Salvini contro Fazio: non vado ospite da comunisti con il Rolex pagato dagli italiani

Salvini contro Fazio: non vado ospite da comunisti con il Rolex pagato dagli italiani
Salvini di nuovo contro Fabio Fazio, definito dal vicepremier un «comunista con il Rolex». «Non vado ospite da comunisti come Fabio Fazio che hanno Rolex pagati dagli italiani», attacca il ministro dell'Interno, ad Aversa (Caserta), dove ha partecipato a una manifestazione a sostegno del candidato sindaco Gianluca Golia. Ieri è stato il presidente della Rai, Marcello Foa a definire il compenso del presentatore «molto elevato, al di sopra di qualunque valutazione di merito sugli ascolti».

Presidente Rai contro Fazio: «Costa troppo e ha perso carica innovativa»


Cosa ne sarà di Fazio e di Che tempo che fa, in vista della definizione dei palinsesti della prossima stagione? Al netto delle dichiarazioni politiche, carte alla mano la situazione che Viale Mazzini si trova di fronte non è semplice. Com'è noto, il contratto quadriennale di Fazio con la Rai scadrà il 30 giugno 2021 e la Rai, in caso voglia cambiare le cose, deve affrontare una serie di penali di non poco conto. Va chiarito intanto che i contratti sono in realtà due: uno quadriennale con Fazio e l'altro (da rinnovare di anno in anno) con la società di produzione L'Officina, con cui comunque la Rai si è impegnata per l'acquisizione della licenza del format di Che Tempo Che Fa per tutti i 4 anni di durata del contratto di Fazio. Le possibilità che la tv di Stato ha di fronte (a meno che non intervenga un cambiamento degli attuali contratti concordato tra le parti) sono essenzialmente tre.

La prima, in caso di interruzione tout court di Che Tempo Che Fa, comporterebbe per la Rai il pagamento, per ognuna delle due restanti stagioni, di 2.240.000 euro del contratto di esclusiva con il conduttore e autore (per 32 puntate di prima serata e 32 di seconda serata) più una penale di 600.000 euro per la mancata messa in onda, a cui vanno aggiunti 704.000 euro da versare a L'Officina per la licenza del format di Che Tempo Che Fa. Un conto troppo salato per rinunciare a tante prime e seconde serate che andranno sostituite con qualcosa che avrà comunque dei costi non bassi, in linea con quelli dei programmi in onda sull'ammiraglia Rai.

La seconda possibilità riguarda l'ipotesi di spostamento su altra rete Rai di Che Tempo Che Fa, che, secondo gli ultimi rumors potrebbe essere Rai2 e non Rai3 (perché i costi sarebbero più in linea con i budget della seconda rete e con quelli della terza). In questo caso la Rai dovrebbe infatti comunque corrispondere 54.000 euro per ogni puntata di prime time e 16.000 euro per ogni puntata di seconda serata, con la possibilità di rinegoziare con L'Officina (cui Rai dovrebbe comunque obbligatoriamente rivolgersi per la produzione) il corrispettivo per la produzione secondo parametri in linea con la nuova rete 'ospitante'.

La terza possibilità, infine, è quella (sempre prevista dai contratti in essere) di sostituire Che Tempo Che Fa con Rischiatutto o altri programmi analoghi da condividere tra le parti, al costo di 50.000 euro a puntata fino al raggiungimento di 2.240.000 euro a stagione (dunque circa 48 puntate di prime time). A cui andrebbero comunque aggiunti 1.408.000 euro da versare a L'Officina per le due stagioni restanti di licenza del format (704.000 a stagione). Questa terza ipotesi al momento risulta poco percorribile, perché nei progetti del conduttore non ci sarebbe alcun altro programma al momento se non Che Tempo Che Fa.

Alla luce di questo scenario assumono un significato più chiaro le parole pronunciate sabato dall'ad Rai Salini a Dogliani: «Con Fabio Fazio stiamo valutando insieme diverse ipotesi. Tra due mesi presenteremo i palinsesti autunnali e abbiamo diverse ipotesi in campo che stiamo valutando insieme. Io comunque considero Fabio Fazio uno dei talenti televisivi in forza alla Rai», ha sottolineato sabato l'ad, lasciando intendere di essere già al lavoro sulla ricerca di una soluzione. E - a quanto si apprende - i contatti con il conduttore e il suo entourage sono già avanzati per trovare una soluzione che possa portare un vantaggio alla Rai e che deve passare necessariamente per un accordo.

D'altronde anche l'intervento critico di Foa a Dogliani ha fatto riferimento alla situazione contrattuale: «Il compenso di cui beneficia Fabio Fazio è molto elevato, al di sopra di qualunque altra valutazione di merito che può essere fatta rispetto agli ascolti che fa. Nella Rai del cambiamento che vuole essere anche rispettosa del canone pubblico è chiaro che, per quanto vincolato da un contratto che la Rai naturalmente deve rispettare, si pone un problema di opportunità», ha scandito il presidente. In realtà, secondo fonti ben informate, lo stesso Fazio avrebbe fatto sapere di essere disposto a sedersi attorno a un tavolo per discutere ma a patto che la cosa non riguardi solo lui.

E a patto che si faccia un'analisi del rapporto costi-benefici dei suoi contratti: va detto infatti che il programma di Fazio, la domenica, copre sia la fascia di access prime time, sia la prima serata, sia la seconda serata e che, a fronte di questo, il costo 'fuori tuttò della puntata (che si aggirerebbe intorno ai 400.000 euro) non è poi così alto per il mercato televisivo. Anche perché porta notevoli introiti pubblicitari e perché sostituirlo vorrà dire trovare per Rai1 due o tre programmi per la sola puntata della domenica. Alternative che è difficile immaginare possano costare di meno di quanto costa ora l'intero pacchetto Fazio, che copre anche la seconda serata del lunedì. La soluzione più realistica, al momento, sembra comunque proprio quella di traslocare 'Che Tempo Che Fà su Rai2. Un accordo ancora non c'è ma una certezza sì: che a diventare il capro espiatorio, da esibire magari in campagna elettorale, Fazio non ci sta.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 6 Maggio 2019, 19:14






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Salvini contro Fazio: non vado ospite da comunisti con il Rolex pagato dagli italiani
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 47 commenti presenti
2019-05-07 16:28:05
E' invidioso. Ma con 49 milioni sai quanti rolex si può comprare?
2019-05-07 15:50:34
E perchè i compagni che hanno fatto simili contratti al loro utile giullare non vengono indagati per danno erariale dalla Corte dei Conti ? È evidente che Fazio è stato pagato in modo spropositato per le sue capacità ma solo perchè serviva da macchina di propaganda per il precedente regime (come Saviano e molti altri).
2019-05-07 15:34:04
A dire il vero, Fazio e la Litizzetto mi sono venuti in antipatia da molto tempo, non se ne può più, ma questo nulla centra con quello che percepiscono o se sono comunisti, democristiani o leghisti, Il buon salvini vuole occupare culturalmente tutta la rai per raccontarci le sua verità, e a questo proposito il presidente Foa ( noto uomo di destra) gli tiene il sacco, come si dice. Personalmente credevo che il governo del cambiamento si adoperasse per privatizzare il carrozzone Rai, m come si vede la sete di potere annebbia la mente e possiamo dire che anche i grillini ne fanno parte, spartendosi allegramente la torta. Il giochino ha stufato, date un segnale, magari abbassateci iul canone di 25 euro come ha fatto Renzi, quanto mi manca!
2019-05-07 14:44:03
mentre delinquenti (italiani) sparano a innocenti bambine il conducator perde tempo a parlare di orologi! forse non vede l'ora di mettersi a lavorare sul serio ?
2019-05-07 15:36:41
Eh già, voi la camorra l'avevate debellata del tutto...