Mercoledì 22 Maggio 2019, 10:37

Salvini e il rosario sul palco, i preti trevigiani: «Strumentalizza la fede»

PER APPROFONDIRE: matteo salvini, preti, rosario, trevigiani
Salvini e il rosario sul palco, i preti trevigiani: «Strumentalizza la fede»

di Mauro Favaro

TREVISO - I preti trevigiani contro il vicepremier Matteo Salvini. Anche sui social network. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è arrivata alla fine della manifestazione della Lega andata in scena a Milano, quando il ministro dell'Interno, rosario in mano, ha invocato la protezione della Madonna. «Sono sicuro che ci porterà alla vittoria», ha scandito. Un'uscita che si aggiunge alla tensione con il mondo cattolico per i porti chiusi e la gestione dei migranti. Ma la Lega blinda il suo leader: «I...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Salvini e il rosario sul palco, i preti trevigiani: «Strumentalizza la fede»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 43 commenti presenti
2019-05-24 13:53:47
Sgarbi non poteva mancare...Il Rosario è diventato un argomento tirato in ballo da opinionisti e talk show, usato come una clava. Le immagini reiterate, viste e riviste, del comizio di Milano di Salvini sono trasmesse e commentate “ad libitum”, per drammatizzare il gesto e farne un uso politico. Non poteva pertanto esimersi dal commentare il bacio del Rosario Vittorio Sgarbi. Un giudizio equilibrato quello del critico d’arte, super partes, visto che non ha mai apprezzato più di tanto Matteo Salvini e le sue politiche. Non è un “adepto” ma uno che motiva i suoi giudizi senza sconti a nessuno. Così, su Twitter, il critico d’arte dice la sua sulla polemica che tanta isteria ha suscitato. «Non deve suscitare scandalo Salvini che bacia il crocifisso, ma i vescovi che non lo fanno perché troppo impegnati a fare politica». Un giudizio più che condivisibile. Gli interventi con ricadute politiche da parte dei vescovi sono stati diversi. I gesti rituali che richiamano a tradizioni e usi profondi, pochi.
2019-05-23 14:28:06
E' arrivato, eccolo...“Non ho parole. Nessuno deve strumentalizzare il Padre Eterno. Nessuno può usare Dio per altri scopi. E mortificante. Dio non può essere usato”. E quanto ha dichiarato don Luigi Ciotti, presidente dell’Associazione Libera, partecipando oggi all’inaugurazione del Parco della Libertà, confessando quello che pensava di Salvini ‘visto’ con il rosario in mano. Ed ha aggiunto: “Dio ci invita a stare dalla sua parte. Che è quella della dignità, della libertà, della vita di tutte le persone”. Buffone, viva Satanasso...ahahah, nel mignolo destro porto il suo anello, Lui mi ha detto che se la ride, mi dice che di Voi non ha paura perchè non avete fede, e se lo dice Lui bisogna credergli.
2019-05-23 11:29:34
Non l’ho visto domenica a messa il Capopopolo. Forse va a quella prefestiva del sabato?
2019-05-22 22:11:21
.....se lo dicono i....simoniaci.....!
2019-05-22 19:21:13
Quando Bergoglio ricevette in dono il crocifisso sulla falce e il martello nessun prete o vescovo disse nulla. Eppure in nome della falce e martello molti sono stati i cristiani uccisi. Li forse per i preti a maggioranza di sinistra l'unione tra politica e religione andava bene.