Migranti, Viminale blocca nave italiana con 66 a bordo: trasferiti sulla Diciotti della Guardia costiera. Scontro nel governo

PER APPROFONDIRE: matteo salvini, migranti, vos thalassa
Migranti, Viminale blocca nave italiana Vos Thalassa con 66 a bordo: trasferiti sulla Diciotti della Guardia costiera
Tensione nel governo per 66 migranti trasferiti a bordo della nave Diciotti della Guardia costiera dopo essere stati salvati in acque libiche dalla Vos Thalassarimorchiatore italiano solitamente a servizio delle piattaforme petrolifere. Il Viminale ha detto no allo sbarco in Italia e non ha indicato un porto dicendo che il trasbordo è stato deciso dalla Capitaneria. C'era un «pericolo per l'equipaggio» della Vos Thalassa, ha sottolineato il ministro delle Infrastrutture Toninelli. «Stiamo ragionando. Se qualcuno ha fatto qualcosa che va contro la legge appena sbarca in Italia finisce in galera e non in un centro di accoglienza», ha detto Salvini assicurando che «il governo si muove in maniera compatta e univoca sull'immigrazione e non solo». 

LEGGI ANCHE Migranti, Salvini: «Bloccherò rientro da Germania e Austria»
LEGGI ANCHE Migranti, il governo all’Ue: aiuti alla Libia

 
«Orgoglioso della Guardia Costiera italiana che con nave Diciotti ha preso a bordo i migranti che stavano mettendo in pericolo di vita l'equipaggio dell'incrociatore italiano Vos Thalassa. Ora avanti con indagini per punire facinorosi», ha scritto il ministro delle Infrastrutture su Twitter. Poi ha aggiunto: «La nave Diciotti è in arrivo entro 10-15 ore, dipende dalle condizioni del mare. Pensiamo che ci saranno dei fermi e degli arresti a carico di chi ha minacciato di morte i membri dell'equipaggio».

 
«Il Governo si muove in maniera compatta e univoca sull'immigrazione e non solo», ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini parlando con i giornalisti a Palmi in relazione alle ipotizzate tensioni all'interno dell'Esecutivo. Da parte del Viminale, poi si precisa, non c'è ancora alcuna indicazione sul porto d'arrivo per la nave Diciotti.a Guardia costiera è intervenuta perché il comandante della Vos Thalassa ha segnalato una situazione di «grave pericolo» per l'equipaggio - tutto composto da italiani - minacciato da alcuni migranti soccorsi all'arrivo in zona di una motovedetta libica. Lo fa sapere la guardia costiera. Il rimorchiatore d'altura battente bandiera italiana Vos Thalassa, ricostruisce la guardia costiera, nella giornata di domenica, dopo aver avvistato un barchino in procinto di affondare nelle acque internazionali prossime alle piattaforme petrolifere, dove opera, ha soccorso i 67 migranti a bordo, di cui 58 uomini, 3 donne e 6 minori. Il comandante della nave, in diverse comunicazioni anche via mail alla Centrale Operativa della Guardia Costiera a Roma, ha segnalato una situazione di grave pericolo per la security della nave e del suo equipaggio, composto da 12 marittimi, tutti di nazionalità italiana, causato da «atteggiamenti minacciosi nei confronti dell'equipaggio stesso da parte di alcuni migranti, all'arrivo in zona della Guardia Costiera libica».

Alla luce di questa situazione e a seguito di ulteriori comunicazioni tra il comandante del Vos Thalassa e la Centrale Operativa della Guardia Costiera, «si è reso necessario far intervenire nave Diciotti della Guardia Costiera, a tutela dell'incolumità dell'equipaggio del rimorchiatore battente bandiera italiana, che intanto dirigeva verso nord». La Guardia costiera ha infatti il compito di tutelare la sicurezza sulle navi battenti bandiera italiana. La Diciotti, in una cornice di sicurezza garantita da un proprio boarding team e da un elicottero della Marina Militare, ha preso a bordo i migranti, terminando il trasbordo intorno alle 22 di ieri. Accertate le buone condizioni di salute dell'equipaggio, la Vos Thalassa ha potuto riprendere la navigazione per ritornare alle proprie ordinarie mansioni commerciali.


Il «problema politico» posto dal ministro dell'Interno Matteo Salvini al premier Conte, al vicepremier Di Maio e a Toninelli sulla vicenda dei migranti soccorsi dalla Vos Thalassa, fa sapere il Viminale, è il seguente: «la guardia costiera italiana non può sostituirsi a quella libica, soprattutto se i colleghi africani sono già entrati in azione».

Intanto la Difesa fa sapere che «non c'è nessun caso Trenta-Salvini, il governo rema unito e compatto verso la stessa direzione». Il riferimento è alle recenti polemiche in merito alla missione europea Eunavformed.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Luglio 2018, 09:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Migranti, Viminale blocca nave italiana con 66 a bordo: trasferiti sulla Diciotti della Guardia costiera. Scontro nel governo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 50 commenti presenti
2018-07-11 04:26:09
Io non avrei mandato la guardia costiera ma il San Marco avrebbero sedato la rivolta in 5 minuti e li avrebbero riportati in libia. Piaccia o meno a certa gente questa è pirateria e come tale va trattata
2018-07-11 16:00:12
dopo quella "nota faccenda" credo che anche dei maro' prima di fare il loro chiederebbero l'ordine scritto del PdR CinC dellaNATO e Segretario Generale dell'ONU(c'erano giudici italiani perfino piu' cattivi degli Indiani invece che "omicidio colposo" li accusavano di "omicidio volontario)
2018-07-11 19:31:54
Purtroppo hai ragione! Ma non si può criticare i magistrati anche se non condivido propio per niente il loro operato. Ma fintanto che saranno liberi ed irresponsabili delle loro sentenze.... Ci vogliono i giudici eletti e la responsabilità civile e penale degli stessi Altrimenti sono e resteranno per sempre i padroni del nostro paese.
2018-07-11 00:14:02
Churchill lo disse:Italia,ventre molle dell'Europa...nessuna fierezza.
2018-07-10 23:45:58
... si rendono conto questi ultra-specializzati della Marina Militare Italiana della nave U. Diciotto (l'addestramento di questi ultra-specializzati marinai ITALIANI e' tutto pagato dai soliti Italiani che pagano le tasse o si indebitano IN Italia) che sono diventati SOLO TANTI Capitan Schettino? In tutto il mondo ORA CAPISCONO che basta avere a bordo dei "migranti" BULLI e voila'......tutto si spiana, si trova UNA soluzione, ALTRI PAGANO o si INDEBITANO, e i vari Daniele Tonineli e capitan Schettino fanno esattamente cio' che i TRAFFICANTI e/o MERCANTI di persone Umane --in questo caso Africani di vari Paesi NON in guerra -- VOGLIONO. ....e l'Italia si INCHINA (UNICO paese AL MONDO). Questa non solo e' idiozia, ma ben peggio...