Meloni-Macron, dalla Tunisia al nucleare: ecco gli «interessi che collimano»

A margine del Consiglio europeo infatti, in una sala appartata dell’hotel Amigo di Bruxelles, i leader hanno chiuso il sipario su lunghi mesi di ripicche

Venerdì 24 Marzo 2023 di Francesco Malfetano
Meloni-Macron, dalla Tunisia al nucleare: ecco gli «interessi che collimano»

«Ci sono interessi che collimano». Giorgia Meloni sintetizza così il lungo tete-a-tete avuto ieri notte con Emmanuel Macron. A margine del Consiglio europeo infatti, in una sala appartata dell’hotel Amigo di Bruxelles, i leader hanno chiuso il sipario su lunghi mesi di ripicche per portare sotto i riflettori quei dossier che, a vicenda, ritengono determinanti. 

Meloni-Macron, gli interessi comuni

In particolare nel confronto con l’inquilino dell’Eliseo, Meloni ha cercato (e trovato) sponde sulla gestione dell’emergenza tunisina.

Ovvero ha ottenuto che la Francia si allineasse non solo alle parole della premier sui «900 mila migranti in arrivo», quanto ad un eventuale pressing comunitario sul Fondo monetario internazionale. Da settimane Roma è in contatto con le cancellerie di mezza Europa per arrivare allo sblocco della rata da 1,9 miliardi di dollari che permetterebbe a Tunisi di evitare il default finanziario e, di conseguenza, tamponerebbe l’ondata migratoria. «C’è la volontà di agire insieme, sia per aiutare la Tunisia che per ritrovare la stabilità politica, sia per fermare i flussi migratori» ha dichiarato il francese in conferenza stampa. 

 

Dal canto suo invece, al netto di un assoluto interesse comune di Macron e Meloni ad arrivare ad una riforma del Patto di stabilità anti-austerity, Parigi ha strappato il sostanziale impegno italiano ad appoggiare la loro iniziativa che equipara l’idrogeno verde ottenuto dal nucleare a quello da fonti rinnovabili. «Condivido la posizione sulla neutralità tecnologica» ha spiegato la premier prima di lasciare l’Europa Building. «Penso che tutte le tecnologie che possono garantire gli obiettivi dell’Unione europea si è data debbano essere riconosciute, indipendentemente dalla scelta italiana in tema di nucleare».

Ultimo aggiornamento: 25 Marzo, 16:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci