Rosatellum, asse M5S-Mdp: il fronte del "no" accerchia Montecitorio

PER APPROFONDIRE: legge elettorale, m5s, rosatellum
Rosatellum, asse M5S-Mdp: il fronte del "no" accerchia Montecitorio
Dalla sinistra al M5s è ingorgo di piazze per protestare contro il Rosatellum e la fiducia posta dal governo sulla legge elettorale. Dal Pantheon a piazza Montecitorio sarà praticamente un unico coro di protesta che prenderà il via alle 13, grazie al tam-tam che 5 Stelle hanno iniziato a diffondere via social, davanti la Camera dei deputati. E a cui si aggiungerà la manifestazione indetta da Mdp e Sinistra Italiana per le 17,30, pochi metri più in là, al Panhteon.

Tutti «in piazza per la democrazia e contro il Parlamento dei nominati» come ha dichiarato il coordinatore nazionale di Mdp, Roberto Speranza, e contro l'atto «eversivo» della fiducia, come condanna il M5s. I 5 Stelle contano proprio sull'indignazione della gente per cercare di affossare la legge. «Non si può fermare il corso della storia con una legge: credono di indebolirci invece finiranno per rafforzarci se saremo tanti e reagiremo» è l'appello del leader 5 Stelle Luigi Di Maio che nega però l'Aventino. «Noi dentro vuoi fuori: è il momento di fermare questa vergogna, pacificamente ma come popolo. Restate anche giovedì per il voto finale» perché «più faremo pressione in piazza, più quel voto segreto potrebbe far saltare la legge». Il Movimento è galvanizzato: i parlamentari dicono di essere pronti a qualsiasi tipo di protesta, a patto che sia pacifica. Anche davanti il Quirinale, «anche sui tetti se serve».

Ma il timore di poter essere infiltrati da qualche violento li porta a mettere le mani avanti: la parola l'ordine è «non cedere alle provocazioni». Anche Alessandro Di Battista mette in guardia: «dobbiamo essere tanti, se siamo 2 mila è un conto se siamo 40 mila un altro. Ma mi raccomando: il comportamento in piazza sia sempre consono ed intelligente». A Roma è atteso anche Beppe Grillo e la speranza della truppa M5s è che possa fare un salto in piazza per sostenere la protesta, magari proprio giovedì: «Tutto è possibile» è l'unica informazione che filtra. Sulle barricate anche la sinistra: i capigruppo di Si-Possibile e Articolo 1-Mdp Giulio Marcon e Francesco Laforgia parlano di una nuova «pagina nera per la democrazia» e ricordano che solo «in tre casi nella storia del Parlamento italiano è stato chiesto il voto di fiducia sulla legge elettorale: la legge Acerbo, la legge truffa e l'Italicum». Per Roberto Speranza la fiducia sulla legge elettorale «a pochi giorni dallo scioglimento delle Camere è oltre i limiti della democrazia. Qui - avverte - si sta scherzando col fuoco».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Ottobre 2017, 20:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Rosatellum, asse M5S-Mdp: il fronte del "no" accerchia Montecitorio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti