrigento per presiedere le udienze preliminari in calendario. Tra queste anche due udienze a carico di altrettanti giornalisti accusati di diffamazione. È rimasta in aula fino alle 12.30, quando si è recata nella sua stanza. Senza dire una parola. Ha preferito non commentare le aspre critiche ricevute dal ministro Matteo Salvini dopo il provvedimento di scarcerazione della Comandante della Sea watch.

In poche ore il suo nome è diventato virale, tra quelli più ricercati su google. Tutti volevano sapere chi fosse la gip che ha accolto la richiesta di scarcerazione dei legali di Carola Rackete. Ma lei non se ne cura e prosegue il suo lavoro in silenzio, come sempre. Non vuole replicare neppure a Matteo Salvini che da ieri la attacca la giudice definendo il provvedimento «una vergogna».

Ma chi è Alessandra Vella? Originaria di Cianciana, piccolo paese della provincia di Agrigento, si è laureata in giurisprudenza a Roma. Tra i suoi primi incarichi quello di gip presso il Tribunale di Caltanissetta dove si è occupata anche di fatti importanti. Fino a due anni fa era alla guida dell'Associazione nazionale magistrati di Agrigento. Ad Agrigento si è occupata di molti casi, dalla morte di una bimba di tre anni schiacciata da una tv a reati contro la pubblica amministrazione. In passato è stata coinvolta in una querelle giudiziaria con l'avvocato agrigentino Giuseppe Arnone, arrestato lo scorso marzo al palazzo di giustizia di Agrigento dove era al lavoro. Lì i poliziotti della Digos avevano eseguito l'ordinanza di revoca dell'affidamento in prova ai servizi sociali nei confronti dell'ex ambientalista e in passato consigliere comunale nella città dei templi e più volte candidato a sindaco.


Lo scorso ottobre il tribunale di sorveglianza, lo stesso che a marzo aveva emesso l'ordinanza, aveva rigettato per la terza volta consecutiva la richiesta di revocare l'affidamento in prova ai servizi sociali avanzata dal procuratore Luigi Patronaggio. L'ex avvocato aveva infatti ricevuto una condanna a sedici mesi di reclusione per calunnia, per la quale era stata concessa però una misura alternativa alla quale dovevano seguire delle prescrizioni, tra cui quella di non pubblicare nulla su Facebook, altri social network o via ma le prescrizioni non sarebbero state seguite. Da qui la decisione del tribunale di sorveglianza. Giacca scura, e passo deciso, Alessandra Vella, è ancora nel suo ufficio, a smaltire fascicoli, nonostante sia ora di pranzo. Alcuni avvocati si avvicinano per salutarla ed esprimerle solidarietà ma lei si limita a rispondere solo con un sorriso di circostanza senza proferir parola. Ci sono da preparare le udienze camerali di domani. E l'eco delle polemiche sul suo provvedimento finito su tutte le prime pagine dei giornali è lontana.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 3 Luglio 2019, 13:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Alessandra Vella, chi è la giudice che ha scarcerato Carola Rackete. Insultata sui social, si cancella da facebook
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 56 commenti presenti
2019-07-04 14:24:29
Per fortuna che nelle aule di tribunale c'è scritto: La legge è uguale per tutti. Purtroppo devo notare che la legge vale solamente per alcuni, per altri, vedi Capitan Rakete e compagni, la legge segue una via differente. Ma che bel paese che siamo, abbiamo un potere togato che passa sopra tutto e sopra tutti a seconda del loro credo politico. Evviva. E poi dicono che quei poveri migranti scappano dal terzo mondo; devo proprio dissentire, questi scappano nel terzo mondo. Complimenti Ale mi fai sentire sempre più orgoglioso di essere italiano e rappresentato da esecutori della legge come te.
2019-07-04 15:48:10
infatti la scritta dovrebbe essere così completata: "E Tutti sono Uguali davanti alla Legge!" ma "Alcuni sono piu' Uguali degli Altri" [George Orwell]
2019-07-04 17:22:48
salvo che forse un piccolo particolare l'onesto puo'e si paga un buon avvocato di tasca propria. chi "in genere il delinquente che lo fa perché spesso=sempre povero nullatenente nullafacente" a LUI glielo pagano gli altri "vittima compresa"
2019-07-04 13:48:34
Un tempo una persona "importante" che ricopriva una carica pubblica GIAMMAI si sarebbe esposta pubblicando foto o pensieri "pubblici" ed esponendosi al giudizio di chiunque. Adesso sui social leggiamo storie e vediamo foto che fanno rabbrividire pensando all'incarico e al ruolo sociale che ricoprono i protagonisti.
2019-07-04 13:42:11
... ha affondato non la giustizia che non esiste ma la legge.. perchè il pm invece di ciancischiare non ricorre ( si oppone ) in cassazione.. da notare che l'eroe non aveva chiesto l'arresto in carcere ( come a tutti i normali cittadini ) ma il " soggiorno " in albergo.. insomma i due hanno già fatto il processo assolutivo.