Diciotti, Salvini avverte: niente scherzi. Ira di Di Maio: hai cambiato idea

PER APPROFONDIRE: dimaio, processo, salvini
Diciotti, Salvini avverte: niente scherzi. Ira di Di Maio: hai cambiato idea

di Simone Canettieri

La scarna nota targata fonti M5S parla di «cambio di posizione assunto da Matteo Salvini». E dietro a questa frase c'è tutta la rabbia di Luigi Di Maio per la mossa a sorpresa (ma nell'aria da giorni) dell'alleato: evitare il processo. La rabbia del capo politico dei grillini è tale che per tutta la giornata non vuole parlare con «Matteo». Tocca dunque al premier Conte (da Cipro) chiamare il ministro dell'Interno. I due parlano della Sea Watch, ma soprattutto cercano una via d'uscita.

Di Battista: «Processare Salvini ingiusto, ma credo che M5S voterà sì»


Salvini gli dice chiaro e tondo che «auspica» il voto del M5S. Niente scherzi, dunque. C'è in ballo il governo. La situazione è talmente nebulosa che il premier è costretto, appena atterrato a Roma, a riunire intorno a un tavolo i due vice. Occorre trovare, ancora una volta, una via condivisa che tuteli la maggioranza.
L'ipotesi, che manca di essere testata, passa da un sì dei grillini al processo quando ci sarà da votare la pratica in giunta e da un no in Aula, rafforzato da un documento firmato e letto da Conte nel quale si dirà che il blocco della Diciotti, quest'estate, fu una «mossa condivisa». E dunque di tutto l'esecutivo. Sia giallo, sia verde.
Ergo: mandare a processo il ministro dell'Interno sarebbe come sconfessare la linea di Palazzo Chigi e quindi non bisogna dare l'autorizzazione a procedere. Un percorso complicato, figlio del risentimento che agita il M5S in queste ore. Uno stato d'animo che trova il muro della Lega. Massimo Garavaglia, sottosegretario all'Economia, a chi gli fa notare che i ministri 5 Stelle vorrebbero autodenunciarsi risponde lapidario: «Una roba da idioti, pensiamo alle cose serie. Ma come si fa a dire queste cose? Tanto finirà questo cinema e penseremo alla realtà». Dario Galli, viceministro allo Sviluppo Economico del Carroccio e dunque braccio destro di Di Maio al Mise, alla buvette di Palazzo Madama prende quasi per scherzo le minacce dei grillini al sì: «Facciano pure, se ci vogliono portare al 50%, facciano pure. Noi siamo qui, fermi».
 


LE REAZIONI
Di Maio si muove sotto traccia, troppa è la rabbia. E dunque tocca al gemello diverso Alessandro Di Battista andare in tv e provare a spiegare la linea da prendere. E anche nel pensiero dell'ex parlamentare - che «si sente tirato per la giacchetta» anche dai suoi - traspare l'astio per il bivio a cui Salvini sta sottoponendo il M5S. E dunque Dibba dice che «Matteo» ha cambiato idea, ma che allo stesso non si merita il processo e aggiunge pure che Luigi, al suo posto, sarebbe andato incontro al giudizio dei giudici. Un surf emotivo che poi porta a un'altra affermazione: l'annuncio che i sette pentastellati che siedono in giunta voteranno per l'autorizzazione, salvo dire, per primo, che il premier Conte dovrà esporsi in prima persona con una mossa a garanzia del governo e quindi della stabilità della maggioranza. Ecco, già da qui si capisce quale potrebbe essere la strada da prendere. Molto complicata. Anche perché i primi ad avere dubbi su dubbi - dal punto di vista costituzionale - sono proprio i 5 Stelle che siedono in commissione. Di Maio li vede in tarda serata, appena sono finiti i lavori del Senato. E con loro e da loro cerca di farsi spiegare quali siano i margini di difesa e quelli di attacco.

Diciotti, M5s spaccato sul processo a Salvini. Sponda Conte salva l'alleanza

Diciotti, Conte: me ne assumo la responsabilità. Salvini: rischio terroristi sulla nave. Vertice nella notte

GLI APPUNTAMENTI
Salvini è convinto che alla fine porterà comunque a casa il risultato. Forte del motto, ripetuto anche ieri in tv, «noi litighiamo, ma poi facciamo le cose». Nel dubbio, prima di andare a incontrare Conte e Di Maio a Palazzo Chigi, a tarda notte, il leader della Lega riunisce i deputati e i senatori per una riunione fiume. Ufficialmente è l'occasione per fare il punto sui «successi di governo» messi in cascina. Ufficiosamente sembra a molti una chiamata alle armi. Perché in queste ore il filo della fiducia sembra essersi spezzato. E dunque «meglio prepararsi a qualsiasi scenario», come racconta chi ha partecipato all'appuntamento. Anche il peggiore, quello più catastrofico, qualora il M5S votasse con il Pd il sì all'autorizzazione a procedere. Un messaggio chiaro di sfiducia delle politiche leghiste sull'immigrazione, come fa notare un deputato vicino a Salvini. «E a quel punto ne trarremo le conseguenze». Di Maio prova il rilancio per cercare di tenere, ancora una volta, tutto insieme: i principi fondamentali del MoVimento e il realismo politico.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 30 Gennaio 2019, 07:21






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Diciotti, Salvini avverte: niente scherzi. Ira di Di Maio: hai cambiato idea
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-01-30 12:11:08
Il tutto rende l'idea in che mani siamo
2019-01-30 11:35:54
Ma basta, state facendo ridere tutto il mondo, andate a casa.
2019-01-30 10:49:34
Evidentemente Di Maio pensava di pararsi il fondoschiena e dare un no al procedere di facciata quando sarebbe stato per il si e sperava che Salvini gli togliesse le castagne dal fuoco, io direi che in caso di autorizzazione a procedere il governo sia finito e si vada a nuove elezioni così i cinque stelle finalmente spariscono o si ritrovano molto ridimensionati.
2019-01-30 10:44:44
Bertrand Russel diceva che solo i morti i cretini non cambiano mai idea.
2019-01-30 12:10:02
non si cambia idea su cose cosi importanti,anche bertrand russel sarebbe d'accordo