Vaccino, Valentina Vezzali: «Subito il farmaco ai nostri campioni. Non sono furbetti, onorano l’Italia»

Giovedì 15 Aprile 2021 di Emiliano Bernardini
Valentina Vezzali: «Subito il vaccino ai nostri campioni, onorano l Italia»
2

«Sì ai vaccini per gli atleti che andranno alle Olimpiadi di Tokyo». La strada, come sottolinea la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali, è stata già tracciata e da tempo. Governo, Coni e Comitato paralimpico lavorano a braccetto per immunizzare gli azzurri che dal 23 luglio all’8 agosto prenderanno parte ai Giochi. Quella di vaccinare gli atleti è una querelle che da tempo fa sorgere domande e storcere bocche. Perché dovrebbero saltare la fila? è la domanda che, in un clima di incertezza e restrizioni, rimbalza da più parti. La sottosegretaria allo sport, Valentina Vezzali, sulla questione è molto netta: «Nessun “furbetto” né “saltafile”, ma la consapevolezza che si tratta di atleti che lavorano per anni per rappresentare l’Italia nella massima vetrina sportiva mondiale».

Vaccino, over 70 in sicurezza tra un mese, ma slitta l’immunità di gregge

Il fulcro di tutto è proprio questo: gli azzurri andranno a Tokyo per rappresentare l’Italia. Più o meno lo stesso concetto espresso ieri dal presidente della federcalcio polacca, Zbigniew Boniek: «Un mese fa io per primo ho lanciato la proposta di vaccinare per tempo gli atleti olimpici polacchi che andranno a Tokyo e la Nazionale che giocherà i prossimi Europei e sono felice che il Governo abbia sposato la mia idea e in poco tempo fatto una legge ad hoc. Credo sia una cosa giusta perché gli atleti danno lustro alla Polonia, in più ci tengo a sottolineare che non togliamo vaccini agli anziani e alle categorie a rischio che hanno evidentemente la precedenza». 

COME FUNZIONERÀ PER L’ITALIA?

In Italia non è stata varata nessuna legge in merito ma, come spiega la Vezzali, «man mano che le delegazioni olimpiche e paralimpiche si comporranno, assieme con Coni e Comitato Paralimpico avvieremo il percorso di vaccinazione per coloro i quali rappresenteranno noi italiani ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo». Le qualificazioni serviranno ad avere un numero di dosi da richiedere. Perché come è noto i 2/3 degli atleti olimpici sono tesserati con i corpi militari. Di conseguenza come da protocollo nazionale molti hanno già ricevuto il vaccino. Chiaro che il lavoro che si sta facendo è proprio quello di reperire le dosi mancanti. Un esempio molto semplice: Gregorio Paltrinieri, tesserato con le Fiamme Oro, è già immunizzato, Federica Pellegrini, che non ha alle spalle nessun corpo militare, no. Bisognerà banalmente fare i conti. La squadra della scherma, quelle del tiro a volo, dell’atletica, della ritmica, della ginnastica artistica (solo per citarne alcune) sono già tutte vaccinate. La vela lo è solo al 50%, il surf è a zero. Nel nuoto, salvo qualche caso vedi Pellegrini, Pilato e Quadarella (ha da poco lasciato i Vigili del Fuoco) gli altri sono tutti immunizzati.

CALCIATORI

Non solo gli atleti olimpici e paralimpici perché la questione si pone anche per i calciatori che dall’11 giugno all’11 luglio saranno impegnati nell’Europeo. Al momento, come ci spiega la sottosegretaria, dalla Figc non è arrivata nessuna richiesta formale in merito: «Verificheremo le eventuali esigenze ma anche i protocolli Uefa. Sono a disposizione dello sport, ma prima di tutto sono a disposizione del Paese». Detto questo, quello relativo al calcio non è un problema visto che si tratterebbe di un numero molto esiguo di dosi (circa 70). E, come ha tenuto a ribadire il numero uno della Federcalcio, Gabriele Gravina: «Dobbiamo uscire da alcune false ipocrisie, il vaccino serve a tutti gli italiani e noi auspichiamo nel più breve tempo possibile. Non possiamo pensare che a giugno non si arrivi a un numero tale da non poter garantire il vaccino al gruppo squadra della Nazionale».
 

Ultimo aggiornamento: 16 Aprile, 10:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA