Soumahoro si autosospende per salvare i rosso-verdi. Il deputato spinto a lasciare il gruppo. «Ho commesso una leggerezza»

Faro della Finanza su un consorzio che avrebbe “ereditato” il giro d’affari della coop

Giovedì 24 Novembre 2022
Soumahoro si autosospende dal gruppo di Alleanza Verdi Sinistra
10

«Con la massima libertà, Aboubakar Soumahoro ci ha comunicato la decisione di autosospendersi dal gruppo parlamentare di Alleanza Verdi Sinistra». Lo rendono noto Angelo Bonelli co-portavoce Europa Verde e deputato Avs, Nicola Fratoianni segretario Sinistra Italiana e deputato Avs e Luana Zanella, presidente del gruppo parlamentare Avs.

«Rispettiamo questa scelta che, seppur non dovuta, mostra il massimo rispetto che Aboubakar Soumahoro ha delle istituzioni e del valore dell'impegno politico per promuovere le ragioni delle battaglie in difesa degli ultimi che abbiamo sempre condiviso con Aboubakar». 

«Siamo fiduciosi, considerato quanto riferitoci, che la vicenda possa essere chiarita in tempi rapidi e senza alcuna ombra». Sottolineano Bonelli, Fratoianni e Zanella, dopo aver «incontrato Aboubakar Soumahoro per discutere ed approfondire le vicende che da giorni sono al centro della cronaca». «Lo abbiamo trovato sereno e determinato - spiegano i tre esponenti del gruppo Verdi-Sinistra - Aboubakar Soumahoro ci ha esposto il suo punto di vista e ha annunciato l'intenzione di rispondere punto su punto e nel merito alle contestazioni giornalistiche ribadendo la sua assoluta estraneità alle vicende. Naturalmente sarà lui a farlo, nelle forme e nei tempi che riterrà più opportuni».

Il caso coop, indagata la suocera

Marie Therese Mukamitsindo, la suocera del deputato Aboukabar Soumahoro, è indagata dalla Procura di Latina. Il fascicolo, che riguarda due cooperative pro-migranti della provincia pontina, è aperto per malversazione. E oltre all'inchiesta giudiziaria oggi è emerso anche che da mesi sono in corso accertamenti dell'Ispettorato del lavoro. L'Alleanza Verdi e Sinistra, partito che ha candidato l'ex sindacalista simbolo della lotta dei braccianti, ora vuole togliersi ogni possibile dubbio sul suo parlamentare e sollecita «risposte». Al centro le supposte irregolarità che riguardano le cooperative Karibu e Consorzio Aid, riferibili alla suocera e alla moglie di Soumahoro, finite sotto la lente della Guardia di Finanza per presunti mancati pagamenti ai dipendenti e contratti non regolari. Il caso però, già delicato di per sé, lo diventa ancora di più perché lambisce - sebbene risulti estraneo ai fatti - un personaggio politico come Soumahoro, paladino dei braccianti contro il caporalato. Alcuni ex ospiti nelle strutture gestite dalle coop in interviste alla stampa parlano di «condizioni di vita inaccettabili».

 

Le reazioni politiche

Accuse, seppur ancora non provate, troppo pesanti per essere ignorate. «Come abbiamo detto - ha dovuto ribadire oggi il leader di SI Nicola Fratoianni - incontreremo in queste ore Soumahoro per un confronto. Penso che si debba sempre tenere distinta, in molto netto, la vicenda giudiziaria, che peraltro pare che neanche lo coinvolga direttamente, e la dimensione della politica che riguarda le questioni del diritto del lavoro. E su questo io credo sia giusto avere un confronto diretto. Quando lo avremo avuto nelle prossime ore ognuno farà delle valutazioni». Le prime segnalazioni di una trentina di lavoratori delle coop erano state raccolte a giugno dalla Uiltucs di Latina, che oggi si chiede, per voce del segretario Gianfranco Cartisano, «dov'erano gli enti, e la politica in generale?». Già da allora però la Guardia di Finanza aveva acceso il suo faro, e oggi è emerso che anche l'Ispettorato nazionale del lavoro «da mesi» porta avanti accertamenti sulle due cooperative, e gli atti sarebbero «in via di conclusione».

I lavoratori

Parallelamente al lavoro della Procura di Latina prosegue quello del sindacato per cercare di far pagare i lavoratori. Le coop si sono finora difese spiegando che anche loro sarebbero in attesa dei trasferimenti da parte degli enti locali, ed è per questo che le buste paga non sarebbero state emesse. Per quattro lavoratori di Aid intanto è stato già formalmente attivato dalla Prefettura di Latina, il 10 novembre, l'intervento sostitutivo per il pagamento delle retribuzioni, che si utilizza per i datori di lavoro insolventi, mentre solo ieri si è trovato in Ispettorato un accordo per una lavoratrice che rivendicava 8mila euro dalla Karibu di Mukamitsindo, presente all'incontro. Il 29 si discuterà di «due lavoratori non contrattualizzati» afferma Cartisano ma anche di una dipendente che non riceverebbe lo stipendio e le relative tredicesime da gennaio 2020 e di cui la Karibu ieri non è riuscita a produrre né buste paga né bonifici. Continuano intanto le testimonianze come quella sul Corriere della Sera di un ingegnere marocchino che avrebbe lavorato «senza contratto» per la suocera di Soumahoro e che sarebbe stato pagato «due volte in due anni» ma che soprattutto accusa la «grave situazione» in cui vivevano i minori ospitati: poco cibo e niente pocket money. Ombre che si aggiungerebbero al racconto di ieri del direttore della Caritas di San Severo (Foggia), una zona dove Soumahoro è di casa: dubbi su una raccolta fondi per dei minori, frecciate su «un sindacalista che viene da fuori, urla, fa i selfie e magari costruisce una carriera politica».

Ultimo aggiornamento: 26 Novembre, 08:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci