“Partito gay” pronto a scendere in campo: registrato il simbolo

PER APPROFONDIRE: partito gay, simbolo
“Partito gay” pronto a scendere in campo: registrato il simbolo
Il 'Partito gay' si prepara a fare il suo ingresso nell'agone politico. Il simbolo c'è già ed è stato depositato lo scorso 30 agosto presso l'Ufficio italiano brevetti e marchi del Ministero dello Sviluppo economico. Proprietario del marchio è Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center e attivista Lgbt, nonché ex presidente dell'Arcigay di Roma. Due le 'soluzioni' grafiche depositate da Marrazzo: 'Partito gay' e 'Lista gay'. In entrambi i loghi ci sono i colori dell'arcobaleno, con la scritta 'Europa, Italia' all'esterno del cerchio.

«Per ora - spiega Marrazzo, interpellato dall'Adnkronos - si tratta ancora di un'idea embrionale. Ma siamo disposti a scendere in campo qualora la politica si dimostrasse sorda alle nostre richieste. Con questa iniziativa vogliamo soprattutto dimostrare che promuovere temi come i diritti delle persone omosessuali non fa perdere voti». A suggerire a Marrazzo l'idea di fondare un partito gay sono stati i risultati di un sondaggio commissionato da Gay Center alla Euromedia Research di Alessandra Ghisleri e presentati in conferenza stampa alla Camera lo scorso 23 gennaio. 

Stando alla rilevazione, realizzata nel pieno dell'ultima campagna elettorale su un campione nazionale, il 6,2% degli italiani voterebbe per una 'lista gay' «senza che sia mai stata fatta alcuna proposta in tal senso», mentre il 27,3% degli elettori vedrebbe comunque con interesse la nascita di un movimento di questo tipo. Da quel sondaggio, spiega Marrazzo, «è emerso come i temi delle battaglie storiche Lgbt siano trasversali nel panorama politico italiano. Gli elettori Lgbt sono presenti in tutti i partiti». Infatti, osserva, «il partito più 'gay friendly' è risultato Fratelli d'Italia», dal momento che il 67,7% degli elettori della forza politica guidato da Giorgia Meloni avrebbe espresso opinioni positive e di vicinanza a gay, lesbiche e transessuali.

Sempre secondo il sondaggio Euromedia, all'interno di una coalizione una 'lista gay' potrebbe arrivare fino al 4% assieme al M5S. Con il Pd toccherebbe quota 3%, con Leu il 2,1% e con il centrodestra l'1,9%, mentre arriverebbe all'1,6% se si presentasse fuori da ogni coalizione.

Tra i giovani under 25 una 'lista gay' potrebbe addirittura superare il 14%.

«Il nostro - sottolinea Marrazzo - è un processo di 'stimolo' alla politica per spingerla ad affrontare queste tematiche e a dare risposte alla comunità Lgbt. Se queste risposte non dovessero arrivare, potremmo valutare un impegno diretto in politica». Insomma: per ora il simbolo c'è, ma per dar vita a un vero e proprio partito potrebbe volerci ancora del tempo.

«Intanto noi dialoghiamo con tutti. Ci aspettiamo risposte da questo governo. Abbiamo incontrato il sottosegretario M5S alle Pari Opportunità Vincenzo Spadafora, che ha preso una serie di impegni per la tutela (da un punto di vista istituzionale ma anche eventualmente legislativo) delle vittime di discriminazione, che spesso si ritrovano da sole nel momento in cui denunciano», aggiunge il portavoce di Gay Center.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 9 Settembre 2018, 22:52






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
“Partito gay” pronto a scendere in campo: registrato il simbolo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2018-09-11 06:18:27
ma basta per carita'. C'era il partito dei pensionati, degli automobilisti eccetera. Ma quanti frazionamenti politici debbono crearsi ?
2018-09-10 19:58:43
Ma io se fossi gay voterei PD, o meglio ancora LUE, per motivi facilmente intuibili...
2018-09-10 15:17:18
il partito gay è solo una scissione del PD, se prenderà il 6% vuol dire che il Pd dal 16% passera al 10%, non vedo novità, chi votava il PD oggi lo votava già.
2018-09-10 15:06:27
Anche questo ci sta: Hanno parcheggiato lungo una delle strade più frequentate di Miami Beach e hanno iniziato a praticare sesso orale in auto. In pieno giorno e davanti ai passanti sbigottiti, finché qualcuno ha chiamato la polizia. All'arrivo, gli agenti si sono trovati di fronte due uomini, talmente impegnati nelle loro effusioni da non accorgersi della loro presenza. Ma la sorpresa maggiore è arrivata dopo, quando i poliziotti hanno identificato i due porcelloni: che rispondevano ai nomi di Diego Berrio, 39 anni, e Edwin Cortez, 30. Entrambi preti cattolici dell'Arcidiocesi di Chicago. I due sono stati arrestati per atti osceni in luogo pubblico mentre l'Arcidiocesi ha preferito non commentare, pur aggiungendo che aveva avviato un'inchiesta sui due. Penso che il papa stia ancora pregando,ma in silenzio. Ahahahahahah
2018-09-10 17:52:23
Lei sì che sa colpire nel segno. Ma non me la prendo certo con Lei, me la prendo con quelle schifezze umane che all'ombra della Chiesa fanno fanno ogni sorta di porchherie. Me la prendo ancora con quella parte della Chiesa che ha deciso di fargli ombra.