Statali, Bongiorno: «Sostituiremo tutti i prepensionati con quota 100»

Statali, Bongiorno: «Sostituiremo tutti gli statali prepensionati con quota 100»

di Luca Cifoni

Ministro della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno, i dipendenti pubblici stanno presentando le domande per la pensione anticipata con Quota 100. Quanti di quelli che escono saranno sostituiti?
«Assolutamente tutti: per ogni cessazione ci sarà un’assunzione. Ma mi lasci precisare un punto, a proposito di Quota 100».

Prego.
«Questo provvedimento, in generale ma in particolare per quel che riguarda la pubblica amministrazione, è stato pensato con una duplice finalità: permettere alle persone che lo desiderano di andare in pensione, ma anche stimolare un ricambio generazionale. Quindi non mi preoccupano le uscite, anzi. Semmai c’era la preoccupazione opposta, il timore che questa opportunità potesse interessare fino ad un certo punto. Invece l’obiettivo è stato centrato, anche grazie alla norma che abbiamo inserito per permettere ai dipendenti in uscita di incassare subito l’anticipo di 45 mila euro sul Tfr o Tfs. Altri governi non avevano avuto questa attenzione».

I numeri delle domande sono quelli che vi aspettavate?
«Per ora direi che sono in linea con le attese, anche tenendo conto della scuola che ha un canale proprio, già chiuso al 28 febbraio e di cui avremo presto un aggiornamento dei dati».

Però c’è il problema di procedere concretamente al rimpiazzo di chi lascia il servizio. I sindacati segnalano il rischio che non siano garantiti servizi essenziali.
«Avevo ben presente questa esigenza e quindi è stato previsto per i dipendenti pubblici in uscita un preavviso di sei mesi, a differenza dei privati. Serve proprio a garantire la continuità del servizio pubblico, permette di programmare una staffetta, un passaggio di funzioni tra chi entra e chi esce».

Ma perché un lavoratore sia effettivamente assunto bisogna che l’amministrazione abbia le risorse per farlo, e che sia stata completata la procedura di concorso. Tutto ciò non rende il concetto di staffetta un po’ teorico?
«Prendiamo la sanità che è uno dei settori più delicati. Abbiamo previsto la possibilità di procedere alle assunzioni con lo scorrimento della graduatoria. E questo fa risparmiare molti passaggi. Com’è noto per un’esigenza di qualità della pubblica amministrazione io avevo fatto la scelta impopolare di cancellare molte vecchie graduatorie, ma nella sanità sarà comunque possibile fare riferimento ad un bacino allargato di idonei. E affrontiamo anche il problema dell’anno di tempo che normalmente le amministrazioni devono attendere».

Problema dovuto al fatto che il turn over del 2019, pur se al 100 per cento, si riferisce ai fabbisogni di personale del 2018 e quindi non comprende le uscite di Quota 100.
«Sì. Al Senato nell’iter di conversione del “decretone” è già stata prevista per Regioni ed enti locali la possibilità di allargare i fabbisogni e stiamo pensando di dare questa possibilità anche alle aziende sanitarie locali».

Per quanto riguarda lo Stato centrale, la legge di Bilancio per garantire risparmi ha rinviato tutte le assunzioni al 15 novembre. Non è un problema anche questo?
«No, intanto ci sono le assunzioni autorizzate e da autorizzare relative agli anni precedenti, inoltre se lavoriamo bene, alla scadenza tutto sarà pronto per assumere. Comunque nel settore della giustizia su questo punto è stata prevista una deroga, con la possibilità di 1.300 nuovi ingressi già da a luglio. E non dobbiamo dimenticare il piano di assunzioni straordinario già previsto nella stessa legge di Bilancio».

Resta il nodo dei concorsi.
«Lo reputo un tema centrale. Sono stati bloccati per tanti anni e ora bisogna fare un salto di qualità. L’obiettivo è che siano regolari, ciclici. E le procedure devono essere più rapide: uno dei problemi è ad esempio il tempo di correzione dei compiti, perché le commissioni che non sono retribuite ci mettono tanto. Quindi uno degli obiettivi è creare commissioni che lavorino a tempo pieno. Poi credo molto nei concorsi unici decentrati sul territorio, che evitano tra l’altro il fenomeno delle migrazioni tra le varie aree del Paese».

Riassumendo: tutte le uscite di Quota 100 saranno rimpiazzate ma con che tempi? Ce la farete per fine anno?
«Ripeto, l’obiettivo è che un lavoratore esca e l’altro entri. Diciamo che a fine anno faremo un primo bilancio, e io credo che sarà positivo».

Pochi giorni fa il Consiglio dei ministri ha approvato ben dieci disegni di legge delega per la semplificazione e la codificazione in molti settori diversi. Sono temi ampi e trasversali. Non c’è il rischio di invadere il campo del Parlamento?
«Non credo proprio che ci sia questo rischio. Si tratta di superare i precedenti interventi di semplificazione che risultavano circoscritti e producevano pochi effetti. L’obiettivo è intervenire a 360 gradi, con un meccanismo di ghigliottina per leggi inutili o duplicate e l’ambizione di eliminare gli oneri burocratici inutili. Le deleghe sono formulate in modo tale da lasciare al Parlamento tutto il suo spazio».

Da quest’anno sono di nuovo scaduti i contratti dei dipendenti pubblici. Inizierete il confronto come chiedono i sindacati?
«Intanto va ricordato che nella legge di Bilancio sono state stanziate risorse significative quanto meno come base di partenza. Ascolterò i sindacati e poi verificheremo il da farsi».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 6 Marzo 2019, 00:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Statali, Bongiorno: «Sostituiremo tutti i prepensionati con quota 100»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-03-06 21:08:52
ma servono? vale la pena di sostituirli o meglio risparmiare soldi e risorse? ma dai, anche ne mancassero 3 su quattro non se ne accorge nessuno, ma, se quelli che restano devono sistemare figli, parenti ed amici del paese, paesani, allora si spiega., avanti con i finti concorsi pubblici ed i posti riservati, come sempre.
2019-03-06 19:44:12
Brava!
2019-03-06 18:43:50
Beh, non dovrebe essere una novità da giornale. Se il governo ha fatto la legge per quota 100 sapendo che andranno in pensione decine di migliaia di dipendenti pubblici deve essere il primo ad onorare la legge fatta per come dice dimjos e il salvini per dare lavoro ai giovani, dottori, infermieri..... Realisticamente mi aspetto una assunzione ogni due uscite, ma, mi vien da ridere. Ludmillo, vero però la sanità sta già in mano al 60% ai privati, molti ospedali sono in coopartecipazione faccia questo conto, la maggior parte dei laboratori d'analisi offre dei pacchietti suddivisi per sesso, età.... che costano ORA meno del ticket del SSN, infatti, senza andare dal medico , dover spendere i 10€ per l'impegnativa (una) e mezza giornata di coda, si va al centro analisi privato si fa il pacchetto ed è tutto a posto, come pace di quelli che sostengono questa situazione. Ci renderemo conto presto però che non appena il SNN verrà soppiantato dai privati e dalle assicurazioni ci troveremo di fronte a questa risposta... spiacente la sua assicurazione non copre i costi di quella cura, o paga o.... Nei tre anni che ho lavorato in texas, la mia assicurazione copriva anche la fasciatura di un dito, uno dei lavoratori messicani che lavorava come operaio nella squadra doveva operarsi ad un ernia ma non aveva assicurazione ora è in una carozzella di fortuna fatta di legni e stracci.
2019-03-06 18:01:06
non vedo medici specialisti all'orizzonte, questo vuol dire solo una cosa che si vuole vedere il gioiello sanità pubblica italiana al privato
2019-03-06 15:04:31
Pie illusioni a meno che non obbligate con un decreto assunzioni forzate gente forse esperta sulla carta pero senza esperienza in pratica