Sondaggi politici, perché la guerra fa bene a Giorgia Meloni ed Enrico Letta (ma non a Salvini e Conte)

Venerdì 25 Marzo 2022 di Alberto Gentili
Sondaggi politici, la guerra fa bene a Giorgia Meloni ed Enrico Letta (ma non a Salvini e a Conte)
1

Fratelli d’Italia e Pd crescono, sono saldamente in testa e appaiati. In calo invece la Lega e i 5Stelle. Quando è passato esattamente un mese dall’inizio della guerra in Ucraina, è possibile tracciare un primo bilancio per ciò che riguarda i rapporti di forza tra i partiti. Una prima conseguenza dell’invasione russa, da questo punto di vista, è la “rarefazione” dei sondaggi: almeno per quanto riguarda la rilevazione sulle intenzioni di voto, infatti, i diversi istituti demoscopici sembrano essere più “timidi” del solito a pubblicare questo tipo di dati, che pure continua a essere rilevato nei questionari che vengono sottoposti agli intervistati.

Ucraina: vuole affondare lo yacht "Lady Anastasia" dell'oligarca Mikheev dopo averci lavorato 10 anni

Giorgia Meloni a Controcampo: «Il Pnrr con la guerra va ricontrattato. Sul gas serve cautela»

La media e i sondaggi

Conseguenza di tutto ciò è che la media di questa settimana dei vari sondaggi si basa su un “paniere” leggermente più ristretto, che consiste di sei rilevazioni realizzate da quattro istituti diversi nelle ultime due settimane: Demopolis (data di pubblicazione: 16 marzo), Euromedia (15 e 23 marzo), SWG (14 e 21 marzo) e Tecnè (12 e 19 marzo). I risultati, però, sono di un certo peso: la notizia di questa settimana è il (nuovo) balzo in avanti di Fratelli d’Italia, che cresce di oltre un punto e aggancia il Partito democratico in testa alla classifica, con il 21,5% dei consensi virtuali. Chi invece fa registrare anche oggi un arretramento sono la Lega (-0,8%) e soprattutto il Movimento 5 Stelle (-1,1%). Per quanto riguarda il partito di Matteo Salvini, ma anche per quello guidato da Giuseppe Conte, si tratta ancora una volta del peggior dato della legislatura. Da ormai due mesi (fine gennaio) nessuno dei due partiti dà segno di poter invertire la tendenza negativa.

Biden: armi chimiche, Nato pronta a reagire. In arrivo più soldati

Stabilità centrista

Rispetto a questi movimenti così “bruschi” che riguardano 3 dei 4 partiti maggiori, fa quasi uno strano effetto la stabilità mostrata da Forza Italia (da diverse settimane sopra l’8%), Azione (poco sotto il 5%) e Italia Viva (intorno al 2,5%). Tre partiti, questi, diversi per molti aspetti ma accomunati senz’altro da un posizionamento “centrista” in questa fase politica. Fase che vede una larghissima maggioranza parlamentare a sostegno del governo di Mario Draghi, un esecutivo di unità nazionale. Ma in cui si registra un clima tutt’altro che armonico, con polemiche che si susseguono con cadenza ormai settimanale, nonostante ciò che avviene al di fuori dei palazzi (una guerra aperta alle porte dell’Europa). LE DIVISIONI Questa conflittualità, a dire il vero, in buona parte non fa che riflettere le divisioni relative ad alcuni temi, su cui gli italiani faticano a trovare una posizione unitaria: fra questi temi vi è, ad esempio, l’invio di armi all’Ucraina per sostenerne i tentativi di respingere l’invasione russa – proposito già avanzato da Draghi in più occasioni, anche con votazioni favorevoli da parte del Parlamento. Secondo i dati SWG i favorevoli e contrari si equivalgono, rappresentando rispettivamente il 42% (ma, fra gli elettori del PD, si sale al 59%) ed il 44% (dato che nell’elettorato della Lega tocca il 54%). I dati più recenti di Euromedia ed EMG fotografano una situazione leggermente diversa, secondo cui gli italiani in maggioranza si dicono in realtà contrari all’invio di armi all’Ucraina.

Draghi parla di «armi all'Ucraina», ma sui social è boom dell'hashtag «Not in my name»

Il catasto

Ma, nonostante le questioni internazionali risentano di un’attenzione mediatica decisamente superiore in queste settimane, anche in politica interna è emerso di recente un tema che ha riacceso vecchie divisioni politiche. Si tratta della riforma del catasto, approvata dalla maggioranza sul filo del rasoio in Commissione alla Camera e che, secondo l’ultimo sondaggio di Euromedia, vede gli italiani dividersi equamente fra il 37,7% di chi si dice a favore ed il 37,4% di chi è contrario. I dati di SWG provano ad indagare ancora più in profondità il tema della riforma, condivisa (in questo caso) dal 50% degli intervistati ma ritenuta effettivamente urgente solo dal 26% (valore che comunque sale fino al 47% per gli elettori Pd). La percezione, tuttavia, intercettata da entrambi gli istituti e condivisa da almeno un italiano su due, è che la riforma del catasto si tradurrà in un effettivo aumento delle tasse sugli immobili, nonostante le ripetute smentite da parte del Governo e dello stesso Mario Draghi.

Ucraina, al via i progetti di Intesa Sanpaolo per l'emergenza umanitaria

Il centrodestra

L’analisi sul centrodestra merita un attenzione particolare. Pure alleati, FdI e Lega hanno trend diversi e, come si diceva, il partito di Giorgia Meloni cresce e quello di Salvini cala. Ciò è dovuto al fatto che mentre FdI è all’opposizione senza se e senza ma, la Lega continua secondo gli analisti a svolgere il ruolo di partito di lotta e di governo: un atteggiamento ambiguo che non sembra convincere gli elettori che, tra un vero partito d’opposizione (FdI) e uno al governo e allo stesso tempo molto critico su vari dossier, preferiscono la linea netta scelta dalla Meloni. La stabilità di Forza Italia invece è da collegare alla linea di lealtà al governo Draghi che spinge gli elettori moderati di centrodestra a scegliere il partito di Berlusconi e non quello di Salvini.

Ucraina, Von der Leyen: «La guerra sarà un fallimento per Putin, le sanzioni stanno prosciugando le risorse»

Ultimo aggiornamento: 19:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci