Mes, nasce l'asse tra Di Battista e Di Maio: «Così non va, non conviene all'Italia»

PER APPROFONDIRE: alessandro di battista, conte, di maio, mes
Mes, Di Battista sostiene Di Maio: «Così non va, non conviene all'Italia»

di Simone Canettieri

Negoziare all'Eurogruppo e con i leader europei, ottenere almeno un rinvio della firma del Meccanismo europeo di stabilità. Per raffreddare gli animi in Senato. Per evitare che l'11 dicembre una spaccatura della maggioranza apra una crisi politica. Il rischio c'è, affermano dal Pd, anche perché il gruppo M5s è spaccato e imprevedibile. In più, preoccupa l'asse di Luigi Di Maio con Alessandro Di Battista contro il fondo salva Stati: «Il M5s è ago della bilancia, decidiamo noi». Il ministro degli Esteri invia un segnale distensivo parlando di «sintonia» con Giuseppe Conte, dopo una telefonata con il premier. Ma non basta a tranquillizzare gli alleati. «La linea non la indica Conte ma Di Maio», avvertono spazientiti i Dem. Le «fibrillazioni» preoccupano, dichiara Iv dopo aver incontrato Conte. 

​Nelle prossime ore gli occhi saranno tutti puntati sul ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, che all'Eurogruppo tratterà con gli alleati europei sul Mes. In discussione non c'è l'impianto del Meccanismo, ma regolamenti secondari ancora oggetto di negoziato. In più, in una «logica di pacchetto», si avvierà la trattativa sull'Unione bancaria, che è ancora a una prima stesura: il ministro, come più volte affermato, dirà che l'Italia si oppone al meccanismo - sostenuto dalla Germania ma per noi svantaggioso - che punta a ponderare i titoli di Stato detenuti dalle banche sulla base del rating dei singoli Paesi. Anche Conte, nei suoi colloqui a margine del vertice Nato di Londra, discuterà del «pacchetto» europeo con gli altri leader, a partire da Angela Merkel ed Emmanuel Macron. Ma è il fattore tempo quello su cui il governo spera di far leva, nell'immediato. 

La firma del Mes, anche per ragioni tecniche, non dovrebbe arrivare prima di febbraio. Da quel momento i singoli Paesi dovranno ratificare il trattato. La speranza è che i dubbi emersi anche in Francia e fattori come la crisi di governo a Malta possano spingere la lancetta un pò più in là. Negoziazioni nell'ambito del «pacchetto» Ue e rinvii saranno la leva sulla quale si cercherà di plasmare un'intesa di maggioranza sulla risoluzione che dovrà essere votata l'11 dicembre in Parlamento, alla vigilia della partecipazione di Conte al Consiglio europeo. Sono «legittime» diverse «sensibilità», dichiara il premier cercando di placare gli animi e assicurando che «l'ultima parola spetta al Parlamento»: «Lavoriamo per rendere questo progetto utile agli interessi dell'Italia». 

Conte-Di Maio, il governo ora trema

Mes, bagarre in aula. Salvini e Meloni: «Conte è un bugiardo»



Conte e Di Maio si sentono al telefono, dopo il plateale gelo andato in scena in Aula alla Camera. «Nessuna contrapposizione», «totale sintonia»: assicurano all'unisono. Di Maio pone anche l'accento sulla «logica di pacchetto», lasciando margini di manovra a chi lavora a una posizione comune di maggioranza. Sui social, però, rilancia l'asse con Alessandro Di Battista dichiarando che «M5s è ago della bilancia» e «chiede del tempo per fare delle modifiche». Da Bruxelles incalza anche Matteo Salvini, che rilancia Mario Draghi come candidato al Colle e incalza il premier proprio sul Mes: «Il trattato non è emendabile, bisogna bloccarlo. Conte ha lo sguardo di chi ha paura e scappa». Lega e Fdi non faranno sconti in Aula. Ed è in Aula che può scoppiare «l'incidente».

Perché, spiegano fonti Dem dal Senato, è impossibile prevedere i comportamenti dei senatori M5s (Paragone e Giarrusso già si sono smarcati): i «contiani» lavorano a un'intesa, ma basta una manciata di voti a far andare in minoranza il governo. Di qui il pressing su Di Maio perché lavori per compattare le truppe su una posizione unica e chiara in asse con il governo. I Cinque stelle fanno sapere che stanno lavorando a una risoluzione di maggioranza, a partire dalle loro posizioni. «Decide Conte, non Di Maio», avverte dal Pd Enzo Amendola. Come a dire: i Dem non sono disposti a cedimenti o a mettere veti sul trattato. Per chiudere, servirà probabilmente un nuovo vertice di maggioranza. Ma, come emerge da un incontro di Italia viva con Conte, i punti di divergenza sono tanti e il clima sempre più agitato.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 3 Dicembre 2019, 12:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mes, nasce l'asse tra Di Battista e Di Maio: «Così non va, non conviene all'Italia»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2019-12-04 05:49:35
Stranamente gli unici fanaticamente a favore sono i sinistri e qui la storia mi puzza. Il grande economista m.m. Con l’italia in piena crisi ci ha massacrati ma ha raccattato una quarantina di milioni per salvare chi aveva investito nei fondi greci. Analogamente ci hanno fregato con il giochino delle banche prima hanno salvato le loro quando è arrivato il momento delle nostre .... Ora secondo la stampa in crisi sono le banche tedesche e...... Mi spiegate perché i sinistri sono sempre favorevoli a spennare gli italiani per aiutare gli altri?
2019-12-03 20:25:54
"Così non và" sopratutto voi due........
2019-12-03 19:41:04
Il gelo tra il leader del M5S e il Premier ieri in Parlamento era palpabile ed evidente. I due si sono quasi sempre ignorati e il leader dei Cinquestelle non ha neanche applaudito gli interventi del Premier. Da notare che mancavano parecchi Parlamentari 5*, quasi a significare l’avversità dei Pentastellati a questo Mes, che sarebbe una vera iattura per l’Italia, difatti avvantaggerebbe solo i Paesi del Nord Europa, primo tra tutti la Germania. In conclusione, stavolta è positiva la posizione del M5S, che non gradisce questo Mes voluto fortemente solo dal PD, chissà perché...
2019-12-03 17:18:22
Povera Italia non avrei mai pensato che potesse diventare ostaggio di nulla facenti
2019-12-03 15:48:03
Spero sia la volta buona che si riformi un governo legagrillino, stanno così bene salvini e di maio assieme. Difficile scordarsi le ripetute avance di salvini a di maio per ritornare a governare assieme, speremo ben forza ragazzi.