Lombardia zona rossa, Fontana presenta ricorso al Tar: «Siamo penalizzati»

Martedì 19 Gennaio 2021
Zona rossa, Lombardia presenta ricorso al Tar: «Siamo penalizzati»

Finisce davanti a un giudice l'istituzione della zona rossa in Lombardia. Come anticipato nei giorni scorsi dal governatore Attilio Fontana, la Regione ha depositato oggi al Tar del Lazio il ricorso contro l'ordinanza del ministero della Salute che ha collocato la Lombardia nella fascia delle massime restrizioni anti-Covid, almeno fino 31 gennaio. «Abbiamo presentato ricorso al Tar contro la decisione del Governo e chiesto al ministro Speranza di rivedere i parametri che regolano questa decisione, così impattante sulla vita dei nostri cittadini e delle nostre imprese» ha confermato questa mattina nell'Aula del Pirellone il presidente Fontana, definendo l'assegnazione della zona rossa «fortemente e ingiustamente penalizzante per la nostra Regione». 

Dopo gli affetti stabili/ Le seconde case che il governo non sa definire

La posizione della Regione

Per la Lombardia il rischio «è di fermarsi e di fermare il lavoro, le attività, la vita sociale. Per questo motivo con il presidente Fontana abbiamo ritenuto di voler presentare ricorso per uscire dalla zona rossa, perché la Lombardia non la merita», ha rincarato la dose il vicepresidente e neo assessore al Welfare, Letizia Moratti. Al suo primo giorno in Consiglio regionale, Moratti ha dovuto difendersi dalle polemiche esplose sulla sua richiesta al commissario Domenico Arcuri di tenere in considerazione anche il contributo al Pil nazionale dato dalle Regioni - insieme alle densità abitativa, al tema della mobilità e delle zone più colpite - tra i criteri per «accelerare» le vaccinazioni. Parole confermate anche da un audio fatto filtrare dalla riunione tenuta ieri dal neo assessore con i capigruppo dei partiti di maggioranza e opposizione. «Si fa fatica a credere che si possa subordinare l'uguale diritto alla vita di tutti, a dati economici. Si direbbe che siamo a un passo dalla barbarie», ha tuonato il governatore della Campania Vincenzo De Luca. Durissimo anche il commento del ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, secondo cui «utilizzare il parametro del Pil, anche se fosse legato alla densità delle imprese, è una ipotesi contraria alla civiltà e ai diritti universali».

Zona rossa e arancione, ok spostamenti tra regioni se verso l'abitazione (ma il Viminale non cita le seconde case)

La questione vaccini

Un'affermazione «infelice e non una proposta formale - ha aggiunto Boccia - che comunque non abbiamo mai ricevuto, già superata dal buonsenso». «Vaccini in base al Pil? Mi cadono le braccia», l'amara considerazione del sindaco di Milano, Beppe Sala. «Non mai pensato di declinare vaccini e reddito. La salute è indiscutibilmente un diritto prioritario e costituzionale di tutti i cittadini, senza differenza alcuna» ha replicato dal canto suo Moratti. «Il Pil a cui ho fatto riferimento - ha chiarito l'assessore - è un indicatore finanziario, produttivo, economico, e la Lombardia è motore d'Italia». L'intento, dunque è «proporre una riflessione al commissario Arcuri e da sviluppare in sede di conferenza Stato-Regioni, per il miglioramento del piano vaccinale». Al Pirellone oggi è stato che il giorno della presentazione della nuova giunta, nata con il rimpasto. «Serve un cambio di passo, per essere all'altezza delle grandi sfide che abbiamo di fronte nei prossimi mesi e nei prossimi anni» ha sottolineato il presidente Fontana presentando i nuovi assessori: oltre a Moratti, Guido Guidesi e Alessandra Locatelli. Una giunta «commissariata da Salvini» hanno protestato in Aula con dei cartelli Movimento 5 Stelle e Pd, provocando la reazione del centrodestra.

Faq zona arancione e rossa: nuovo Dpcm, dagli spostamenti allo sport, cosa c'è da sapere

Ultimo aggiornamento: 21:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA