Mondo di Mezzo, Alemanno condannato a 6 anni. «Io innocente, sentenza sbagliata»

Mondo di Mezzo, Alemanno condannato a 6 anni. «Io innocente, sentenza sbagliata»
Dura condanna per l'ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, imputato per finanziamento illecito e corruzione in uno dei filoni della maxindagine sul Mondo di Mezzo. I giudici della seconda sezione penale hanno inflitto all'ex sindaco sei anni di carcere andando oltre a quanto sollecitato dalla Procura che si era fermata a cinque anni. Alla lettura del dispositivo Alemanno, che era presente in aula, è rimasto impassibile ma a caldo ha commentato affermando di essere «innocente».

Raid al Roxy Bar a Roma, 7 anni a Casamonica: «Metodo mafioso». Caos in aula, il clan minaccia e insulta




Interdizione perpetua. Gianni Alemanno è stato interdetto in perpetuo dai pubblici uffici, per due anni non potrà contrattare con la pubblica amministrazione. È quanto disposto dai giudici della II sezione penale. I magistrati hanno anche deciso l'interdizione legale per tutta la durata della pena. L'ex sindaco di Roma dovrà risarcire sia Ama che Roma Capitale ed è stata fissata una provvisionale di 50mila euro sia per la municipalizzata che per il Campidoglio. Ad Alemanno sono stati anche confiscati 298mila euro.

La difesa.  Gli avvocati Pietro Pomanti e Franco Coppi, difensori dell'ex sindaco di Roma, avevano chiesto di assolvere Alemanno «con la formula più ampia possibile dalle accuse di corruzione e finanziamento illecito». I legali avevano spiegato: «Nel milione di intercettazioni telefoniche e ambientali della maxindagine non ce n'è una in cui si dica che ha preso soldi da sindaco o che è un corrotto o che ha compiuto qualcosa che non avrebbe dovuto fare: quei 10mila euro dati da Formula Sociale altro non erano che un regolare versamento tramite bonifico che riguarda la Fondazione Nuova Italia».«Siamo in presenza di una sentenza sbagliata - ha detto l'ex sindaco lasciando piazzale Clodio -. Ricorreremo sicuramente in appello dopo aver letto le motivazioni. Io sono innocente l'ho detto sempre e lo ribadirò davanti ai giudici di secondo grado». Pesante anche il quadro delle pene accessorie. I giudici hanno disposto per l'ex primo cittadino della Capitale una interdizione in perpetuo dai pubblici uffici, il divieto di due anni a contrattare rapporti con la pubblica amministrazione e una confisca di oltre 298 mila euro, somma ritenuta il frutto della corruzione. I giudici, inoltre, hanno fissato una provvisionale di 50 mila euro in favore di Roma Capitale e altrettanti per Ama, la municipalizzata dei rifiuti. Il tribunale ha quindi recepito l'impianto accusatorio della Procura, rappresentata in giudizio dal sostituto Luca Tescaroli.

La vicenda giudiziaria di Alemanno inzia nel dicembre del 2014 con una perquisizione domiciliare e l'iscrizione nel registro degli indagati nell'ambito della operazione Mondo di Mezzo. Nei sui confronti l'accusa iniziale è di concorso esterno nell'associazione di stampo mafioso e corruzione. Per l'accusa di concorso esterno i pm chiedono e ottengono l'archiviazione nel febbraio del 2017. La posizione dell'ex sindaco viene, però, stralciata e per lui resta in piedi la corruzione a cui si aggiunge il finanziamento illecito. Secondo l'accusa, tra il 2012 e il 2014, Alemanno avrebbe ricevuto oltre 223 mila euro mila euro per compiere atti contrari ai doveri del suo ufficio. I soldi, in base all'impianto accusatorio, sarebbero giunti da Salvatore Buzzi in accordo con Massimo Carminati e sarebbero stati versati alla fondazione Nuova Italia, presieduta da Alemanno.

Nella requisitoria il pubblico ministero aveva affermato che l'ex primo cittadino è stato «l'uomo politico di riferimento dell'organizzazione Mafia Capitale all'interno dell'amministrazione comunale, soprattutto, in ragione del suo ruolo apicale di sindaco. Inserito al vertice del meccanismo corruttivo - ha detto Tescaroli nell'udienza dell'8 febbraio scorso - ha esercitato i propri poteri e funzioni illecitamente e curato la raccolta delle correlate indebite utilità, prevalentemente tramite terzi propri fiduciari per schermare la propria persona. Gli uomini di fiducia, indagati e alcuni anche condannati nel maxiprocesso, sono stati proiezione della persona di Alemanno, che ha impiegato per la gestione del proprio potere, e si sono interfacciati con gli esponenti apicali dell'organizzazione, suoi corruttori (Buzzi e Carminati)».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 25 Febbraio 2019, 13:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mondo di Mezzo, Alemanno condannato a 6 anni. «Io innocente, sentenza sbagliata»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2019-02-26 04:24:23
pena troppo leggera per i reati commessi……….bisogna combattere la corruzione che è il peggior male del ns paese
2019-02-25 21:34:09
......la foto e l'ombra sotto il naso…..mi ricorda qualcheduno……!
2019-02-25 20:35:14
.. tante condanne ( democratiche ) tanto onore.. anzi di più.. siamo in guerra ma non ce ne accorgiamo..
2019-02-25 19:53:31
certo, si credono convintamente innocenti perché credono che le loro ruberie siano legittime! Ragionano in modo diverso da noi cittadini...
2019-02-25 19:20:02
Formigoni, Galan la Polverini, Bassolino, Alemanno pensare che abbiano avuto un ruolo in questo disgraziato paese fa venire i brividi.