Migranti dalla Libia, Salvini: terroristi sui barconi sono una certezza

PER APPROFONDIRE: libia, matteo salvini, migranti, viminale
Migranti dalla Libia, Salvini: terroristi sui barconi sono una certezza
Sulla temuta ondata di migranti che potrebbe arrivare dalla Libia nel caos, Salvini tiene il punto contro Di Maio e Trenta e dopo le polemiche per la direttiva del Viminale. Gli alleati di governo aprono all'accoglienza di chi fugge dalla guerra? Salvini ribadisce che «il rischio terriristi sui barconi è una certezza» e che «in Italia non si sbarca senza permesso». Ieri il governo di Serraj ha paventato il rischio che il conflitto libico favorisca la fuga dalle carceri del Paese di circa 400 militanti Isis.

Salvini contro Raggi: «Roma non merita la situazione in cui versa»

«Il problema è che in Libia ci sono migliaia di terroristi islamici: il rischio di infiltrazioni sui barchini è una certezza. Per questo devo ribadire che in Italia non si sbarca. Non si arriva senza permesso», ha detto il ministro dell'Interno a Radio anch'io su Radio1 Rai, aggiungendo che «quest'anno abbiamo ridotto del 92% gli arrivi via mare e dimezzato il numero di morti e dispersi. Evidentemente una politica seria e rigorosa dà risultati».

«Il ministro dell'Interno è l'autorità nazionale di pubblica sicurezza e deve autorizzare lo sbarco. Ho tutta l'autorità di decidere. Il porto lo assegna il ministro dell'Interno, può piacere o no, gli italiani mi pagano per difenderli e questo sto facendo», ha aggiunto. Quanto alla presa di posizione contraria da parte dei generali, il ministro replica: «Non ho tempo per rispondere a polemiche. Mi si citi nome e cognome di un generale che mi ha criticato. Si dice, pare, sembra... per questo non leggo i giornali».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 17 Aprile 2019, 09:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Migranti dalla Libia, Salvini: terroristi sui barconi sono una certezza
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2019-04-17 22:04:27
Questo che sto scrivendo non è una opinione, ma una domanda......Egitto, Sudan, Ciad, Algeria, Tunisia, Niger....sono 6 stati che confinano con la Libia.....domanda: Perché i possibili profughi di guerra devono affrontare un pericoloso e costoso viaggio in mare per venire in italia? Nei 6 paesi citati ci possono andare a "piedi". Accogliere i profughi di guerra è un dovere di ogni stato, quindi anche dei sopra citati. Considerazione: l'Egitto sta appoggiato chi sta creando questa situazione, quindi corresponsabile della situazione che ovviamente si va a creare.....quindi, accolga questo stato quello che questa guerra (profughi) andrà a produrre. Suggerimento: mi auguro che lo stato italiano crei un blocco, e che nessuno di questi nuovi profughi, ben supportati da una valida scusa (la guerra) entrino in italia, ma vadano distribuiti negli stati confinanti.....dite che non si può?....scommettiamo che qui in Ungheria ben ne arriverà nemmeno uno? Volere è Potere.
2019-04-17 16:49:31
sarebbe ora che migranti, fuggitivi, profughi non entrassero piu' in Italia: hanno solo procurato malanni, importato malattie, terroristi. Le sinistre in Italia sperano molto in loro per avere un consenso elettorale: Salvini fa bene di chiudere porti anche se non conosce per nome i terroristi.
2019-04-17 14:53:01
Alla faccenda che i generali abbiano criticato un ministro, conoscendo i militari, non ci credo nemmeno se mi vengono davanti in ginocchio a giurarmelo.
2019-04-17 14:47:54
Mi fa piacere che salvini abbia nomi e cognomi dei terroristi in partenza per l'italia, sarebbe la sua prima volta che ne imbrocca una, bravo.
2019-04-17 14:42:43
Spieghiamoci bene: non sono migranti coloro che fuggono dalla guerra e dalle violenze in Libia ma rifugiati, profughi. E l’Italia, che ha sottoscritto Accordi e Convenzioni internazionali, deve rispettare quello che ha firmato. Quello che può e a mio giudizio dovrebbe fare il Ministro dell’Interno, l’On. Matteo Salvini, è chiedere ai Politici e Ministri degli Stati Europei che condividono la sua idea, di accogliere e ospitare sul proprio territorio una quota di profughi. Poche chiacchiere e più fatti, concretezza.